Testata Passi-One

numero 15 • 22 marzo 2010

 

Se non visualizzi correttamente questa newsletter, leggi la versione on line.

 

25-26 MARZO: RIUNIONE DEL COORDINAMENTO NAZIONALE
Si terrà il 25 e 26 marzo all’Istituto superiore di sanità il primo dei quattro incontri del coordinamento nazionale Passi previsti nel 2010. La Commissione nazionale per la formazione continua ha riconosciuto 8 (otto) crediti formativi a questo evento e l’accreditamento è previsto per tutte le figure professionali. Come emerge dal programma (pdf 30 kb), si vuole mantenere il carattere di confronto tra pari in un organismo interregionale, per consentire la discussione di aspetti operativi e l'aiuto reciproco. L’obiettivo è trasformare poi nel tempo il coordinamento in un organo decisionale a tutti gli effetti. In particolare, l’incontro di marzo è dedicato a se e come costruire network regionali per un migliore utilizzo dei dati della sorveglianza. Sono previste relazioni preordinate e spazi in cui sarà possibile discutere insieme su questioni rilevanti per la gestione del sistema. Il 17 e 18 dicembre 2009 si è svolta la prima riunione del coordinamento per discutere, insieme ai rappresentanti del Ministero-Ccm e delle Regioni, dei risultati e delle potenzialità del Passi, delle esigenze connesse a una sua messa a regime e delle linee di sviluppo per il 2010.

 

ECCO IL NUOVO CLIENT

Sul sito www.passidati.it è disponibile il nuovo client “e-passi 4.0”. È possibile installarlo in modo semplice, seguendo le istruzioni indicate sul sito. Selezionando la Regione di appartenenza, verranno attivati automaticamente gli eventuali moduli aggiuntivi (approfondimento sul diabete e modulo sulla sicurezza sul lavoro). Sostituire il vecchio client e adottare il nuovo questionario entro il 1 aprile garantirà la massima confrontabilità dei dati raccolti.

 

AUSL 2 UMBRIA: FOCUS SUL RISCHIO CARDIOVASCOLARE

Integrare due fonti di informazioni per favorire la programmazione e la valutazione delle attività di prevenzione: è stato l’obiettivo principale della giornata di studio organizzata dalla Ausl 2 dell’Umbria con i Medici di medicina generale (Mmg), svolta a Perugia il 13 febbraio scorso. L’incontro è stato l’occasione per mettere a confronto i dati sul rischio cardiovascolare provenienti dal sistema di sorveglianza Passi e da un accordo con gli Mmg, che hanno raccolto dati misurati direttamente ai pazienti nel corso delle visite ambulatoriali. Guarda le diapositive, leggi l’intervista a Marco Petrella e scarica i report.

 

CONVEGNO IGEA: I DATI PASSI 2007-2008 SULLA POPOLAZIONE DIABETICA
In Italia, nel biennio 2007-2008, il 5% della popolazione tra 18 e 69 anni ha dichiarato di essere diabetico: una malattia più frequente al Sud e nelle Isole, che colpisce soprattutto le persone meno istruite e con problemi economici. Informazione ed educazione dei pazienti sono i settori su cui c’è ancora da lavorare. Molto spesso al diabete si accompagnano altre malattie croniche o fattori di rischio, condizioni che aumentano il rischio di complicanze e che non sempre vengono adeguatamente trattate. In occasione della quarta edizione del convegno nazionale del progetto Igea (18-19 febbraio 2010), il Centro nazionale di epidemiologia dell’Iss presenta i dati 2007-2008 del Passi sulla popolazione diabetica adulta. Leggi anche il commento di Marina Maggini (responsabile del progetto Igea per il Cnesps-Iss).

