Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

Tumori

Rapporto Airtum 2008: incidenza, sopravvivenza e andamento dei tumori infantili

I tumori infantili sono una patologia molto rara, ma il numero di bambini e adolescenti colpiti ogni anno è in aumento nei Paesi occidentali. Rimane, però, un dato positivo: in queste fasce di età (0-14 e 15-19 anni) la mortalità è in costante diminuzione. Lo riferisce il rapporto Airtum 2008 “Tumori infantili. Incidenza, sopravvivenza, andamenti temporali”.

 

La monografia, realizzata dall’Airtum in collaborazione con l’Associazione italiana di emato-oncologia pediatrica (Aieop) e con il sostegno dell’Istituto nazionale per la ricerca sul cancro di Genova (Ist) e del Ccm fornisce una misura aggiornata dell’incidenza e della sopravvivenza dei soggetti con tumore in età pediatrica (0-14 anni) e adolescenziale (15-19 anni), basata sui dati raccolti da 23 registri dell’Associazione italiana registri tumori.

 

Lo studio pubblica anche gli andamenti temporali di incidenza, sopravvivenza e mortalità, e le stime del numero di casi attesi in Italia fino al 2015. Sono riportati anche i dati del Registro ospedaliero dell’Associazione italiana di ematologia e oncologia pediatrica (Aieop). Il periodo di osservazione preso in esame dal rapporto va dal 1998 al 2002.

 

Incidenza

Nell’area coperta dai registri tumori i tassi d’incidenza della malattia sono:

  • bambini 0-14 anni: 175,4 casi per milione/anno
  • ragazzi 15-19 anni: 270,3 casi per milione/anno.

Il tasso di incidenza per tutti i tumori pediatrici in Italia è più alto di quello rilevato negli anni novanta negli Stati Uniti (158) e in Europa (140). Attualmente in Germania è 141, in Francia è 138.

 

Andamenti temporali nell’età pediatrica

Pur restando una patologia rara, tra il 1988 e il 2002 si è osservato un aumento della frequenza (per tutti i tumori) del 2% annuo passando da 146,9 casi nel periodo 1988-1992 a 176,0 casi nel periodo 1998-2002. L’incremento più consistente riguarda i bambini al di sotto di un anno di età (+3,2%), seguiti da quelli di età compresa tra i 10 e i 14 anni (+2,4%). Simile rimane negli altri due gruppi: +1,6% nella fascia di età 1-4 anni e +1,8% tra i 5 e i 9 anni. Tutti e tre i tumori più frequenti nei bambini sono in aumento: le leucemie (+1,6% annuo) i linfomi (+4,6% annuo) e i tumori del sistema nervoso centrale (+2,0% annuo).

 

Sopravvivenza e mortalità

Per i casi rilevati nel periodo 1998-2002, la sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi ha raggiunto complessivamente il 78% per i tumori in età pediatrica e l’82% per i tumori dell’età adolescenziale. Lo studio non ha rilevato differenze statisticamente significative nella sopravvivenza dei bambini e degli adolescenti residenti nelle diverse aree geografiche del Paese.

 

Stime: presente e futuro

Le stime, calcolate utilizzando le informazioni raccolte nelle aree coperte dai Registri tumori e i dati di popolazione forniti dall’Istat, indicano che in Italia ci sarà un aumento dei casi tra i più piccoli. Nel gruppo dei ragazzi, invece, i casi passano da 3974 nel periodo 2001-05 a 3752 nel periodo 2011-15.

 

Numero dei casi stimati in Italia ogni 5 anni

In bambini tra 0 e 14 anni di età:

  • 2001-2005: 7786 casi
  • 2006-2010: 8561 casi
  • 2011-2015: 9181 casi.

In bambini tra 15 e 19 anni:

  • 2001-2005: 3974 casi
  • 2006-2010: 3892 casi
  • 2011-2015: 3752 casi.

Per informazioni più approfondite visita le pagine del sito dell’Airtum dedicate al rapporto 2008 sui tumori infantili e scarica tutti i materiali (indice, prefazioni, introduzione, riassunto ecc).