Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

antrace - carbonchio

Ultimi aggiornamenti

(19 luglio 2012) Ecdc: il nuovo Rapid risk assessment

Al 10 luglio 2012 sono stati segnalati 5 casi di antrace in utilizzatori di droghe per via endovenosa in Paesi europei. Di questi, 3 casi in Germania (uno fatale), 1 in Danimarca (fatale) e 1 in Francia. Per tutti i casi, la data di inizio della malattia si colloca tra i primi di giugno e l’11 luglio 2012. Tramite tipizzazione molecolare è stato possibile dimostrare un alto livello di omologia tra i ceppi di Bacillus anthracis isolati dai primi due casi tedeschi; per il terzo caso segnalato in Germania, lo scarso materiale genetico a disposizione non ha permesso di confermare definitivamente l’elevata omologia con i ceppi isolati dai precedenti casi. Rimane da effettuare la tipizzazione molecolare dei ceppi isolati dai casi riportati da Francia e Danimarca. Al momento, la diffusione geografica dell’eroina potenzialmente contaminata rimane sconosciuta, anche se è possibile un’origine comune a quella associata al focolaio registrato in Scozia nel 2009-2010. In Europa, permane il rischio di esposizione a eroina contaminata tra gli utilizzatori di droghe per via endovenosa e non è da escludere che si manifestino ulteriori casi di malattia tra i tossicodipendenti, per questo motivo è necessario diffondere le informazioni agli operatori sanitari. Per maggiori informazioni leggi il Rapid risk assessment dell’Ecdc “Anthrax cases among injecting drug users Germany, June-July 2012 - Update, 13 July 2012” pubblicato a luglio 2012 e leggi il notizia sul sito Ecdc.

 

(12 luglio 2012) Casi di antrace in Germania: cosa dice l’Ecdc

Nel periodo 13 giugno – 4 luglio 2012 le autorità sanitarie tedesche hanno segnalato tre casi di antrace in utilizzatori di droghe per via endovenosa, dei quali il primo fatale. I primi due sono stati segnalati a Regensburg (stato federale della Baviera), mentre il terzo caso, più recente e in forma cutanea, è stato registrato a Berlino (Stato federale di Berlino). I ceppi dei primi due casi sono risultati identici, o comunque con alto livello di omologia, rispetto a quelli dei casi registrati nel Regno Unito e Germania tra il 2009 e il 2010; il ceppo isolato dal terzo paziente è ancora in fase di tipizzazione. Quest’ultimo caso suggerisce che eroina contaminata starebbe circolando, in Germania, anche fuori dalla regione di Regensburg. L’informazione è riportata nell’ultimo bollettino settimanale dell’Ecdc “Communicable disease threats report, week 27, 1-7 July 2012” (pdf 1,6 Mb). Inoltre, l’Ecdc ha pubblicato il 9 luglio un aggiornamento del risk assessment (datato 6 luglio). Scarica il documento originale (pdf 723 kb) e leggi il comunicato stampa.

 

 


 

trova dati