Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

zecche

Ehrlichiosi

L’ehrlichiosi è una malattia batterica accompagnata da febbre, causata da un gruppo microrganismi della famiglia delle Rickettsiaceae, parassiti intracellulari da tempo conosciuti in ambito veterinario.


Le zecche sono fra i principali vettori della malattia, mentre ancora non sono stati identificati con certezza i serbatoi dell’infezione, anche se verosimilmente sono rappresentati da cani e animali selvatici.

La malattia si manifesta dal punto di vista clinico, dopo un periodo di incubazione che va da 7 a 21 giorni, con sintomi simili a quelli di un’influenza e, soprattutto nei bambini, è accompagnata da manifestazioni esantematiche simili a quelle del morbillo. La malattia è a evoluzione benigna, specialmente nei bambini e nei soggetti più giovani, anche in assenza di qualsiasi trattamento. Gli adulti e le persone in età avanzata possono andare incontro a complicazioni, anche gravi, a livello renale, vascolare ed encefalico.

Aspetti epidemiologici
Mentre negli Stati Uniti l’ehrlichiosi è considerata una malattia infettiva emergente, secondo i dati della Circolare del Ministero della Sanità n. 10 del 13 luglio 2000, ad oggi, in Italia, non sono stati notificati casi di questa malattia. Studi epidemiologici hanno peraltro dimostrato che l’infezione da E. canis sembra essere tutt’altro che infrequente nei cani, mentre positività degli anticorpi per E. phagocytophila sono state riscontrate, nelle zone alpine, in soggetti appartenenti a categorie maggiormente esposte a rischio di punture da zecche (forestali, cacciatori) con percentuali significativamente più alte che nei gruppi di controllo.