Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

Influenza

Archivio 2012

(30 novembre 2012) Al via FluNews, il bollettino settimanale delle sindromi influenzali

Al fine di fornire un quadro dettagliato sull’andamento delle sindromi influenzali nel periodo epidemico stagionale e facilitare gli operatori sanitari nell’utilizzo dei risultati dei diversi sistemi di rilevazione, a partire dalla settimana 47 del 2012, il reparto di Epidemiologia delle malattie infettive del Cnesps-Iss presenta – in collaborazione con la Fondazione Isi di Torino, con il Centro interuniversitario di ricerca sull’influenza e con il SSEpi-SeREMI Asl AL (Regione Piemonte) – il bollettino settimanale “FluNews” che integra i risultati di differenti sistemi di sorveglianza. Le informazioni pubblicate nel rapporto prendono spunto dai dati registrati tramite: InfluNet, InfluWeb, e la sorveglianza sindromica degli accessi ai Pronto Soccorso. Leggi la pagina dedicata a FluNews e scarica il bollettino con l’aggiornamento alla settimana 47 del 2012 (pdf 1,1 Mb).

 

(25 ottobre 2012) Sorveglianza delle sindromi influenzali: i bollettini di riferimento

Con l’avvio della stagione influenzale 2012-2013 e della campagna vaccinale in Italia e in Europa, torna l’attenzione sulle sorveglianze delle sindromi influenzali. In Europa, la piattaforma Tessy (The European Surveillance System) raccoglie i dati sulle malattie infettive fornirti dai 27 Paesi Ue e da 3 Paesi Eea. A partire dai dati raccolti da Tessy, l’Ecdc pubblica ogni settimana un bollettino informativo: il Weekly influenza surveillance overview (Wiso). Uno sguardo geograficamente più ampio è dato invece da EuroFlu il bollettino settimanale dell’Oms Europa che utilizza gli stessi dati Tessy per l’area Ue ma li integra con quelli provenienti dai Paesi non Ue ma appartenenti alla Regione dell’Oms Europa. In Italia la sorveglianza Influnet (coordinata dall'Iss in collaborazione con il Centro Interuniversitario sull’influenza, il sostegno del ministero della Salute e con il contributo di Mmg, pediatri di libera scelta, referenti delle Asl e delle Regioni) avvia la reportistica settimanale.

 

(18 ottobre 2012) Rapporto dell’Ecdc sulla stagione influenzale 2011-2012

Partita in ritardo, l’epidemia influenzale della stagione 2011-2012 non ha mostrato una chiara progressione geografica nei Paesi europei. Inizialmente segnalata in 5 Paesi (Bulgaria, Islanda, Italia, Malta e Spagna), alla nona settimana ne aveva coinvolti 19. È quanto emerge dal rapporto Ecdc “Influenza in Europe. Season 2011–2012” (pdf 2 Mb) pubblicato a ottobre 2012. I dati disponibili rivelano inoltre che l’intensità della sindrome influenzale e dei problemi respiratori è stata insolitamente bassa nella maggior parte dei Paesi monitorati e solo 4 hanno riportato valori di incidenza leggermente più elevati rispetto alla stagione precedente. L’incidenza maggiore è stata riscontrata in bambini e neonati tra zero e 4 anni. La maggior parte (98,5%) dei virus influenzali di tipo A isolati nella scorsa stagione appartenevano al tipo A(H3N2) mentre i virus A(H1N1)pdm09 hanno rappresentato solo l’1,5%. La circolazione dei virus influenzali di tipo B è stata estremamente limitata. La caratterizzazione antigenica e genetica dei virus circolanti di tipo A(H3N2) ha mostrato lievi differenze con il virus A(H3N2) contenuto nel vaccino. Per maggiori informazioni visita il sito Ecdc e scarica il documento completo (pdf 2 Mb).

 

(10 ottobre 2012) Al via la sorveglianza Influnet e la campagna vaccinale

Il 15 ottobre riparte la sorveglianza delle sindromi influenzali Influnet. Nel protocollo operativo della sorveglianza non sono state introdotte modifiche di rilievo rispetto alla stagione 2011-2012. All’interno del sito Influnet è disponibile il protocollo operativo e tutta la documentazione relativa alla stagione influenzale 2012-2013, dedicata agli operatori coinvolti nella sorveglianza sentinella della sindrome influenzale. Per maggiori informazioni scarica la circolare del ministero della Salute “Prevenzione e controllo dell’influenza: raccomandazioni per la stagione 2012-2013” (pdf 1 Mb), il rapporto tecnico Ecdc contenente la definizione dei criteri epidemiologici necessari per introdurre la vaccinazione routinaria di bambini, adolescenti e giovani adulti sani nelle strategie vaccinali nazionali e leggi il commento di Caterina Rizzo e Antonino Bella (Cnesps-Iss).

