Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

Malattia da virus Ebola

Aggiornamento epidemiologico

31 marzo 2016 - Dall’inizio dell’epidemia da malattia da virus ebola (Evd) al 27 marzo 2016 (pdf 1,5 Mb), sono stati segnalati all’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) un totale di 28.646 casi sospetti, probabili e/o confermati di Evd e 11.323 decessi, in dieci Paesi (Liberia, Guinea, Sierra Leone, Mali, Nigeria, Senegal, Spagna, Regno Unito, Italia e Stati Uniti d’America).

 

Paesi con una pregressa trasmissione diffusa di Evd

 

L’epidemia da virus Ebola era stata dichiarata conclusa in Sierra Leone il 7 novembre 2015. Tuttavia, il 14 gennaio 2016 sono stati confermati due nuovi casi di Evd. La trasmissione è stata nuovamente dichiarata conclusa il 17 marzo 2016. Questo evento ha confermato il rischio di nuovi focolai nei Paesi in cui il virus ha circolato. Per maggiori informazioni consulta il comunicato Oms “New Ebola case in Sierra Leone. WHO continues to stress risk of more flare-ups”, pubblicato il 15 gennaio 2015.

 

In assenza di nuovi casi in Liberia, il 14 gennaio 2016 l’Oms ha ufficialmente dichiarato la fine della trasmissione di Evd in questo Paese. Anche in Liberia si sono verificati cluster secondari del virus che sono stati controllati in modo rapido.

 

L’epidemia da virus Ebola era stata dichiarata conclusa in Guinea, il 29 dicembre 2015. Il 17 marzo 2016 è stato notificato all’Oms un cluster di Evd in una prefettura sud-orientale del paese. Sono in atto indagini epidemiologiche e misure di controllo. Per maggiori informazioni consulta il “Who: Ebola Situation Report” (pdf 1,5 Mb) del 30 marzo 2016, il comunicato Oms “Hundreds of contacts identified and monitored in new Ebola flare-up in Guinea” del 22 marzo 2016 e l’aggiornamento Ecdc “Epidemiological update: New Ebola cluster in Guinea” del 23 marzo 2016.

 

Per maggiori informazioni sulla situazione epidemiologica nei Paesi colpiti consulta il “Who: Ebola Situation Report” (pdf 1,5 Mb) del 30 marzo 2016 e il comunicato Oms “Guinea, Liberia and Sierra Leone "effectively managing" Ebola flare-ups” del 16 marzo 2016. Mappe aggiornate sull’evoluzione dell’epidemia in Africa occidentale sono disponibili sul sito Oms.

 

Paesi con un caso/i iniziale/i o pregressa trasmissione localizzata di Evd

 

Sette Paesi: Mali, Nigeria, Senegal, Spagna, Regno Unito, Italia e Stati Uniti d’America hanno segnalato all’Oms uno o più casi di Evd importati da Paesi con trasmissione diffusa di Evd.

 

In assenza di nuovi casi in NigeriaSenegal, Spagna, Mali e Regno Unito 42 giorni dopo l’ultima segnalazione, l’Oms ha ufficialmente dichiarato la fine dei focolai di Evd in questi Paesi. Per maggiori informazioni consulta i comunicati dell’Oms: “United Kingdom is declared free of Ebola virus disease” (10 marzo 2015), “Government of Mali and Who announce the end of the Ebola outbreak in Mali” (18 gennaio 2015), “Who congratulates Spain on ending Ebola transmission” (2 dicembre 2014), “The outbreak of Ebola virus disease in Senegal is over” (17 ottobre 2014) e “Nigeria is now free of Ebola virus transmission” (20 ottobre 2014).

 

Il 9 ottobre 2015, il Regno Unito ha notificato l’insorgenza di una insolita complicazione in un soggetto sopravvissuto ad Ebola, 8 mesi dopo la remissione della patologia acuta. Per maggiori informazioni leggi il Rapid Risk Assessment Ecdc “Outbreak of Ebola Virus Disease in West Africa” (pdf 692 Kb), pubblicato il 13 ottobre 2015 e l’aggiornamento del Public Health England “Ebola Epidemiological Update No. 60: 6 November 2015” (pdf 506 Kb).

 

Per maggiori informazioni leggi anche:

Fonti:

  • Organizzazione mondiale della sanità
  • Centers for Disease Control and Prevention
  • European Centre for Disease Prevention and Control.