Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

febbre West Nile

Documentazione

In Italia

 

Sorveglianza dei casi umani di malattia neuroinvasiva da West Nile virus in Italia: il bollettino periodico

In Italia, la sorveglianza epidemiologica dei casi umani di malattia da virus West Nile (Wnv) è regolata dal “Piano nazionale integrato di sorveglianza e risposta ai virus West Nile e Usutu – 2017” (pdf 1,7 Mb) pubblicato dal ministero della Salute. Il documento da una parte integra in un unico Piano la sorveglianza veterinaria (animale ed entomologica) del West Nile virus (Wnv) – essenziale per la stima del rischio – e quella dei casi umani; dall’altra, in considerazione delle analogie esistenti tra i rispettivi cicli biologici, integra le attività di sorveglianza previste per il Wnv con quelle utili all’individuazione precoce della circolazione del virus Usutu (Usuv) in quelle aree dove il virus è stato rilevato in passato e che spesso coincidono con le aree endemiche per il Wnv. Le attività di sorveglianza umana prevedono che vengano individuati e segnalati casi clinici importati (tutto l’anno) e autoctoni (da giugno a ottobre) di forme cliniche neuroinvasive, nelle aree a dimostrata circolazione di Wnv. Il sistema di segnalazione raccoglie inoltre le positività per Wnv rilevate nei donatori di sangue, emoderivati e di organi, tessuti e cellule, finalizzati all’applicazione delle specifiche misure preventive ed eventuali forme cliniche febbrili riscontrate sul territorio nazionale. La sorveglianza umana è coordinata al livello nazionale dall’Istituto superiore di sanità e dal Ministero della Salute che trasmette i dati alla Commissione europea e all’Ecdc. Le Regioni, in piena autonomia definiscono i documenti normativo-programmatici per la Sorveglianza epidemiologica e di laboratorio sul loro territorio e trasmettono i dati all’Iss e al Ministero. Il Dipartimento di Malattie Infettive dell’Istituto superiore di sanità, con il coordinamento dell’Ufficio V della Direzione Generale della Prevenzione del ministero della Salute pubblica i dati del sistema di sorveglianza in un bollettino periodico.

Inoltre, il Centro nazionale sangue dell’Istituto superiore di sanità (Iss), con la Circolare del 6 giugno 2017, definisce le “Indicazioni per la sorveglianza e prevenzione della trasmissione trasfusionale dell’infezione da Wnv – Stagione estivo-autunnale 2017” (pdf 309 kb).

 

Lotta alle zanzare, sì ma in sicurezza

Ma come difendersi dalle zanzare che ogni anno, con l’arrivo del caldo, si fanno più numerose? E come proteggersi al meglio e nel rispetto della nostra salute? Roberto Romi (Dipartimento Malattie infettive, Iss) aiuta a rispondere a queste domande nell’articolo “Lotta alle zanzare, sì ma in sicurezza” pubblicato sulla newsletter dell’Istituto superiore di sanità AllIss (Numero 04 - Giugno 2017).

 

Piano nazionale integrato di sorveglianza e risposta al virus della West Nile 2016

Pubblicato dal ministero della Salute il 10 agosto 2016, il documento per la prima volta integra in un unico Piano la sorveglianza veterinaria (animale ed entomologica) – essenziale per la stima del rischio – e quella dei casi umani. Consulta il “Piano nazionale integrato di sorveglianza e risposta al virus della West Nile 2016” (pdf 1,8 Mb).

 

West Nile virus transmission: results from the integrated surveillance system in Italy, 2008 to 2015

Articolo pubblicato su Eurosurveillance il 15 settembre 2016 (Volume 21, Issue 37, 15 September 2016) che vede un gruppo di ricercatori Iss tra gli autori e che descrive i dati raccolti in Italia tra il 2008 e il 2015 dal sistema di sorveglianza integrata (veterinari, entomologici e dei casi umani) relativa alla malattia da virus West Nile (Wnv). Per approfondire consulta l’articolo completo “West Nile virus transmission: results from the integrated surveillance system in Italy, 2008 to 2015”.

 

Attività di disinfestazione per la tutela della sanità pubblica

Nota del 22 agosto 2016 (pdf 1 Mb) con cui il ministero della Salute si rivolge ai Comuni italiani per sottolineare l’importanza dell’attività di disinfestazione per la tutela della sanità pubblica.

