Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

Obesità

Obesity day 2015. Il coinvolgimento dell’Italia nella lotta all’obesità infantile nel contesto europeo

8 ottobre 2015 - In Italia, nel 2014, i bambini in sovrappeso erano il 20,9% e i bambini obesi il 9,8% (compresi i bambini severamente obesi che da soli rappresentavano il 2,2%). Quest’ultima rilevazione condotta dal sistema di sorveglianza nazionale OKkio alla Salute, seppur con un lieve miglioramento rispetto al passato, ha confermato il problema dell’eccesso ponderale dei bambini nel nostro Paese, nonostante le molteplici iniziative finalizzate alla promozione dei corretti stili di vita messe in atto a livello regionale. Un problema avvalorato anche dagli ultimi dati pubblicati dall’iniziativa dell’Oms Europa “Childhood Obesity Surveillance Initiative” (Cosi) da cui emerge che il nostro Paese è tra le nazioni a più alta prevalenza di sovrappeso e obesità nei bambini di 8 e 9 anni insieme a Grecia e Spagna, mentre i Paesi del Nord Europa presentano prevalenze più basse (figura 1) [1,2,3,4].

 

Figura 1: Percentuale di bambini sovrappeso+obesi per età e Paese (cutoffs IOTF).

Fonte, Cosi 2010

 

 

L’Italia, infatti, con il contributo di OKkio alla Salute, partecipa all’iniziativa Cosi che ha l’obiettivo di raccogliere dati sull’obesità infantile, in maniera standardizzata, nei Paesi della Regione europea dell’Oms. L’indagine Cosi del 2010 ha coinvolto tredici Paesi (Belgio, Repubblica Ceca, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Macedonia, Norvegia, Portogallo, Slovenia, Spagna, Ungheria e Italia) con un range d’età che oscilla tra i 6-9 anni [5]. Grazie all’elevato coinvolgimento ottenuto dall’Italia nell’ambito del suo sistema di sorveglianza (circa 50.000 bambini misurati e altrettanti genitori coinvolti, con un tasso di risposta del 97%), l’Istituto superiore di sanità è stato coinvolto dall’Oms nella revisione dei questionari Cosi e del protocollo metodologico in vista della IV raccolta dati che partirà a breve a livello europeo e a cui anche l’Italia parteciperà.

 

La necessità di rispondere al bisogno conoscitivo del problema del sovrappeso e dell’obesità nella popolazione infantile per poter intervenire in un’ottica di prevenzione è sempre più evidente. In tal senso si inserisce appieno l’Action Plan on Childhood Obesity 2014-2020, pubblicato a febbraio 2014 dall’Unione europea, e si conferma la necessità e l’importanza di un  sistema di sorveglianza nazionale sugli stili di vita dei bambini della scuola primaria [6].

 

L’impegno dell’Italia nella lotta all’obesità infantile si concretizza ulteriormente con la recente adesione alla Joint Action europea sulla nutrizione e l’attività fisica Janpa (Joint Action on Nutrition and Physical Activity), il cui obiettivo principale è fermare, entro il 2020, la crescente diffusione di sovrappeso e obesità tra i bambini e gli adolescenti, mettendo a fuoco specifici risultati che possano contribuire in modo efficace alle politiche nutrizionali e relative all’attività fisica dedicate all’infanzia. Il progetto coinvolge 26 dei 28 Paesi dell’Unione europea e, a livello italiano, risultano partner l’Istituto superiore di sanità e il ministero della Salute con ruoli e compiti specifici [7].

 

Risorse utili e riferimenti

 

  1. sito web della sorveglianza nazionale OKkio alla Salute
  2. la pagina del sito dell’Oms Europa dedicata alla “Childhood Obesity Surveillance Initiative” (Cosi)
  3. sul sito di OKkio alla Salute la sintesi dei dati nazionali 2014 (pdf 432 kb)
  4. rapporto Istisan 14/11 “Sistema di sorveglianza OKkio alla Salute: dai risultati 2012 alle azioni” (pdf 6,8 Mb)
  5. Wijnhoven TMA, van Raaij JMA, Spinelli A, Starc G, Hassapidou M, Spiroski I, Rutter H, Martos E, Rito AI, Hovengen R, Pérez-Farinós N, Petrauskiene A, Eldin N, Braeckevelt L, Pudule I, Kunesová M, Breda J. “WHO European Childhood Obesity Surveillance Initiative: body mass index and level of overweight among 6-9-year-old children from school year 2007/2008 to school year 2009/2010”. BMC Public Health 2014;14:806
  6. l’Action Plan on Childhood Obesity 2014-2020 (pdf 332 kb) e l’approfondimento pubblicato su EpiCentro ad aprile 2014 a cura di Angela Spinelli e Paola Nardone (Iss) e Daniela Galeone (ministero della Salute)
  7. il sito web ufficiale di Janpa, il comunicato stampa (pdf 578 kb) di avvio della Joint Action e la presentazione “Joint action on Nutrition and Physical Activity” (pdf 441 kb) dei coordinatori di Janpa.