Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

chikungunya

Ultimi aggiornamenti

8/2/2018 - L’Ecdc ricorda la necessità di rafforzare la sorveglianza sulle arbovirosi

In seguito ai recenti ritrovamenti di Aedes aegypti, zanzara in grado di trasmettere arbovirus come quelli di dengue, chikungunya e Zika, il Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc) ha pubblicato una nota sulla necessità di rafforzare la sorveglianza entomologica e le attività di controllo di questo vettore in tutta Europa, per evitare la sua diffusione nei Paesi continentali, da zone più esterne. È infatti dello scorso dicembre la notizia che le autorità sanitarie spagnole hanno rilevato la presenza di Ae. aegypti a Fuerteventura, nelle isole Canarie. Inoltre, in concomitanza di recenti focolai di dengue lungo le coste del Mar Rosso, esemplari di questa specie sono stati identificati all’inizio dell’anno anche in Egitto. Questa zanzara è ormai stabilmente insediata nell’isola portoghese di Madera (dove è stata responsabile di una vasta epidemia di dengue nel 2012-2013), e più recentemente lungo le coste del Mar Nero, da dove potrebbe diffondersi verso ovest, lungo la costa turca. Per maggiori informazioni visita il sito dell’Ecdc.

 

1/2/2018 - Annual Epidemiological Report 2017

Come ogni anno il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) pubblica l’Annual Epidemiological Report (Aer) basato sui rapporti di sorveglianza (Disease surveillance reports) delle singole patologie e dei gruppi di malattie infettive. Ognuno di questi rapporti presenta una panoramica dei dati raccolti nel 2015 dal sistema di sorveglianza Tessy sulla situazione epidemiologica di una specifica patologia nei Paesi membri dell’Unione europea (Ue) e in quelli dello Spazio economico europeo (See). Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.