 

Sorveglianza delle arbovirosi diverse da Chikungunya, Dengue, Zika e West Nile, e hantavirus – 2016

Nota del 25 agosto 2016 (pdf 620 Mb) con cui il ministero della Salute richiama l’attenzione di Regioni e Province Autonome sulla necessità di segnalare (tramite apposita scheda di notifica) gli eventuali casi umani relativi alle arbovirosi elencate nella tabella 1 della Nota.

 

La sorveglianza delle malattie virali emergenti e riemergenti in Italia: focus su zika, westnile e altre arbovirosi

Presentare un quadro delle complesse attività epidemiologiche, virologiche ed entomologiche in campo umano e veterinario relative alle Arbovirosi in Italia: questo l’obiettivo del convegno che si è svolto il 19 aprile 2016 all’Istituto superiore di sanità (pdf 490 kb). Per approfondire leggi la riflessione di Caterina Rizzo, Giulietta Venuti e Giovanni Rezza (Iss), consulta la pagina con i materiali (video e presentazioni) della giornata e consulta la pagina di presentazione sul sito del Mipi-Iss.

 

Sorveglianza dei casi umani di Chikungunya, Dengue, West Nile Disease ed altre arbovirosi e valutazione del rischio di trasmissione in Italia– circolare 2015 (pdf 797 kb)

Circolare pubblicata dal ministero della Salute a giugno 2015 che regola la sorveglianza epidemiologica dei casi umani delle malattie trasmesse da vettori per la stagione estivo-autunnale 2015.

 

Indicazioni per la sorveglianza e la prevenzione della trasmissione dell’infezione da West Nile Virus (WNV) mediante la trasfusione di emocomponenti labili nella stagione estivo-autunnale 2015 (15 giugno-31 ottobre) (pdf 270 kb)

Indicazioni pubblicate dal Centro nazionale sangue a giugno 2015.

 

Indicazioni in merito alla trasmissione del virus Virus West Nile (WNV) mediante trapianto d'organo, tessuti e cellule nella stagione estivo-autunnale 2015 (pdf 150 kb)

Indicazioni pubblicate dal Centro nazionale trapianti a giugno 2015.

 

Bollettini epidemiologici dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell'Abruzzo e del Molise “G. Caporale”.

 

Sorveglianza dei casi umani delle malattie trasmesse da vettori con particolare riferimento alla Chikungunya, Dengue, Zika virus e West Nile Disease - circolare 2014

Circolare ministeriale, pubblicata a giugno 2014, che regola la sorveglianza epidemiologica dei casi umani delle malattie trasmesse da vettori per la stagione estivo-autunnale 2014.

 

Indicazioni relative alle misure di prevenzione della trasmissione trasfusionale dell'infezione da Wnv

Sul sito del Centro nazionale sangue (Cns) sono disponibili le indicazioni sulle misure di prevenzione della trasmissione trasfusionale dell'infezione da Wnv per la stagione 2014, ai sensi del Decreto del ministro della Salute 3 marzo 2005 “Protocolli per l'accertamento della idoneità del donatore di sangue e di emocomponenti”. Tra le indicazioni, vengono riportate anche le misure di sospensione temporanea per 28 giorni dei donatori di sangue e di emocomponenti che abbiano soggiornato, anche solo per una notte, in alcuni luoghi specifici nel periodo che va dal 1 luglio al 30 novembre 2014.

 

Indicazioni in merito alla trasmissione del Virus West Nile (Wnv) mediante trapianto d’organo, tessuti e cellule nella stagione estivo-autunnale 2014 (pdf 45 kb)

Indicazioni pubblicate dal Centro nazionale trapianti (Cnt), il 25 giugno 2014 – e integrate con una nota il 1 luglio (pdf 39 kb).

 

Indicazioni in merito alla trasmissione del Virus West Nile (Wnv) mediante trapianto d’organo, tessuti e cellule nella stagione estivo-autunnale 2013 (pdf 58 kb)

Documento pubblicato dal Centro nazionale trapianti a giugno 2013. Indica una linea di interventi per prevenire la trasmissione di Wnv da donatore e ricevente e per la tempestiva identificazione di infezioni da Wnv. Le misure preventive riguardano: trapianto di organi da donatore cadavere; trapianto di organi da donatore vivente; trapianto di tessuti da donatore cadavere e donatore vivente; trapianto di cellule staminali emopoietiche (Cse) da sangue midollare, periferico e cordonale. Leggi il Primo Piano sul sito del Centro nazionale trapianti.

