Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

Vaccini e vaccinazioni

Controindicazioni e precauzioni alla vaccinazione

Revisione a cura di Antonietta Filia, Caterina Rizzo, Maria Cristina Rota - Dipartimento Malattie infettive, Iss

 

20 aprile 2017 - Il personale sanitario che esegue una vaccinazione deve verificare la presenza di controindicazioni e/o precauzioni prima di somministrare un vaccino. Per la raccolta delle informazioni sono sufficienti una serie di precise e semplici domande, utilizzando una scheda anamnestica standardizzata. Non è invece necessario misurare la temperatura o eseguire una visita medica prima della vaccinazione, salvo che la persona non appaia ammalata o riferisca una malattia in corso e sia, quindi, opportuno valutare se eseguire comunque la vaccinazione. Allo stesso modo, non sono richiesti esami di laboratorio o altri accertamenti diagnostici da eseguire di routine prima della vaccinazione.

 

Può accadere che alcuni sintomi o condizioni vengano erroneamente considerati vere controindicazioni quando in realtà non precludono la vaccinazione. Questi errori comportano opportunità perse per la somministrazione dei vaccini.

 

Nel 2009, un gruppo di esperti ha realizzato la “Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni”, uno strumento di consultazione per il personale sanitario che opera nel campo delle vaccinazioni che ha lo scopo di fornire un supporto tecnico per una corretta valutazione di controindicazioni o di precauzioni alla somministrazione di un vaccino. La Guida è attualmente in fase di aggiornamento e verrà pubblicata una nuova edizione nel corso del 2017 (per approfondire consulta la “Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni”, pdf 2,3 Mb).