Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

Alimentazione e salute

Iniziative e progetti

In Italia

 

Guadagnare Salute: nuova sezione su Epicentro

A partire dal 10 maggio 2018, sono disponibili su una nuova sezione di EpiCentro i materiali del programma nazionale “Guadagnare Salute - Rendere facili le scelte salutari”. L’obiettivo è quello rendere fruibili agli operatori sanitari ma anche a tutti gli stakeholder informazioni e strumenti messi a punto nel corso di oltre 10 anni sulla prevenzione delle malattie croniche degenerative attraverso stili di vita salutari. Consulta Guadagnare Salute al link http://www.epicentro.iss.it/guadagnaresalute.

 

SalutEXPO

In occasione dell’EXPO 2015, il ministero della Salute italiano diffonde indicazioni e informazioni sulla sicurezza degli alimenti e la corretta alimentazione attraverso specifiche campagne di comunicazione che si svolgono nel corso di questi mesi. Consulta i materiali già online: le “pillole informative” (su sicurezza degli alimenti, iodio, osteoporosi, etichetta alimentare, mangiare sano non costa troppo, celiachia, fertilità, gravidanza, allattamento al seno, obesità, alimentazione dall’infanzia all’adolescenza), gli “opuscoli”, e la sezione “spot e video”. In occasione dell’EXPO verrà anche pubblicato uno speciale di “Quaderni del Ministero della Salute” dedicato al tema della dieta sana.

 

Capitan Kuk: la nuova campagna di comunicazione del ministero della Salute

Campagna rivolta ai bambini in età scolare per insegnare l'importanza di mangiare frutta e verdura. L'iniziativa, che comprende un cartone animato, una canzone e un gioco di società, racconta le avventure di Francesco, un bambino di 10 anni che, accanto alla vita reale, vive una dimensione parallela nel mondo fantastico di "Health" dove si trasforma in Capitan Kuk, l'eroe della frutta e della verdura, per salvare gli abitanti dal cattivo Golosix attraverso le proprietà di frutta e verdura.

 

Canguro saltalacorda

Questo progetto, ideato nel 2010 come supporto dei genitori nell’educazione dei bambini verso stili di vita sani, prevede l’esposizione di un totem (pdf 2,8 Mb) all’ingresso delle scuole, l’utilizzo di un poster interattivo (pdf 6,5 Mb) in classe, e l’affissione di un poster (pdf 2,8 Mb), rivolto ai genitori, negli ambulatori pediatrici. I materiali sono stati ideati da: ministero della Salute in collaborazione Istituto superiore di sanità, Regioni, Società italiana di pediatria (Sip) e Federazione italiana medici pediatri (Fimp).

 

Forchetta e scarpetta

I materiali interattivi, realizzati nel 2010 da ministero della Salute, ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, Istituto superiore di sanità e Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione, sono pensati per gli insegnanti e i bambini della scuola primaria e mirano all’educazione e alla sensibilizzazione sul tema del benessere dell’alimentazione equilibrata e del movimento.

 

L’alimentazione dei bambini durante le emergenze

Il 16 novembre 2009 l’Istituto superiore di sanità (Iss) ha ospitato il seminario “Alimentazione infantile nelle emergenze”, con lo scopo di condividere le linee d’azione proposte in ambito internazionale per la gestione dell’alimentazione dei bambini in situazione di emergenza. L’iniziativa è rivolta a pianificatori, coordinatori e operatori dell’emergenza, professionisti dei servizi sociosanitari, degli ordini professionali e delle società scientifiche.

 

Progetto Cuore: ridurre sale e sodio per prevenire le malattie cardiovascolari

Il sale da cucina contiene sodio che favorisce l’aumento della pressione, principale causa di infarto e ictus. Secondo l’Oms, infatti, ogni giorno non bisognerebbe consumare più di 5 grammi di sale da cucina, che corrispondono a circa 2 grammi di sodio. Attraverso l’alimentazione, un italiano introduce nel proprio organismo in media 10 grammi di sale ogni giorno, in totale fra quello normalmente contenuto negli alimenti e quello aggiunto. Diminuire questa quantità può aiutare a mantenere la pressione arteriosa a livelli ottimali e, quindi, a ridurre il rischio di infarto e ictus. Sul sito del Progetto Cuore una nuova sezione dedicata alla prevenzione delle malattie cardiovascolari attraverso la riduzione del consumo quotidiano di sale. Sono disponibili anche materiali stampabili e video animazioni.

 

Sicura 2006: il marketing sociale per la prevenzione dell’obesità

Positivo il bilancio finale di Sicura 2006, la terza edizione della convention sulla sicurezza alimentare che ha riunito a Modena Fiere, dal 18 al 20 ottobre, tutti gli attori della filiera alimentare: mondo della produzione e della distribuzione, operatori sanitari, consumatori e media. Di particolare interesse l’intervento dedicato alle strategie di prevenzione dell’obesità, soprattutto rispetto alle nuove possibilità offerte dalla distribuzione automatica.

 

Tre giornate di studi sulle tossinfezioni alimentari (traduzione in italiano a cura di Silvia Colitti, gruppo Profea, Cnesps)

Dal 27 al 29 marzo 2006, il Cnesps ha organizzato una serie di seminari con Robert Tauxe, uno dei massimi esperti di epidemie provocate da tossinfezioni alimentari. Tauxe è il capo del dipartimento per lo studio delle gastroenteriti e delle tossinfezioni alimentari dei Cdc di Atlanta.

 

La salute prima di tutto

Troppo cibo, alimenti sbagliati e poco movimento costituiscono dei veri pericoli per i bambini. Sono i temi della campagna della Regione Toscana, realizzata nel 2006, focalizzata sugli effetti a lungo termine delle abitudini alimentari sbagliate.

 

Dieta mediterranea e salute

Si tiene a Roma dal 18 al 21 maggio 2005 la terza edizione di Egea, dal titolo “International Conference on Health Benefits of Mediterranean Style Diet - From Scientific Evidence to Health Prevention Actions”. L'evento, patrocinato dal ministero della Salute e dal Ccm, è organizzato dall'Aprifel, l'agenzia francese che si occupa di incentivare il consumo alimentare di frutta e verdura. La conferenza, che vede coinvolti esperti internazionali di diversa formazione e competenze (ricercatori, clinici, politici, nutrizionisti e rappresentanti dell'industria alimentare), ha l'obiettivo di fare il punto sulle attuali conoscenze riguardo ai vantaggi di un regime dietetico improntato allo stile mediterraneo e sulle prospettive strategiche per gli operatori della sanità pubblica.