Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

poliomielite

Regione europea Oms: casi di poliomielite in Tagikistan (aggiornamento del 30 settembre 2010)

30 settembre 2010 - Da aprile 2010, lo stato di area polio-free della Regione europea dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) è stato messo in discussione per l’insorgenza di un’epidemia da virus della poliomielite selvaggio (Wpv1) in Tagikistan, nella parte sud-occidentale del Paese, al confine con l’Afghanistan e l’Uzbekistan. Prima di questa segnalazione, l’ultimo caso di poliomielite confermato in Tagikistan risaliva al 1997 e il Paese riportava nel 2008 una copertura vaccinale con Opv dell’87%.

 

Al 10 settembre 2010 in Tagikistan sono stati riportati 705 casi di paralisi flaccida acuta (Afp) e sono stati ufficialmente confermati con analisi di laboratorio 456 casi di infezione da polio selvaggio Wpv1.

 

Dei 456 casi confermati, 90 (19%) avevano un’età inferiore a un anno, 223 (49%) tra l’1 e i 5 anni, 90 (19%) tra i 6 e i 14 anni e 53 (12%) più di 15 anni. L’ultimo caso confermato in Tagikistan risale al 4 luglio 2010 e i decessi sono stati 20 (4,4%).

 

Russia

Dal primo gennaio al 20 settembre 2010 in Russia sono stati registrati 251 casi di Afp e 12 di questi sono stati confermati come casi di infezione da polio virus selvaggio Wpv1. Il più recente caso di poliomielite è stato riportato nella Repubblica Cecena il 10 agosto 2010 in un bambino di 2 anni che non era stato mai vaccinato. In questa regione la Russia sta conducendo delle indagini epidemiologiche e monitorandole attività d’immunizzazione.

 

Turkmenistan

A partire dall’inizio del 2010 il Turkmenistan ha riportato 37 casi di Afp, di cui 3 confermati come casi d’infezione polio selvaggio Wpv1. Tutti i casi positivi sono stati registrati nel Lebap.

 

Uzbekistan

In Uzbekistan, dall’inizio del 2010, i casi di Afp registrati sono stati 91 e ad oggi sono 15 i campioni prelevati dai pazienti e spediti al laboratorio di riferimento regionale per la polio a Mosca. Tutti i campioni sono risultati negativi.

 

Kazakistan

In Kazakistan i casi di Afp che si sono manifestati a partire dall’inizio del 2010 sono stati 54. Dalle analisi di laboratorio 46 casi sono risultati negativi per la poliomielite e 8 sono ancora da accertare.

 

Nel mese di settembre 2010 il ministro della Salute del Kazakistan ha lanciato una campagna di vaccinazione contro la poliomielite destinata a circa 1,8 milioni di bambini fino ai 6 anni di età, che ha coinvolto più di 4500 squadre di vaccinazione, di cui oltre 1200 mobili. Il governo kazako si è dotato di oltre 2 milioni di dosi di vaccino antipolio orale trivalente, ha messo a punto una campagna di comunicazione con il sostegno dell’Unicef e, grazie al supporto dell’Oms e dell’Agenzia americana per lo sviluppo internazionale (Usaid), ha organizzato un workshop nazionale per preparare l’iniziativa.

 

Il Governo kazako si è procurato oltre 2 milioni di dosi di vaccino e ha organizzato una campagna di comunicazione per sostenere l’Unicef. La campagna d’immunizzazione ha coinvolto più di 4500 squadre di vaccinazione di cui 1200 mobili e i bambini sono stati vaccinati in oltre 6 mila punti riservati all’immunizzazione.

 

Kirghizistan

Dal primo gennaio 2010 in Kirghizistan sono stati riportati 42 casi di Afp. Secondo le analisi dei laboratori di Mosca, di questi 32 sono negativi per la polio e altri 10 incerti.

 

Tagikistan

In Tagikistan l’epidemia di poliomielite ha colpito più di 400 bambini. I primi casi sono stati confermati il 23 aprile 2010 in seguito alle analisi di alcuni campioni provenienti da pazienti con Afp presso il laboratorio di riferimento russo per la polio. Grazie a una campagna di vaccinazione di massa e all’aiuto di una squadra di esperti, non si sono verificati nuovi casi dal 4 luglio. La strategia d’immunizzazione ha previsto prima la vaccinazione di 1,1 milioni di bambini sotto i 5 anni con due dosi di vaccino orale monovalente e successivamente quella di tutti i bambini sotto i 15 anni.

 

Risorse utili