Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

Salute materno-infantile

Cesareo: disponibili le linee guida

2 febbraio 2012 - I dati sul ricorso al taglio cesareo in Italia sono noti: il Paese Ŕ passato dall’11% sul totale dei parti del 1980 al 28% del 1996 fino a sfiorare il 38% nel 2008, conquistando il primo posto in Europa.

 

Altrettanto nota Ŕ la forte variabilitÓ che si registra tra le diverse Regioni (dal 60% della Campania al 24% del Friuli Venezia Giulia) e tra le diverse tipologie di strutture in cui la donna partorisce (si passa dal 75% nelle case di cura private al 35% degli ospedali pubblici). Una variabilitÓ, che come spesso avviene in sanitÓ, pu˛ essere un forte indicatore di inappropriatezza delle pratiche messe in atto dagli operatori sanitari.

 

Utili a contrastare questo trend potranno rivelarsi le linee guida redatte dal Sistema nazionale per le linee guida e presentate lo scorso 31 gennaio all’Istituto superiore di sanitÓ.

 

Il documento “Taglio cesareo: una scelta appropriata e consapevole” (pdf 676 kb) arriva a circa due anni dalla pubblicazione della prima parte (pdf 450 kb) della linea guida sul taglio cesareo, focalizzata sugli aspetti della comunicazione tra professionisti sanitari e donne, e si concentra sulle indicazioni del cesareo programmato e d’urgenza, sintetizzate in 59 raccomandazioni. Il lavoro Ŕ frutto della collaborazione dell’Istituto e delle societÓ scientifiche coinvolte a diverso titolo nel percorso parto.

 

Le condizioni che costituiscono una chiara indicazione al cesareo non sono numerose:

  • la presentazione podalica del feto
  • la presenza di lesioni primarie da Herpes simplex a livello genitale nell’ultimo trimestre di gravidanza
  • l’infezione da Hiv (ma soltanto se la donna Ŕ in terapia antiretrovirale altamente attiva con carica virale plasmatica >50 copie/ml, o in monoterapia con ZDV quale alternativa alla terapia antiretrovirale altamente attiva)
  • la coinfezione da virus Hiv e Hcv in donne non in terapia HAART e/o con carica virale Hiv plasmatica >50 copie/ml)
  • la placenta previa
  • una pregressa rottura dell’utero o un precedente cesareo con incisione longitudinale
  • una gravidanza gemellare monocoriale e monoamniotica (che costituisce comunque un’evenienza molto rara)
  • il peso stimato del feto superiore ai 4,5 kg nelle donne diabetiche.

Sono da valutare invece i casi in cui:

  • il feto Ŕ piccolo per epoca gestazionale (ma soltanto se presenta problemi rilevati agli esami strumentali)
  • uno dei feti Ŕ in presentazione podalica nel corso di una gravidanza gemellare
  • Ŕ prevista una sproporzione cefalo-pelvica.

Le linee guida, inoltre, chiariscono che non costituisce un’indicazione al cesareo:

  • un pregresso taglio cesareo
  • un travaglio pretermine
  • un’infezione da virus dell’epatite B o dell’epatite C
  • la gravidanza gemellare.

Il documento inoltre ha sottoposto a revisione le pratiche che, se effettuate durante il travaglio di parto, consentono di ridurre le probabilitÓ di dover ricorrere al cesareo.

 

Molto forti sono le evidenze scientifiche a favore del sostegno emotivo offerto alla donna durante il travaglio di parto, effettuato da persone con o senza una formazione specifica. Non sono invece disponibili prove conclusive a favore del fatto che l’analgesia peri-midollare o pratiche come il parto in acqua riducano la probabilitÓ del taglio cesareo.

Queste procedure, tuttavia, precisano le linee guida potrebbero avere un’influenza su altri esiti che sono al di fuori dello scopo del documento.

 

Risorse utili