Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

Alimentazione e salute

Piattaforma europea su dieta, attività fisica e salute: i primi 5 anni

29 luglio 2010 - Oltre 290 azioni portate avanti dai propri membri, lo sviluppo di un maggiore dialogo tra gli stakeholder del settore e un significativo impatto sulle politiche nazionale ed europee: sono questi i maggiori risultati raggiunti dalla Piattaforma europea su dieta, attività fisica e salute nel corso dei suoi primi cinque anni di vita.

 

Per fornire una stima dei risultati raggiunti collettivamente dalla Piattaforma e valutare l’impegno dei suoi membri, l’Evaluation Partnership on behalf of the Public Health Evaluation and Impact Assessment Consortium (Pheiac) ha pubblicato il primo rapporto di valutazione dell’attività svolta.

 

L’approccio valutativo

La valutazione del Pheiac, caratterizzata dall’adozione di un approccio qualitativo, ha raccolto le impressioni e le considerazioni dei membri e degli altri stakeholder coinvolti nei progetti della Piattaforma. I punti chiave dell’indagine valutativa sono quindi stati i seguenti:

  • la generazione di dati per misurare l’efficacia della Piattaforma attraverso il coinvolgimento dei membri e di altri partecipanti
  • l’integrazione delle informazioni raccolte nel primo punto con dati oggettivi verificabili
  • la realizzazione di analisi sull’efficacia e sull’impatto delle azioni della Piattaforma nelle specifiche aree.

L’organizzazione dei risultati

Dal momento che è troppo presto per valutare se la Piattaforma abbia avuto un impatto sulla dieta, sull’attività fisica e sulla salute degli europei, le risposte che ha cercato di fornire il rapporto di valutazione si sono concentrate sui seguenti temi:

  • dialogo: fino a che punto la Piattaforma è stata un luogo di scambio per le realtà coinvolte?
  • azione: la Piattaforma ha generato azioni specifiche nelle varie aree?
  • impatto: quali sono stati gli effetti della Piattaforma sulle politiche a livello nazionale ed europeo?
  • futuro: cosa si può fare per portare avanti gli obiettivi della Piattaforma nei prossimi cinque anni?

Il dialogo

Rafforzare lo scambio di conoscenze, esperienze e idee: è questo uno dei maggiori risultati ottenuti dalla Piattaforma. Si tratta di un processo innovativo, che ha portato al confronto attori con interessi molto diversi tra loro. Anche se dall’indagine è emerso che non tutte le attese dei membri sono state soddisfatte, l’aspettativa che la Piattaforma è stata in grado di realizzare maggiormente è stata individuata proprio nella costruzione di un dialogo intersettoriale, cui però non sempre è corrisposta una risposta a livello di azione.

 

L’azione

Dal lancio della Piattaforma fino alla pubblicazione del rapporto, le azioni realizzate dai membri sono state 292, di cui la maggior parte (56%) concentrate nell’area “Stili di vita ed educazione”. Molto è stato fatto anche nelle aree tematiche relative al marketing, alla pubblicità e ai brevetti. Circa i due terzi dei membri della Piattaforma hanno dichiarato che le proprie azioni sono state determinate e ispirate dalla stessa Piattaforma, luogo di confronto importante per la nascita e lo sviluppo di idee e programmi specifici nella aree chiave legate alla lotta all’obesità.

 

L’impatto

Nella sezione del report dedicata alle ricadute della Piattaforma, le conclusioni sono state tratte soprattutto esaminando due studi di caso, il primo relativo all’area della pubblicità e del marketing rivolti ai bambini e il secondo sulla riformulazione di alimenti e bevande. Secondo gli esperti del consorzio di valutazione, gli impegni della Piattaforma in questi due ambiti stanno avendo un impatto significativo, anche se si può fare molto di più.

 

Il futuro

Perchè la Piattaforma porti avanti i suoi obiettivi è necessario rinnovare il mandato e includere in esso nuovi obiettivi operativi. Infatti, se da un lato gli stakeholder appartenenti al settore industriale hanno espresso giudizi positivi in merito alla chiarezza degli obiettivi della Piattaforma, dall’altro gli attori del no profit hanno manifestato una evidente insoddisfazione al riguardo.

 

Risorse utili