Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

Incidenti

La sicurezza dei giovani in Italia

4 giugno 2009 - Sebbene in Italia, rispetto alla fine degli anni ’80, si siano fatti enormi progressi, gli incidenti rimangono la prima causa di morte nella fascia di etÓ 0-19 anni e sono responsabili del 24% di tutti i decessi giovanili (oltre mille morti nel 2003). Nel 2003, 1027 bambini e adolescenti in questo gruppo di etÓ Ŕ morto per un infortunio. Se il tasso di infortuni in Italia fosse ridotto al livello registrato in Olanda, il Paese pi¨ sicuro, si stima che 270 (pari al 28%) di queste vite sarebbero potute essere salvate.

 

Gli incidenti stradali continuano a essere la prima causa di morte, in particolare tra i 15 e i 19 anni e, soprattutto, tra i maschi. In questa fascia di etÓ sono elevati anche i tassi di mortalitÓ legati alle cadute e all’annegamento. I dati elevati relativi ai pazienti ricoverati per ustioni e avvelenamenti, inoltre, sottolineano la necessitÓ di porre attenzione alla prevenzione di questi tipi di infortuni nella prima infanzia.

 

L'Italia ha svolto un buon lavoro in materia di sicurezza di ciclomotori e motorini, tuttavia altri settori, come la sicurezza di passeggeri e conducenti, ciclisti e pedoni e gli infortuni in ambito domestico (come annegamento, avvelenamento e cadute) non hanno ricevuto la stessa attenzione.

 

Nel nostro Paese, gli incidenti si distribuiscono in modo disomogeneo nelle diverse classi sociali. I bambini che nascono in famiglie a basso reddito, con un livello di educazione minore e che vivono in condizioni pi¨ affollate, hanno maggiori probabilitÓ dei loro coetanei benestanti di rimanere vittima di incidenti. Questo Ŕ senza dubbio un aspetto fondamentale da considerare per la prevenzione degli incidenti tra i giovani. ╚ quindi necessario sostenere e finanziare misure di prevenzione delle lesioni personali con un approccio che combini istruzione, ingegneria e rispetto delle norme e delle regolamentazioni.

 

Che cosa si pu˛ ancora fare

Le azioni suggerite dal rapporto 2009 di Eurosafe puntano principalmente a:

  • rafforzare la sicurezza in motorino, attraverso controlli pi¨ severi che garantiscano l’applicazioni delle leggi vigenti
  • aumentare la sicurezza dei passeggeri e dei guidatori di autoveicoli vietando ai bambini minori di 13 anni di sedersi davanti
  • aumentare la sicurezza dei pedoni introducendo nuove norme di sicurezza e nuove leggi sulla responsabilitÓ del conducente
  • aumentare la sicurezza in bicicletta introducendo l’obbligo di casco a tutte le etÓ
  • intervenire sulla prevenzione dall’annegamento introducendo leggi sull’uso del salvagente e munendo le piscine di recinzioni
  • introdurre nuove norme di sicurezza contro le scottature e le ustioni, attraverso l’uso della regolazione degli scaldabagni e gli impianti di rilevatori di fumo
  • garantire maggiore sicurezza contro il soffocamento e gli strangolamenti, introducendo leggi che regolino le caratteristiche dei giochi e dei vestiti dei bambini
  • rafforzare la consapevolezza dei cittadini sui rischi degli incidenti e sensibilizzarli alla prevenzione.

L'Italia deve lavorare per garantire che a ogni bambino nato venga assicurato un ambiente sicuro in cui vivere, imparare, crescere e giocare. Ci˛ richiede che le disuguaglianze, comprese quelle relative alla disponibilitÓ e all'accessibilitÓ alle attrezzature di sicurezza raccomandate, siano affrontate nelle politiche e nei programmi di prevenzione degli infortuni.

 

Leggi:

Scarica: