Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

febbre West Nile

Ultimi aggiornamenti

6/9/2018 - Sorveglianza dei casi umani di infezione da virus West Nile: precoce inizio di stagione ed elevato numero di casi in Italia e in Europa

Nel 2018 la trasmissione del virus West Nile in Italia e nel Sud-Est Europa è iniziata prima rispetto agli anni precedenti. Il 16 giugno si è verificato il primo caso umano di infezione confermata nel nostro Paese e, al 5 settembre 2018, sono stati segnalati 365 casi confermati di infezione. In particolare sono stati segnalati 148 casi con manifestazioni di tipo neuro invasivo di cui 19 decessi, 169 casi di febbre e 48 casi in donatori di sangue asintomatici. È quanto emerge dalle attività della sorveglianza integrata del West Nile e Usutu virus e dai dati pubblicati nel bollettino periodico. Per approfondire i dati, e rimanere aggiornato, consulta la pagina dedicata al bollettino periodico e leggi l'approfondimento a cura di Flavia Riccardo e Antonino Bella (Iss).

 

2/8/2018 - Sorveglianza del virus West Nile

Nel 2018 la trasmissione del virus West Nile in Italia e nel Sud-Est Europa è iniziata prima rispetto agli anni precedenti. Il 16 giugno si è verificato il primo caso umano di infezione confermata nel nostro Paese e, al 1 agosto 2018, sono stati segnalati 52 casi confermati di infezione. In particolare sono stati segnalati 16 casi con manifestazioni di tipo neuro invasivo di cui 2 decessi, 22 casi di febbre e 14 casi in donatori di sangue asintomatici. È quanto emerge dalle attività della sorveglianza integrata del West Nile e Usutu virus e dai dati pubblicati nel bollettino periodico. Per approfondire i dati, e rimanere aggiornato, consulta la pagina dedicata al bollettino periodico e leggi l'approfondimento a cura di Flavia Riccardo e Antonino Bella (Iss).

 

5/7/2018 - Sorveglianza dei casi umani da West Nile virus in Italia e in Europa

Continua la pubblicazione del bollettino periodico della sorveglianza integrata del West Nile e Usutu virus, prodotto dal Dipartimento malattie infettive dell’Iss in collaborazione con il Centro studi malattie esotiche (Cesme) dell’Izs Teramo. Il secondo numero del bollettino (dati aggiornati al 4 luglio), riporta al momento per l’Italia un solo caso confermato nell’uomo di infezione neuro-invasiva da virus West Nile (già riportato nel bollettino della scorsa settimana). Il caso, registrato nella Provincia di Rovigo, è anche riportato nei weekly update del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), insieme ai 4 casi nell’uomo segnalati dalla Grecia (3 confermati e 1 probabile). In Europa, infatti, come ogni anno, dall’inizio di giugno l’Ecdc pubblica sul proprio sito internet le mappe sulla diffusione della malattia da West Nile virus. Le mappe, aggiornate con cadenza settimanale, presentano la distribuzione dei casi umani autoctoni di malattia da West Nile virus segnalati nell’Ue e nei Paesi del bacino Mediterraneo e un aggiornamento della situazione epidemiologica. Consulta la pagina dedicata al bollettino periodico e le pagine dedicate ai weekly update dell’Ecdc. Inoltre, in Italia, il Centro nazionale sangue (Cns) dell’Iss, con la Circolare del 6 giugno 2018, ha pubblicato le “Indicazioni per la sorveglianza e prevenzione della trasmissione trasfusionale dell’infezione da Wnv – Stagione estivo-autunnale 2018” (pdf 267 kb).

 

28/6/2018 - Sorveglianza nazionale: il primo numero del bollettino periodico

In Italia nel periodo dal 1 al 27 giugno 2018 è stato segnalato in Veneto il primo caso umano confermato di West Nile Virus (Wnv) nella forma neuro-invasiva. È stata segnalata circolazione virale nella sorveglianza veterinaria (in cavalli, zanzare, uccelli stanziali e selvatici) in Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto. Sono alcuni dei dati riportati nel primo numero del bollettino periodico della sorveglianza integrata del West Nile e Usutu virus, prodotto dal Dipartimento malattie infettive dell’Istituto superiore di sanità (Iss) in collaborazione con il Centro studi malattie esotiche (Cesme) dell’Istituto zooprofilattico sperimentale dell'Abruzzo e del Molise “Giuseppe Caporale” (Izs Teramo). Consulta la pagina dedicata al bollettino periodico.

 

1/2/2018 - Annual Epidemiological Report 2017

Come ogni anno il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) pubblica l’Annual Epidemiological Report (Aer) basato sui rapporti di sorveglianza (Disease surveillance reports) delle singole patologie e dei gruppi di malattie infettive. Ognuno di questi rapporti presenta una panoramica dei dati raccolti nel 2015 dal sistema di sorveglianza Tessy sulla situazione epidemiologica di una specifica patologia nei Paesi membri dell’Unione europea (Ue) e in quelli dello Spazio economico europeo (See). Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

 


 

trova dati