Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

Politiche sanitarie

Qualità e rilevanza della ricerca clinica nella riunione annuale del Network Cochrane italiano

2 febbraio 2012 - Il 14 e 15 novembre si è svolto presso l’Istituto superiore di sanità la XVI riunione annuale del Network Cochrane italiano “Come migliorare qualità e rilevanza della ricerca clinica”. La diffusione della ricerca clinica nelle strutture del servizio sanitario nazionale (Ssn) si è accompagnata in questi anni a iniziative legislative e di policy, nazionali e regionali, volte a rendere la ricerca sempre più parte della pratica clinica. Contemporaneamente, a livello internazionale e nazionale si è sviluppato un dibattito sui temi della qualità e rilevanza della ricerca, della sua governance, dei rapporti tra ricerca commerciale e ricerca finanziata dal Ssn, che meritano un approfondimento.

 

La Cochrane Collaboration (Cc), sin dalla sua nascita, si è posta come iniziativa di stimolo e riflessione critica sulla qualità e rilevanza della ricerca sulla valutazione dell’efficacia degli interventi sanitari. In questo contesto è apparsa naturale collaborare per la realizzazione del convegno con l’Istituto superiore di sanità (Iss), organo tecnico scientifico del Servizio sanitario nazionale e quindi Ente che ha responsabilità primaria nell’orientamento e sviluppo della ricerca nel nostro Paese. Proprio da una collaborazione tra Cochrane Collaboration e Iss potrebbe nascere anche in Italia un’iniziativa di “rilettura critica” su cosa la ricerca clinica produce, e quali sono le maggiori criticità a livello d’ideazione, conduzione, interpretazione e disseminazione dei risultati.

 

Nella mattinata il convegno ha affrontato le questioni generali legate allo “stato di salute” della rilevanza della ricerca clinica secondo una prospettiva internazionale e discuterà le criticità specifiche della realtà italiana. Nel pomeriggio ci si è concentrati - anche qui con il contributo di esperienze internazionali nelle quali la Cochrane Collaboration ha un importante ruolo di stimolo - sul tema della scelta degli esiti rilevanti per la ricerca e delle diverse prospettive attraverso le quali il tema della importanza delle informazioni che la ricerca clinica produce può essere letto e interpretato.

 

Scarica il programma (pdf 54 kb) e scarica le presentazioni:

 

Lunedì 14 novembre 2011

 

1) Uso delle revisioni sistematiche per iniziative di razionalizzazione della assistenza (“disinvestment initiative”)

Intervengono:

Mike Clarke - Cochrane Collaboration

Massimo Brunetti - Azienda sanitaria locale, Modena

Lorenzo Moja - Università di Milano

 

2) Problemi metodologici e pratici nella scelta degli esiti nella ricerca clinica

Intervengono:

Liz Gargon - Cochrane Collaboration

Roberto D’Amico - Università di Modena e Reggio Emilia

Graziella Filippini - Irccs Carlo Besta, Milano

 

Martedì 15 novembre 2011

 

Saluto di benvenuto

Enrico Garaci - Istituto superiore di sanità

 

Sessione I: Le strategie generali e le criticità per la promozione della ricerca

“patient oriented”

Coordinatori:

Vanna Pistotti - Istituto Mario Negri

Laura Amato - Ssr del Lazio

Sessione II: Le complessità nella scelta degli esiti rilevanti nella ricerca clinica

Coordinatori:

Teresa Cantisani - Azienda Ospedaliera Perugia

Roberto Satolli - Agenzia Zadig

  • L’importanza, per gli operatori sanitari e i pazienti, di definire gli outcome nella ricerca clinica (pdf 880 kb)
    Mike Clarke - Cochrane Collaboration
  • Tavola Rotonda: “Le questioni metodologiche e pratiche e i diversi punti di vista a confronto”
    Roberto D’Amico - Università di Modena e Reggio Emilia, Graziella Filippini - Irccs Carlo Besta Milano, Alfonso Mele - Istituto Superiore di Sanità, Fulvio Moirano - AgeNaS, Fedele Ruggeri - Università di Pisa, Giuseppe Recchia - Farmindustria, Silvana Simi - Cochrane Collaboration Consumer Network