 

Indicazioni sulle misure di prevenzione della trasmissione trasfusionale dell’infezione da Wnv (stagione estivo-autunnale 2012)

Sul sito del Centro nazionale sangue, per tutta la stagione estivo-autunnale 2012, sono disponibili le indicazioni relative alle misure di prevenzione della trasmissione trasfusionale dell’infezione da Wnv ai sensi del Decreto del Ministro della Salute 3 marzo 2005 “Protocolli per l'accertamento della idoneità del donatore di sangue e di emocomponenti”. È disponibile infatti un riepilogo delle misure di sospensione temporanea dei donatori di sangue ed emocomponenti che hanno soggiornato anche per una sola notte in determinati luoghi italiani e internazionali.

 

West Nile virus: stagione estiva 2012

Al 30 agosto, sono 115 i casi di febbre West Nile nell’uomo riportati all’interno dell’Unione europea nel 2012 e 224 i casi registrati nei Paesi limitrofi. Lo riferisce l’European Centre for Disease Prevention and Control (Ecdc) nell’aggiornamento settimanale (pubblicato il 31 agosto) delle mappe sulla diffusione della malattia da West Nile virus (Wnv) in Europa. In Italia, come riportato dall’Ecdc, il 3 agosto è stato segnalato un caso asintomatico di infezione da West Nile virus in un uomo residente nella Provincia di Venezia. Il caso è stato identificato attraverso lo screening sistematico sui donatori di sangue, attivato già da diversi anni, all’interno delle province venete dove si erano già verificati casi di Wnv in passato. Caterina Rizzo (reparto Epidemiologia delle malattie infettive - Cnesps, Iss) racconta la situazione epidemiologica italiana e internazionale e riepiloga le principali misure di prevenzione attuabili contro la diffusione di questa malattia.

 

Indicazioni in merito alla trasmissione del Virus West Nile (Wnv) mediante trapianto d’organo, tessuti e cellule nella stagione estivo-autunnale 2012 (pdf 64 kb)

Documento redatto a luglio 2012 Centro nazionale trapianti (Cnt), organo tecnico del ministero della Salute istituito presso l’Iss, sulla base dei dati di sorveglianza epidemiologica dei casi umani di malattia neuro-invasiva da West Nile virus (Wnv) e della circolazione del virus nel corso del 2011. Il documento fa riferimento alla stagione estivo-autunnale 2012 e indica una linea di interventi per la prevenzione della trasmissione del virus mediante trapianto e per la tempestiva identificazione di trapianti da donatore positivo a Wnv. Le misure preventive, da applicare nel periodo compreso tra il 15 luglio e il 30 novembre 2012 e suscettibili di aggiornamento, riguardano: trapianto di organi da donatore cadavere; trapianto di organi da donatore vivente; trapianto di tessuti da donatore cadavere e donatore vivente; trapianto di cellule staminali emopoietiche (Cse) da sangue midollare, periferico e cordonale.

 

Sorveglianza dei casi umani delle malattie trasmesse da vettori con particolare riferimento alla Chikungunya, Dengue e West Nile Disease - Aggiornamento 2013 (pdf 1,2 Mb)

Circolare del ministero della Salute pubblicata a giugno 2013.

 

Epidemiological surveillance of West Nile neuroinvasive diseases in Italy, 2008 to 2011

Articolo pubblicato sulla rivista Eurosurveillance il 17 maggio 2012 che presenta una descrizione della distribuzione geografica e temporale della malattia neuroinvasiva da West Nile nel nostro Paese tra il 2008 e il 2011.

 

Focolai di West Nile in Italia (2011)

Pasquale Salcuni (ministero della Salute) e Caterina Rizzo (Cnesps, Iss) descrivono la situazione dei focolai di malattia da West Nile in Italia:

West Nile virus: the Italian national transplant network reaction to an alert in the north-eastern region, Italy 2011

Articolo pubblicato su Eurosurveillance a ottobre 2011 che descrive la risposta del Centro nazionale trapianti italiano all’allerta di 4 casi di West Nile virus (Wnv) rilevati (ad agosto 2011) in seguito a un’unica donazione multipla di organi.

 

La sorveglianza dei casi di malattia da West Nile in Italia, dal 2008 al 2011

Caterina Rizzo (Cnesps, Iss) commenta l’articolo “Human cases of West Nile Virus Infection in north-eastern Italy, 15 June to 15 November 2010” pubblicato su Eurosurveillance ad agosto 2011, in cui si analizza la sorveglianza epidemiologica regionale dei casi di malattia neuro invasiva da West Nile in Veneto, nel 2010.

