Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

Fumo

Lotta al tabagismo: l’Italia ratifica la convenzione Oms 2003

Nell’ottica di una politica di contrasto al fumo di tabacco e di prevenzione del tabagismo, anche nell’ambito del programma europeo “Guadagnare salute”, l’Italia ha ratificato la Convenzione Quadro Oms per il controllo del tabacco, approvata dall’Assemblea mondiale della sanità nel 2003 e immediatamente sottoscritta dal nostro Paese.
La Legge di ratifica del 18/3/2008 n. 54 è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 17 aprile 2008, n. 91.

Le linee direttive della Convenzione prevedono:

  • l’informazione sulle conseguenze per la salute derivanti dall’esposizione attiva e passiva al fumo di tabacco
  • un impegno politico per elaborare e sostenere misure plurisettoriali di contrasto all’uso del tabacco e di tutela all’esposizione passiva
  • favorire la riconversione economica dei coltivatori di tabacco e dei lavoratori coinvolti nella produzione di prodotti derivati
  • la partecipazione della società civile.

Il provvedimento dedica ampio spazio a interventi relativi alla riduzione della domanda di tabacco attraverso:

  • misure finanziarie e fiscali
  • azioni contro il fumo nei luoghi chiusi
  • misure in tema di regolamentazione della composizione dei prodotti del tabacco e delle informazioni sui prodotti derivati e sul confezionamento ed etichettatura.

La Convenzione evidenzia (articoli 12 e 13) l’importanza dell’educazione e della comunicazione e sottolinea l’utilità del divieto globale della pubblicità e della sponsorizzazione in favore del tabacco. Indica, inoltre, le misure da adottare per la riduzione dell’offerta di tabacco con particolare attenzione per contrastare il commercio illecito dei prodotti derivati. Un capitolo importante è poi la vendita ai minori: l’articolo 16 precisa che ogni Paese è tenuto ad adottare misure legislative, esecutive e amministrative per vietare la vendita a chi non ha raggiunto l’età prevista nel diritto interno o fissata dalla legislazione nazionale, o l’età di diciotto anni.

 

Altre parti rilevanti del provvedimento sono dedicate a:

  • salvaguardia dell’ambiente e della salute delle persone
  • responsabilità civile e penale
  • ricerca, sorveglianza e scambio di informazioni in materia di lotta al tabagismo, anche a livello internazionale.

Leggi il testo della Legge pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale (pdf 3,32 Mb).