 

(26 luglio 2012) Caratterizzazione del virus influenzale in Europa: il summary report Ecdc

Nei primi sei mesi del 2012, il WHO Collaborating Centre for Reference and Research on Influenza presso il National Institute for Medical Research di Londra (MRC) ha ricevuto e analizzato un totale di 426 campioni di virus influenzali, inviati da 23 Paesi Ue/Eea. Sono stati identificati virus A(H1N1)pdm09, A(H3N2) e virus di tipo B, questi ultimi  prevalentemente appartenenti ai lineage B/Victoria e B/Yamagata. I risultati mostrano che i virus di tipo A sono stati predominanti rispetto ai virus B e che i virus A(H3N2) sono stati predominanti rispetto ai virus A(H1N1)pdm09. Lo riferisce l’Ecdc nel documento tecnico “Influenza virus characterisation - Summary Europe, June 2012”, pubblicato il 19 luglio. Il documento copre il periodo di tempo che va da gennaio a giugno 2012. Per maggiori informazioni leggi il comunicato stampa sul sito dell’Ecdc e scarica il documento completo (pdf 4,1 Mb).

 

(10 maggio 2012) Influnet: terminata la sorveglianza epidemiologica per la stagione 2011-2012

Si è conclusa il 29 aprile scorso, alla 17sima settimana del 2012, la sorveglianza epidemiologica delle sindromi influenzali Influnet, coordinata dall'Iss in collaborazione con il Centro Interuniversitario Ciri, il sostegno del ministero della Salute e con il prezioso contributo di Mmg, pediatri di libera scelta, referenti delle Asl e delle Regioni. La stagione 2011-2012 è stata caratterizzata da un’incidenza di media entità rispetto ad anni di maggiore picco epidemico totalizzando circa 5 milioni di casi. La partecipazione dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera è stata buona per tutto il periodo di osservazione con una copertura media del 2,1% della popolazione italiana. La sorveglianza per la stagione influenzale 2012-2013 riprenderà, il prossimo 15 ottobre (42sima settimana del 2012).

 

(26 aprile 2012) Stime preliminari dell’efficacia sul campo del vaccino 2011-2012

Il 12 aprile Eurosurveillance ha pubblicato un articolo in cui vengono riportate le stime preliminari dell’efficacia sul campo del vaccino antinfluenzale per la stagione 2011-2012, contenente risultati provenienti dallo studio caso-controllo di tipo multicentrico I-Move (Influenza Monitoring Vaccine Effectiveness in Europe) a cui partecipano otto Paesi europei (Francia, Ungheria, Irlanda, Italia, Polonia, Portogallo, Romania e Spagna). Per maggiori informazioni leggi l’approfondimento a cura di Caterina Rizzo e Antonino Bella (reparto Epidemiologia delle malattie infettive, Cnesps-Iss) e consulta l’articolo su Eurosurveillance.

 

(15 marzo 2012) Influenza stagionale 2011/2012. Il risk assessment dell’Ecdc

Quest’anno, in quasi tutta l’Europa l’epidemia di influenza stagionale ha tardato a partire rispetto agli anni precedenti e non ha seguito una particolare progressione geografica. È la caratteristica principale che viene sottolineata dall’Ecdc nel risk assessment sull’influenza stagionale 2011/2012 (pdf 936 kb), pubblicato lo scorso 9 marzo. La riflessione di Caterina Rizzo (reparto Epidemiologia delle malattie infettive, Cnesps-Iss) sul documento che, considerando molteplici fonti informative, è un vero e proprio esempio di attività di sorveglianza integrata necessaria per una valutazione del rischio efficace.

 

(1 marzo 2012) Composizione del vaccino antinfluenzale per la stagione 2012-2013: le raccomandazioni Oms

