Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

Malattie infettive

La comunicazione in caso di epidemia: il progetto Tell Me

27 novembre 2014 – “Tell Me, Tell You: Bridging Theory And Practice For Effective Communications During Infectious Disease Crises” è il titolo della conferenza finale del progetto europeo Tell Me (Transparent communication in Epidemics: Learning Lessons from experience, delivering effective Messages, providing Evidence), avviato nel 2012, grazie a un cofinanziamento della Commissione europea nell’ambito del VII Programma quadro, e finalizzato allo sviluppo di modelli di comunicazione efficace in caso di epidemie di malattie infettive soprattutto in caso di pandemia influenzale.

 

L’evento sarà l’occasione per presentare un rinnovato approccio alla comunicazione sul rischio, nuovi strumenti e nuove strategie in grado di coinvolgere tutti gli attori e di garantire l’attenzione ad alcuni elementi chiave del processo comunicativo come fiducia, trasparenza, gestione dell’incertezza, percezione del rischio. Le analisi condotte durante lo svolgimento del progetto,focalizzate su aspetti sociosanitari come il comportamento delle persone durante le epidemie, sui miti e le credenze ancora circolanti sulle malattie infettive e sull’opinione della popolazione in merito alla vaccinazione e ai vaccini, hanno contribuito alla definizione di un nuovo modello di comunicazione del rischio.

 

Nel modello di comunicazione elaborato dagli esperti della School of Public Health dell’Università di Haifa, il processo comunicativo viene rappresentato graficamente come un cerchio concentrico al centro del quale è collocato il pubblico, concepito non come soggetto passivo e generico, ma come soggetto attivo, segmentato in target differenziati, partner delle iniziative di comunicazione. Attori come industrie farmaceutiche, istituzioni pubbliche, società civile e sfera politica sono rappresentati agli estremi del cerchio in costante interazione con altri soggetti come ricercatori, opinion leader, mass media e social media, che hanno un forte impatto sulla percezione del rischio collettiva. Inoltre, il modello di comunicazione è caratterizzato da alcuni elementi chiave: etica, fiducia, trasparenza, incertezza, empowerment, bidirezionalità, memoria collettiva.

 

Oltre al modello di comunicazione, altri risultati generati dal progetto europeo Tell Me sono:

 

  • un kit di strategie e strumenti comunicativi che mettono in pratica i concetti inclusi nel modello elaborato e che sono stati differenziati per utilizzatori-target (operatori sanitari, attori istituzionali, soggetti chiamati a comunicare con differenti sottogruppi di popolazione o con anti-vaccinatori)
  • un percorso formativo on line per i professionisti sanitari
  • un prototipo di metodo computazionale ossia un software di simulazione delle azioni e interazioni degli individui in situazioni epidemiche.

Risorse utili