 

MONITORARE LE DISUGUAGLIANZE
È noto che i determinanti sociali provocano importanti differenze di salute e che costituiscono una sfida per la sanità pubblica del terzo millennio. C’è però ancora un dibattito aperto su quali siano le fonti di informazione più idonee a incoraggiare e supportare l'adozione di politiche di intervento efficaci. I sistemi di sorveglianza epidemiologica possono soddisfare alcune di queste esigenze: un articolo pubblicato sul numero di febbraio 2010 del Bollettino epidemiologico nazionale (Ben) analizza il ruolo del Passi come fonte informativa per il monitoraggio delle disuguaglianze.

 

IN CALENDARIO
Appuntamento a Palermo il 16 aprile 2010 per la presentazione del rapporto 2008 della Regione Sicilia (pdf 71 kb).

 

A COSENZA, SCREENING SOTTO LA LENTE
Focalizzare la discussione sullo stato di due attività di rilievo per la sanità pubblica, soprattutto nell’Italia meridionale: lo sviluppo dei programmi di screening per la prevenzione attiva dei tumori e il potenziamento della rete di registrazione oncologica come elemento essenziale di integrazione delle risorse informative regionali. È stato l’obiettivo generale del convegno “Screening di popolazione e registrazione oncologica: lo stato dell’arte, le criticità, le prospettive di sviluppo”, organizzato dall’Osservatorio nazionale screening e dall’Associazione italiana dei registri tumori (Cosenza, 25-26 febbraio 2010). Nell’occasione sono stati presentati i dati Passi 2008 sugli screening oncologici.

 

SINTOMI DI DEPRESSIONE NEGLI ADULTI: I DATI PASSI 2007
In Italia, nel 2007, quasi una persona su dieci (9,4%) di età compresa tra 18 e 69 anni ha dichiarato di soffrire di sintomi di depressione. E, tra questi, quasi una persona su due (47,2%) non ha mai chiesto aiuto. Chi l’ha fatto si è rivolto soprattutto a personale sanitario. L’età avanzata, il sesso femminile, la bassa scolarità, l’essere disoccupati, la presenza di problemi economici e di malattie croniche sono tutti fattori di rischio associati ai sintomi di depressione. Sono alcuni dei risultati pubblicati a dicembre 2009 in un articolo uscito sulla rivista International Journal of Public Health, sulla base dei dati prodotti dal sistema di sorveglianza Passi. Vai all’approfondimento.

 

È NATA LA WORLD ALLIANCE FOR RISK FACTORS SURVEILLANCE
Dopo una serie di meeting dedicati ai sistemi di monitoraggio e sorveglianza, nel 2007 il ministero della Salute e l’Istituto superiore di sanità hanno ospitato a Roma la quinta edizione della Conferenza internazionale sulla sorveglianza dei fattori di rischio comportamentali. Tema chiave del convegno sono state le modalità di applicazione e implementazione dei sistemi di sorveglianza nel settore della promozione della salute. Tra i risultati del confronto, la nascita della World Alliance for Risk Factors Surveillance (Warfs): un gruppo di lavoro dell’International Union for Health Promotion and Education (Iuhpe) che ha l’obiettivo di mettere a disposizione conoscenze ed esperienze nella sorveglianza come strumenti utili per la promozione della salute. Un articolo pubblicato sulla rivista Global Health Promotion fornisce una panoramica sulla direzione strategica del Warfs e sui nuovi sottogruppi di lavoro appena costituiti.

 

OPINIONI E COMPORTAMENTI RISPETTO ALL’INFLUENZA A/H1N1v
I dati del sistema di sorveglianza Passi hanno fornito tempestivamente il quadro aggiornato della percezione del rischio, delle preoccupazioni e della conoscenza dei messaggi e delle raccomandazioni per ridurre il contagio. Consulta gli ultimi dati (11-24 gennaio 2010) sugli atteggiamenti della popolazione nei confronti dell’epidemia da virus A/H1N1v e le loro variazioni nel tempo.

 

REGIONI E AZIENDE A RAPPORTO
Trento 2008: scarica il rapporto della Provincia Autonoma (pdf 6,2 Mb) e quello del distretto sanitario Valli del Noce (pdf 615 kb).
Asl Roma C: è disponibile il rapporto sintetico 2007-2008 (pdf 2,7 Mb).
Friuli-Venezia Giulia: ecco il report regionale 2008 (pdf 2,7 Mb) e quello della Ass 4 Medio Friuli (pdf 2,1 Mb).
Dalla Puglia arrivano il report regionale 2008-2009 (pdf 7,9 Mb) e quello prodotto dalla Asl di Bari 2007-2009 (pdf 1 Mb).
Anche Veneto (pdf 975 kb) e Umbria presentano i rispettivi rapporti regionali 2008.

 

LA SALUTE DEGLI UMBRI
Si è tenuto a Perugia il 26 e 27 gennaio 2010 il convegno regionale “La salute degli umbri: occasione di approfondimento sul guadagno di salute della popolazione umbra negli ultimi cinque anni”. Durante l’incontro, organizzato dalla direzione regionale Sanità e servizi sociali della Regione Umbria, è stata presentata la descrizione del profilo di salute della popolazione. Due giornate alle quali hanno preso parte le istituzioni territoriali che, a vario titolo, sono impegnate nella definizione di politiche per la salute. Presenti anche le forze sociali e del mondo dell’associazionismo. Per i dettagli, scarica le diapositive.

 

EMILIA-ROMAGNA: I DATI 2008 DELLA SORVEGLIANZA
Il 3 dicembre scorso, a Bologna, è stato presentato il report regionale Passi con i dati completi della sorveglianza in Emilia-Romagna relativi al 2008. Durante la giornata sono stati descritti anche i dati delle altre sorveglianze e indagini correlate ai fattori di rischio comportamentali (OKkio alla Salute, Hbsc, Passi d’Argento). L’incontro ha previsto una rassegna sugli interventi di promozione della salute realizzati in Regione rispetto ai quattro temi di Guadagnare Salute. Guarda le diapositive, scarica il report regionale 2008 (pdf 1,6 Mb), il programma del convegno (pdf 172 kb), le quattro schede sintetiche illustrative su fumo (pdf 280 kb), alcol (pdf 240 kb), attività fisica (pdf 290 kb), obesità (pdf 301 kb) e il commento della giornata di Alba Carola Finarelli (Regione Emilia-Romagna), che ha sottolineato l’importanza di utilizzare i dati delle sorveglianze nel lavoro quotidiano degli operatori di sanità pubblica, perché la sorveglianza dev’essere sempre finalizzata all’azione e all’intervento. L’appuntamento, infatti, è stata l’occasione per parlare delle “famiglie” dei sistemi di monitoraggio, per ricondurre all’unitarietà le diverse sorveglianze e per capire meglio come rendere sistema i dati, diffonderli in maniera efficace e utilizzarli in modo integrato.

 

GUADAGNARE SALUTE A NAPOLI
EpiCentro propone una rassegna generale e conclusiva dell’intera manifestazione “Guadagnare Salute: i progressi delle aziende sanitarie per la salute in Italia” (24-25 settembre 2009), con tutti i materiali utili per gli operatori sanitari: 

Inoltre sono disponibili, in forma anonima, i risultati dell’indagine sul gradimento degli eventi legati alla mostra partecipativa di “Città della Salute”. Su Città della Salute è on line anche un report conclusivo, con le diapositive e i video dell’agorà.

 


Coordinamento editoriale
Eva Benelli • redazione EpiCentro
Stefano Menna • redazione EpiCentro
Web design
Corinna Guercini • redazione EpiCentro

Supervisione e consulenza scientifica
Paolo D’Argenio • Gruppo tecnico Passi
Stefania Salmaso • direttore Cnesps
Supporto tecnico editoriale
Pierfrancesco Barbariol • siti web Cnesps

Logo Guadagnare Salute Logo Cnesps logo CCM