Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

salmonella

Documentazione

In Europa

 

Joint Rapid Outbreak Assessment – Multi-country outbreak of Salmonella Enteritidis

Documento congiunto Efsa-Ecdc, pubblicato il 27 ottobre 2016, relativo al focolaio plurinazionale di Salmonella registrato tra maggio e ottobre 2016 da sette Paesi Ue/Eea. Per maggiori informazioni consulta il documento completo “Joint Rapid Outbreak Assessment - Multi-country outbreak of Salmonella Enteritidis” (pdf 725 kb), il comunicato stampa dell’Efsa (in italiano).

 

The European Union summary report on trends and sources of zoonoses, zoonotic agents and food-borne outbreaks in 2014 (pdf 7,1 Mb)

Report europeo sulle zoonosi e sugli episodi epidemici di tossinfezione alimentare pubblicato dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) e dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) il 17 dicembre 2015. Il documento presenta i dati sulla sorveglianza delle infezioni da agenti zoonotici nell’uomo e il relativo monitoraggio nelle fonti alimentari e nei serbatoi animali relativi al 2014. Leggi la riflessione a cura di Luca Busani, Caterina Graziani, Gaia Scavia (Dipartimento di Sanità pubblica veterinaria e sicurezza alimentare, reparto di Epidemiologia veterinaria e analisi del rischio, Iss) e i comunicati stampa sul sito dell’Ecdc (in inglese) e dell’Efsa (in italiano).

 

The European Union Summary Report on Trends and Sources of Zoonoses, Zoonotic agents and Food-borne Outbreaks in 2012 (pdf 13 Mb)

Report 2012, pubblicato a febbraio 2014 da Efsa-Ecdc, su zoonosi e focolai di tossinfezione a trasmissione alimentare nell’Ue. Scarica anche l’infografica (pdf 302 kb).

 

European Union Summary Report on Trends and Sources of Zoonoses, Zoonotic Agents and Food-borne Outbreaks in 2011 (pdf 11,4 Mb)

Rapporto annuale pubblicato ad aprile 2013 da Efsa ed Ecdc sulle zoonosi e focolai di tossinfezione a trasmissione alimentare nell’Ue. La pubblicazione presenta i dati relativi al 2011 su Salmonella, Campylobacter, Listeria monocytogenes, Escherichia coli produttore di verocitotossina, Mycobacterium bovis, Brucella, Trichinellae Echinococcus da animali, alimenti e mangimi. Leggi il commento a cura di Caterina Graziani, Luca Busani, Gaia Scavia (Dipartimento di Sanità pubblica veterinaria e sicurezza alimentare, reparto di Epidemiologia veterinaria e analisi del rischio, Iss).

 

Multi-country outbreak of Salmonella Stanley infections - Update - 20 September 2012 (pdf 1 Mb)

Joint risk assessment Ecdc/Efsa, pubblicato il 20 settembre in seguito al focolaio di infezione da Salmonella Stanley registrato in diversi Paesi europei.

 

European Union Summary Report on Trends and Sources of Zoonoses, Zoonotic Agents and Food-borne Outbreaks in 2010 (pdf 17,4 Mb)

Report annuale Ecdc-Efsa sulle zoonosi e malattie trasmesse da alimenti, pubblicato a marzo 2012. Leggi la riflessione di Luca Busani, Gaia Scavia, Caterina Graziani (Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare, Reparto di Epidemiologia Veterinaria e Analisi del Rischio, Iss).

 

The European Union summary report on antimicrobial resistance in zoonotic and indicator bacteria from humans, animals and food in 2010 (pdf 12,3 Mb)

Secondo rapporto sulla resistenza agli antibiotici in batteri zoonosici riscontrati nell’uomo, negli animali e negli alimenti pubblicato da Efsa ed Ecdc a marzo 2010. Nel report sono presentati i dati relativi al 2010 di 26 Stati membri e di 3 Stati Efta. Gli agenti zoonosici per i quali si sono raccolti dati di resistenza agli antibiotici sonoSalmonella e Campylobacter isolati da casi umani, animali e alimenti di origine animale. Il report inoltre presenta i dati di resistenza di batteri commensali della flora intestinale, Escherichia coli ed Enterococchi da animali e da alimenti di origine animali a scopi comparativi, considerando che tali batteri sono comunemente diffusi in tutte le specie. Il report presenta anche dati più limitati relativi alla diffusione negli animali di isolati di Staphilococcus aureus resistenti alla Meticillina (Mrsa), un importante agente patogeno umano. Leggi la riflessione di Luca Busani e Caterina Graziani (Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare, Reparto di Epidemiologia Veterinaria e Analisi del Rischio, Iss).

 

Relazione annuale sulle zoonosi e sulle epidemie di origine alimentare nell’Ue per il 2009

Il documento Efsa-Ecdc pubblicato a marzo 2011. La relazione riferisce anche che nel 2009, nell’Ue, sono stati segnalate oltre 5000 epidemie di origine alimentare che hanno colpito oltre 48 mila persone e causato 46 decessi. Le cause di epidemie a trasmissione alimentare riferite più di frequente sono state Salmonella (31% di tutte le infezioni), virus (19%) e tossine batteriche (10). Leggi il comunicato stampa in italiano sul sito dell’Efsa e il documento completo.

 

Efsa e il rischio di contaminazione da salmonella delle carcasse (pdf 3,5 Mb)

L’articolo illustra i risultati della seconda parte di uno studio, condotto dall’Efsa nel 2008 su 10.035 lotti di carne provenienti da 561 macelli di 26 Stati membri dell’Ue e due Paesi esterni. Dall’indagine è emerso che il rischio di contaminazione da salmonella delle carcasse di pollo da parte dipende dalla quantità di capi macellati al giorno ed è maggiore per le macellazioni a fine giornata, quando aumenta il rischio di contaminazione nell’impianto.

 

La valutazione Efsa del rischio di Salmonella nella carne di maiale (aprile 2010)

Dossier sui rischi per la salute causati dalla contaminazione di Salmonelle nella carne suina e sui sistemi di controllo. Secondo le valutazione degli esperti i suini e la carne di maiale possono essere responsabili del 10-20% dei casi di salmonellosi che si registrano nell'Unione europea. Secondo l’Efsa, le informazioni sulla temperatura di conservazione della carne durante il trasporto e sulle condizioni di conservazione in casa sono importanti per meglio comprendere i fattori che portano al rischio di Salmonella per l'uomo. L’Efsa sottolinea che riducendo di cento volte il numero di batteri di Salmonella sulle carcasse contaminate si ridurrebbero del 60-80% i casi di salmonellosi umana derivanti dal consumo di carne suina.

 

Report dell’Efsa sulla presenza di Campylobacter e Salmonella nei polli (pdf 1,5 Mb)

Indagine dell’Efsa, condotta nel 2008, sulla presenza della Salmonella e del Campylobacter nei polli da macello. Lo studio rileva che nel 15,7% dei polli di 22 dei 26 Paesi partecipanti all’indagine (Stati membri e non) è stata rinvenuta Salmonella e che in 17 Stati membri sono stati trovati Salmonella Enteritidis e Typhimurium, responsabili della maggior parte delle salmonellosi umane. Leggi la presentazione sul sito dell’Efsa.

 

Relazione Efsa su zoonosi ed epidemie di origine alimentare nell'Unione europea (2008)

Secondo quanto riporta il documento, pubblicato da Efsa ed Ecdc, nel 2008 nell’Unione europea è calato il numero di casi di infezione provocati dalle tre zoonosi più diffuse. Al primo posto per numero d’infezioni si conferma il Campylobacter (oltre 190 mila casi), seguito dalla Salmonella (oltre 131 mila casi). 

 

Rapporto 2007 Efsa-Ecdc sulle tossinfezioni alimentari

Con 590 casi confermati, 8922 persone coinvolte e 10 decessi, la Salmonella è la prima causa più frequente di focolai di tossinfezioni alimentari nel 2007 nell’Unione europea. In tutto, sono stati segnalati 5609 episodi, che hanno coinvolto quasi 40 mila persone e causato 19 decessi. L’approfondimento è a cura della redazione di EpiCentro.

 

Report Efsa-Ecdc 2007 sulle zoonosi

Relazione annuale sulle zoonosi in Europa, a cura dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) in collaborazione con il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc). Leggi la traduzione in italiano del comunicato, a cura della redazione di EpiCentro.

 

Rapporto Efsa sulla prevalenza della Salmonella nei tacchini in Europa (2006-2007)

Il 30,7% dei tacchini destinati al mercato della carne in Europa e il 13,6% di quelli allevati la riproduzione sono infetti da Salmonella. In Italia, sono stati registrati i livelli più alti di Salmonella Enteritidis e Salmonella Typhimurium nei tacchini da riproduzione.

 

Rapporto annuale sull’epidemiologia delle malattie infettive trasmissibili dall’animale all’uomo nell’Unione europea nel 2006

Rapporto Efsa 2006, fornisce informazioni sulle zoonosi che interessano l’intera situazione europea, sia su quelle relative ai singoli Paesi. I dati sui casi di zoonosi nell’uomo sono presi dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc).

 

8th Report on Surveillance of Foodborne Diseases in Europe 1999-2000

Ottavo rapporto pubblicato dal Surveillance Programme for Control of Foodborne Diseases dell’Oms. Riassume i contributi dei 50 Paesi della Regione europea dell’Oms per il 1999 e il 2000.

 

Report of the Task Force on Zoonoses Data Collection on the Analysis of the baseline survey on the prevalence of salmonella in broiler flocks of Gallus gallus

Indagine sui livelli di salmonella rilevati negli allevamenti di broiler (polli destinati alla produzione di carne) nell’Unione europea nel periodo 2005-2006, realizzata dalla task force dell’Efsa sulle zoonosi, costituita da esperti in rappresentanza degli Stati membri dell’Unione europea, della Norvegia e della Svizzera. Oltre ai dati epidemiologici il rapporto contiene anche consigli pratici per prevenire i rischi di infezione.

 

A study of invasiveness of different salmonella serovars based on analysis of the Enter-net database

Articolo pubblicato su Eurosurveillance il 27 settembre 2007, dove vengono analizzate le capacità invasive di differenti sierotipi di salmonella mediante l’utilizzo del database di Enter-net.

 

Cluster of Salmonella enteritidis in Sweden 2005-2006 – suspected source: almonds

Studio pubblicato nel giugno 2007 su Eurosurveillance che verifica l’ipotesi, avanzata in Canada, Usa e Svezia, di un collegamento tra episodi di salmonellosi e consumo di mandorle.