Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica
a cura del Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute
home > salute mentale > Ultimi aggiornamenti...
granditemi
salute mentale
Ultimi aggiornamenti

(30 luglio 2015) Terremoto del 2009 in Abruzzo: pubblicato un contributo della sorveglianza Passi sulle capacità di reazione positiva della popolazione

L’articolo “Health-Related Quality of Life in the Aftermath of the L'Aquila Earthquake in Italy”, pubblicato sulla rivista Disaster Medicine and Public Health Preparedness il 21 luglio 2015, propone un'analisi degli indicatori Healthy days per valutare lo stato di salute mentale della popolazione de L'Aquila prima e dopo il terremoto del 2009. I risultati ottenuti supportano l’ipotesi che dopo un disastro naturale, la popolazione può essere in grado di attivare risorse personali e fattori protettivi sociali, sottolineando la necessità di individuare le strategie per suscitare e sostenere queste energie positive. Leggi la presentazione a cura degli autori dell'articolo

 

(16 luglio 2015) Dalla ricerca alla pratica: prevenzione e intervento precoce per il rischio di depressione post partum

Si stima che nel mondo occidentale - come risulta da molti studi epidemiologici, pur con ampia variabilità - la depressione post partum colpisca circa il 10-15% delle donne che partoriscono, con episodi che durano tipicamente da due a sei mesi. Lo riferisce un articolo, pubblicato sul Notiziario Iss, che presenta i risultati del progetto “Prevenzione e intervento precoce per il rischio di depressione post partum” di cui si è parlato il 2 marzo 2015 nell’omonimo convegno all’Iss. L’evento, organizzato dal reparto di Salute mentale del Cnesps-Iss, in collaborazione con il ministero della Salute-Ccm, è stato anche occasione per recepire i contributi di diversi esperti e operatori del settore e riflettere sull’importanza di attivare programmi di prevenzione e trattamento precoce della depressione post partum nella routine dei servizi, che vedano il coinvolgimento di più figure professionali nell’ottica di un'integrazione multidisciplinare efficace. Per maggiori informazioni consulta l’articolo completo “Prevenzione e intervento precoce per il rischio di depressione post partum” (pdf 1 Mb, Notiziario Iss - Volume 28 - Numero 6, giugno 2015).

 

(16 luglio 2015) Mental Health Atlas 2014: servizi, risorse, politiche

Come sottolinea il Mental Health Atlas 2014, pubblicato dall’Oms a luglio 2015, occorre investire di più nella salute mentale e il motivo non è solo quello di ridurre la sofferenza di questo tipo di disturbi. Secondo l’Atlante, nel mondo, circa 1 persona su 10 soffre di disturbi mentali ma solo l’1% della forza lavoro sanitaria globale lavora su queste tematiche. La pubblicazione, infatti, fornisce informazioni aggiornate sulla disponibilità dei servizi e sulle risorse a livello mondiale (tra cui gli stanziamenti finanziari, le risorse umane e le strutture specializzate). Per approfondire leggi la riflessione di Antonella Gigantesco (reparto Salute mentale, Cnesps-Iss).

 

(18 giugno 2015) Il Piano d’azione europeo 2013-2020 sulla salute mentale

I disturbi mentali sono una delle principali sfide di sanità pubblica all’interno della Regione europea dell’Oms, affliggendo circa il 25% della popolazione ogni anno. In tutti i Paesi, i problemi di salute mentale sono più frequenti tra i gruppi più svantaggiati. È per questo che il nuovo European Mental Health Action Plan 2013-2020 sulla salute mentale si concentra su sette obiettivi, tra loro collegati, e pone un particolare focus sulle azioni da adottare per contrastare l’insorgenza dei disturbi mentali e migliorare la qualità di vita dei cittadini. Leggi l’approfondimento a cura di Antonella Gigantesco (reparto Salute mentale, Cnesps-Iss).

 

 

Stampa

Ultimo aggiornamento mercoledi 29 luglio 2015
Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute
Viale Regina Elena, 299 - 00161 Roma - Tel 0649901
© - Istituto Superiore di Sanità
EpiCentro è parzialmente sostenuto da risorse del CCM - Ministero della Salute

Istituto Superiore di Sanità
Cnesps