 

Prevalence of IgM and IgG antibodies to West Nile virus among blood donors in an affected area of north-eastern Italy, summer 2009

Articolo pubblicato sul numero di Eurosurveillance del 10 marzo 2011 relativo a uno studio di siero epidemiologia effettuato su donatori dell’Italia nordorientale. Leggi anche l’approfondimento nel notiziario del 16 marzo 2011.

 

Sorveglianza della malattia di West ile in Italia – 2010

Circolare del ministero della Salute, pubblicata il 21 luglio 2010. Il documento, destinato a Regioni e Provincie autonome, instaura la sorveglianza dei casi umani di malattia neuro-invasiva da virus West Nile e, oltre a riportare alcune informazioni generali sulla malattia, fornisce la definizione di caso umano (possibile, probabile, confermato) e allega la scheda di segnalazione dei casi.

 

Provvedimento del 18 marzo 2010 del ministero della Salute

Provvedimento legislativo emesso dal dipartimento della Sanità animale e del farmaco veterinario che dispone la modifica dell’allegato A al dispositivo dirigenziale del 2 marzo 2010 relativamente alla sorveglianza della malattia di West Nile negli animali. Il provvedimento è stato disposto sulla base della rilevazione di nuove aree di presenza del virus di West Nile negli animali che hanno reso "necessario rimodulare le aree da sottoporre a sorveglianza nonché aggiornare le unità geografiche di riferimento per ciascuna Provincia inclusa sia nell'Area a circolazione virale (ACV) - Tabella 2 - sia nell'Area di sorveglianza esterna (AS) - Tabella 5". Nel corso della rimodulazione delle aree, alcuni Comuni, appartenenti ad aree di studio nel 2009, sono stati inclusi nell'Area di sorveglianza esterna (e pertanto sono chiamate a svolgere le attività previste dalla nuova area).

 

Provvedimento del 2 marzo 2010 del ministero della Salute

Il provvedimento legislativo emesso dal dipartimento della Sanità animale e del farmaco veterinario dispone la modifica dell’allegato A al decreto del 15 settembre 2009, relativo alle procedure operative di intervento e flussi informativi in ambito veterinario (Piano nazionale per l’encefalomielite di tipo West Nile).

 

Decreto del 15 settembre 2009 del ministero della Salute

Il decreto emesso dal dipartimento della Sanità animale e del farmaco veterinario dispone le “Procedure operative di intervento e flussi informativi del Piano di sorveglianza nazionale per la Encefalomielite di tipo West Nile (West Nile Disease)” in ambito veterinario.

 

Genome sequence analysis of the first human West Nile virus isolated in Italy in 2009

L’articolo pubblicato su Eurosurveillance nel mese di novembre 2009 riporta i risultati del sequenziamento del genoma del primo isolato umano di West Nile virus segnalato in Italia, che forniscono la prova della comparsa di un ceppo più virulento del ceppo di West Nile virus isolato in Italia nel 1998. Il documento contiene ulteriori dettagli clinici ed epidemiologici sui casi umani di infezione di infezione sintomatica da malattia neuroinvasiva di West Nile rilevati nel 2009 nella Regione Veneto.

 

West Nile virus transmission with human cases in Italy, August - September 2009

L’articolo pubblicato su Eurosurveillance fa il punto sulla situazione in Italia a settembre 2009, riportando i dati dei sistemi di sorveglianza sulle infezioni da malattia neuroinvasiva del Nilo occidentale (Wnnd) attivati in Emilia Romagna, Veneto e Lombardia a partire dal 2008.

 

Primo caso in Italia di infezione neuroinvasiva da West Nile virus

L’articolo di Eurosurveillance pubblicato il 9 ottobre 2008 ricostruisce la storia del primo caso di infezione nel nostro Paese.

 

Infezione di virus West Nile nei cavalli. Italia, settembre 2008

Articolo pubblicato il 25 settembre 2008 su Eurosurveillance sulle misure attivate in Emilia Romagna in seguito all’identificazione di un focolaio equino in Provincia di Ferrara. Leggi l’articolo originale e la traduzione a cura della redazione di EpiCentro.

 

Arboviruses in Italy (pdf 2,79 Mb)

Studio del 2003 di Loredana Nicoletti e Maria Grazia Ciufolini, dell’Istituto superiore di sanità. Contiene i dati sul Wnv in Italia.