Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica
a cura del Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute
home > malattie croniche > malattie croniche > Ultimi aggiornamenti...
granditemi
malattie croniche
Ultimi aggiornamenti

(2 luglio 2015) Sorveglianza integrata delle malattie croniche

Il 75% di tutti i decessi in Europa sono attribuibili alle malattie croniche. È quanto riferiscono Oms Europa e Unione europea nel final report sulla Sorveglianza integrata delle malattie croniche (Integrated surveillance of Noncommunicable diseases, iNCD), progetto pensato per valutare lo status quo relativo ai dati e agli indicatori su queste patologie nell’ambito dei database europei. Il documento, pubblicato a giugno 2015, mira a fornire esempi di buone pratiche a livello nazionale internazionale nel monitoraggio delle malattie non trasmissibili e a presentare data set e strumenti di visualizzazione dei dati innovativi. Per l’Italia, come esempio di buona pratica dal punto di vista dei sistemi di monitoraggio viene citata la sorveglianza Passi. Per maggiori informazioni consulta il documento completo “Integrated surveillance of Noncommunicable diseases (iNCD). A European Union-WHO project. Final project report for the dissemination of results” (pdf 2, 5 Mb).

 

(2 aprile 2015) Malattie croniche e fattori di rischio psicologici: un report dell’Oms Europa

Offrire una sintesi delle migliori evidenze disponibili sul legame tra fattori psicologici e morbidità e mortalità per malattie cardiovascolari e per tumore nella Regione europea dell’Oms. Questa l’idea alla base del report pubblicato a marzo 2015 dall’Oms Europa. Un'ampia revisione sistematica che ha portato all'identificazione di 1822 articoli (da gennaio del 2000) da cui sono state selezionate 37 revisioni sistematiche e meta-analisi. Per maggiori dettagli consulta il documento completo sul sito dell’Oms Europa: “The relationship between psychosocial risk factors and health outcomes of chronic diseases: a review of the evidence for cancer and cardiovascular diseases (2015)”.

 

(5 febbraio 2015) L’Oms aggiorna le fact sheet

Il sito web dell’Oms ha aggiornato i dati relativi ai problemi cardiovascolari, prima causa di morte nel mondo. Numerose le informazioni della pagina: dai fattori di rischio ai sintomi dell’infarto, dai Paesi in cui sono più frequenti alle strategie per contrastarli. Per maggiori informazioni consulta il sito Oms.

 

(29 gennaio 2015) Ambiente di lavoro e malattie croniche: una guida

La gestione dei lavoratori con patologie croniche è un tema molto importante per i datori di lavoro o i manager che devono poter supportare il dipendente nello svolgimento del suo lavoro o nel ritorno dopo un periodo di assenza. Per questo motivo la Rete europea per la promozione della salute nei luoghi di lavoro (European Network for Workplace Health Promotion) ha realizzato la giuda “Promoting healthy work for workers with chronic illness: a guide to good practice” che fornisce alcuni strumenti di supporto, come l’elenco dei partecipanti al progetto, i link utili, i riferimenti bibliografici e una check list. Il testo è disponibile in italiano “Promuovere un ambiente di lavoro salutare per lavoratori con patologie croniche: una guida alle buone pratiche” (pdf 787 kb) grazie alla collaborazione tra Regione Lombardia e Dors.

 

(22 gennaio 2015) Oms: lo status report 2014 sulle malattie croniche

È stato pubblicato il Global status report on noncommunicable diseases 2014, il documento Oms sulle malattie croniche. Il testo, in linea con il precedente report, pone come obiettivo per il 2025 la riduzione della la mortalità prematura associata alle malattie croniche non trasmissibili del 25%. Il report fornisce le stime più aggiornate di mortalità e i loro determinanti relativi a 194 Paesi. Inoltre descrive lo stato di avanzamento verso gli obiettivi Nazione per Nazione. Per maggiori informazioni leggi l’approfondimento dedicato.

 

(30 ottobre 2014) Oms Europa: un’infografica ci ricorda dove intervenire per contrastare le abitudini sbagliate

“Healthy diets save lives” è un’infografica realizzata dall’Ufficio europeo dell’Oms per mostrare in modo semplice e immediato quali abitudini alimentari possono essere corrette per prevenire patologie come obesità, diabete e tumori. La scheda, divisa colonne, illustra le linee guida Oms e le politiche nazionali su consumo di sale, di grassi saturi e di zuccheri, e sull’indice di massa corporea. Inoltre, nella parte bassa della scheda viene tracciata una panoramica degli interventi che possono essere adottati. Per maggiori informazioni scarica l’infografica.

 

(31 luglio 2014) Malattie croniche: l’Oms pubblica i profili nazionali

Nel rapporto “Noncommunicable Diseases - Country Profiles 2014”, pubblicato a luglio 2014, vengono riportati i dati relativi a 178 Paesi, il 95% dei quali possiede un settore del ministero della Salute dedicato alle malattie croniche e la metà ha definito un piano operativo con un budget dedicato. Il numero di Paesi che ha condotto indagini recenti sulla prevalenza dei fattori di rischio è passato dal 30% del 2011 al 63% del 2013, e questo conferma che si stanno ponendo le basi per un reale controllo delle malattie croniche. Leggi l’approfondimento.

 

(11 aprile 2013) Dall’Oms Europa un nuovo report sul consumo di sale

Sono numerose le prove a sostegno dei benefici che apporta la riduzione del consumo di sale tra la popolazione e, secondo l’Oms, è necessario avviare politiche in grado di modificare le abitudini della popolazione. Per questo motivo, l’Ufficio europeo dell’Oms, ad aprile 2013, ha pubblicato il report “Mapping salt reduction initiatives in the Who European Region” (pdf 518 kb) contenente una rassegna delle iniziative locali per la riduzione dei consumi di sale, realizzate nei Paesi dell’Oms Europa. Per maggiori informazioni visita il sito dell’Oms Europa.

 

Stampa

Ultimo aggiornamento giovedi 2 luglio 2015
Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute
Viale Regina Elena, 299 - 00161 Roma - Tel 0649901
© - Istituto Superiore di Sanità
EpiCentro è parzialmente sostenuto da risorse del CCM - Ministero della Salute

Istituto Superiore di Sanità
Cnesps