Tra settembre 2011 e gennaio 2012 sono stati segnalati casi di influenza in tutti i continenti, caratterizzati però da una diversa componente virologica. Infatti l’influenza A(H3N2) ha avuto diffusione soprattutto in Europa, in molti Paesi americani, in nord Africa e in alcuni Stati asiatici. Al contrario la circolazione del virus A(H1N1)pdm09 è stata riscontrata in pochi Paesi dell’Asia e dell’America centrale, con un’intensa attività in Messico tra dicembre 2011 e gennaio 2012. Sono alcuni dei dati presenti nel documento Oms “Recommended composition of influenza virus vaccines for use in the 2012-2013 northern hemisphere influenza season” (pdf 68 kb) pubblicato a febbraio 2012 per fornire un quadro sulla tipizzazione virale che ha caratterizzato la stagione influenzale 2011 e dotare gli operatori sanitari degli strumenti per affrontare la prossima. Il 22 febbraio 2012, infatti, si è svolto il meeting Oms per l’aggiornamento della composizione del vaccino antinfluenzale per la stagione 2012-2013. Le raccomandazioni emanate sono il risultato delle analisi dei dati della sorveglianza virologica, forniti da tutti i Centri nazionali, afferenti alla rete dell’Oms. Scarica il documento completo (pdf 68 kb). Sulle pagine del sito Influnet dedicate alla sorveglianza virologica è disponibile una sintesi in italiano delle raccomandazioni Oms per la composizione del vaccino antinfluenzale per la stagione 2012-2013 (Emisfero Nord) (pdf 118 kb).

 

(23 febbraio 2012) Influenza in Europa: i dati della settimana 6 del 2012 nel bollettino Ecdc

L’attività influenzale nella settimana 6 del 2012 continua a essere in crescita anche se si evidenziano variazioni significative tra i diversi Paesi europei sia dal punto di vista temporale che in termini di gradiente geografico. Nella settimana 6 del 2012 il 96% dei campioni positivi tipizzati in Europa sono attribuibili a virus di tipo A mentre il restante 4% è di tipo B. Ad oggi non è stata riportata alcuna resistenza agli antivirali (oseltamivir and zanamivir). Il virus che circola principalmente è l’A(H3N2) e i dati di sorveglianza sono disponibili sul bollettino settimanale Ecdc: Weekly Influenza Surveillance Overview. Per maggiori informazioni leggi il bollettino settimanale dell’Ecdc relativo alla settimana 6 del 2012 “Weekly influenza surveillance overview week 6/2012” (pdf 1,8Mb).

 

(23 febbraio 2012) Influnet: un primo bilancio della stagione 2011-2012

Come ogni anno, anche nella stagione influenzale 2011-2012, la curva epidemica ha raggiunto il picco all’inizio del mese di febbraio con un valore di incidenza pari a 9,6 casi per mille assistiti. Ad oggi il numero di casi di sindrome influenzale è in diminuzione in tutte le fasce di età e, in modo prevalente, in quelle pediatriche. È quanto emerge da un primo bilancio sui dati raccolti dalla sorveglianza delle sindromi influenzali Influnet, coordinata dall'Iss in collaborazione con il Centro Interuniversitario Ciri, il sostegno del ministero della Salute e con il contributo diretto di Mmg e pediatri di libera scelta. Antonino Bella (reparto Epidemiologia delle malattie infettive, Cnesps-Iss) fa un primo bilancio sulla stagione influenzale 2011-2012.

 

(12 gennaio 2012) Influenza: dal ministero della Salute un nuovo portale web

Informazioni sulla prevenzione dell’influenza e la vaccinazione disponibile, un’area dedicata all’analisi dei sintomi e numerosi test sul livello di conoscenza dell’argomento: sono alcune delle sezioni presenti nel sito Campagnainfluenza.it, il portale del ministero della Salute sulla campagna di comunicazione per la prevenzione dell’influenza e la vaccinazione delle categorie a rischio. La novità di questo sito rispetto al passato è la copresenza di risorse interattive e personalizzate, informazioni istituzionali e strumenti grado di coinvolgere uno strato sempre più vasto della popolazione italiana. Per maggiori informazioni visita il portale Campagnainfluenza.it.

 

(12 gennaio 2012) Continua la sorveglianza Influnet

La curva epidemica dell’influenza stagionale ha iniziato la sua ascesa anche se, nella settimana 1 del 2012, è stata osservata una lieve flessione dovuta probabilmente alla chiusura prolungata delle scuole. Il livello di incidenza totale è pari a 2,79 casi per mille assistiti. Le classi di età più colpite sono quelle pediatriche. Il numero di casi stimati in questa settimana è pari a 169.000, per un totale, dall’inizio della sorveglianza, di circa 998.000 casi. La Regione che segnala maggiore frequenza di sindromi è il Piemonte con un’incidenza pari a 5,6 casi per 1000 assistiti. Lo riferisce il primo bollettino del 2012 (pdf 539 kb) della sorveglianza delle sindromi influenzali Influnet, coordinata dall'Iss in collaborazione con il Centro interuniversitario Ciri e il sostegno del ministero della Salute. La rete si avvale delle segnalazioni di medici di medicina generale e pediatri di libera scelta. Il rapporto presenta una nuova veste grafica che unisce i risultati nazionali e quelli regionali.