Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

Vaccini e vaccinazioni

Ultimi aggiornamenti

10/5/2018 - Una riflessione sulle coperture vaccinali 2017

I ricercatori del Dipartimento di malattie infettive dell’Iss Fortunato Paolo D’Ancona, Antonietta Filia e Maria Cristina Rota commentano i dati sulle coperture vaccinali in età pediatrica e dell’adolescente (anno 2017) che il ministero della Salute ha recentemente pubblicato, i primi disponibili dopo l’introduzione della legge sull’allargamento dell’obbligo vaccinale. È evidente un miglioramento per tutti i vaccini e i gruppi di età disponibili che rappresenta un segnale molto positivo da correlare sicuramente all’introduzione della legge sull’allargamento dei vaccini obbligatori in Italia ed è probabilmente destinato a consolidarsi nei prossimi anni, ma nello stesso tempo richiama l’importanza di una indicazione forte e chiara sul valore della vaccinazione da parte delle istituzioni, di una coerenza nelle strategie e nelle azioni per migliorare ulteriormente le coperture vaccinali, di continuare la lotta alla disinformazione che spesso è alla base dalla esitazione e della ostilità alla vaccinazione e di potenziare le attività di informazione e comunicazione ai genitori e alla popolazione. Leggi l’approfondimento su EpiCentro.

 

3/5/2018 - Elenchi Aifa dei vaccini disponibili in Italia

L’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha pubblicato sul suo sito due elenchi sui vaccini disponibili in Italia. Il primo elenco riguarda i vaccini obbligatori e a offerta gratuita e attiva, in base alla Legge n. 119 del 31 luglio 2017 e inclusi nel Piano nazionale della prevenzione vaccinale (Pnpv) 2017-2019, il secondo elenco i vaccini autorizzati e commercializzati non inclusi nella legge stessa. Per maggiori informazioni leggi la pagina di EpiCentro dedicata.

 

3/5/2018 - Coperture vaccinali in Italia

Il ministero della Salute ha pubblicato le coperture vaccinali per l’anno 2017. Per la prima volta, dopo un quinquennio di continua riduzione, si osserva un significativo recupero delle coperture. In particolare, la copertura per la vaccinazione antipolio a 24 mesi è del 94,5% a livello nazionale (+1,2% rispetto al 2016) e raggiunge il 95% in 11 Regioni. La copertura per la prima dose di vaccino anti morbillo è del 91,7% (+4,4 rispetto al 2016) e raggiunge la soglia solo nel Lazio, ma le si avvicina in molte altre Regioni. Consulta sul sito del ministero della Salute la pagina dedicata alle coperture vaccinali e le coperture per le vaccinazioni dell’età pediatrica.

 

24/4/2018 - Percorso formativo Iss "Vaccini e vaccinazioni per la prevenzione delle malattie infettive"

Il corso “Vaccini e vaccinazioni: strategie e strumenti per la prevenzione delle malattie infettive” insieme agli altri due: “Vaccini e malattie prevenibili da vaccinazioni, basi immunologiche e nuovi approcci” e “I vaccini: dalla produzione alla somministrazione”, fruibili gratuitamente a partire da aprile e maggio 2018, completa il percorso formativo a distanza “Vaccini e vaccinazioni per la prevenzione delle malattie infettive” offerto dall'Istituto Superiore di Sanità (Iss). Lo scopo del percorso è quello di aggiornare il personale sanitario sull'importanza dei vaccini e della vaccinazione nella prevenzione primaria delle malattie infettive al fine di diffondere la cultura della vaccinazione a livello di popolazione sia come diritto sia come responsabilità, attraverso una metodologia formativa attiva e partecipativa. Il percorso formativo è stato realizzato grazie all'attivo coinvolgimento delle diverse figure professionali dell’Iss, quotidianamente coinvolte nei diversi campi: epidemiologico, microbiologico, immunologico, economico, statistico e di salute pubblica nell'ambito delle vaccinazioni. Il percorso formativo che prevede il rilascio di 50 crediti Ecm è fruibile gratuitamente sulla piattaforma www.eduiss.it. Consulta il programma del primo modulo (18 crediti) e iscriviti alla formazione.

 

24/4/2018 - Settimana delle vaccinazioni

La Settimana della vaccinazioni 2018 è focalizzata sull’importanza delle vaccinazioni e ha scelto di diffondere il messaggio chiave tramite l’hashtag #VaccinesWork. In occasione della Settimana, EpiCentro propone diversi contributi a cura dei ricercatori dell’Iss: una ricca rassegna di materiali informativi, tra i quali quelli prodotti dall’Oms e tradotti in italiano dagli esperti del Gruppo Tecnico Consultivo Nazionale sulle Vaccinazioni (Nitag) del ministero della Salute in collaborazione con i ricercatori dell'Istituto superiore di sanità, una riflessione sull’importanza della comunicazione in ambito vaccinale come risposta alla vaccine hesitancy, la presentazione delle due linee guida Ecdc sulla protezione e sull'esitazione vaccinale, un approfondimento sulle reazioni avverse ai vaccini, che ne conferma il profilo di sicurezza. Inoltre, anticipa i dati Passi sulle vaccinazioni antinfluenzale e antirosolia.

 

24/4/2018 - Vaccinazioni pediatriche: le domande difficili - terzo aggiornamento

È online il terzo aggiornamento del documento “Vaccinazioni pediatriche: le domande difficili” (pdf 651 kb) realizzato dal dipartimento di Prevenzione della Asl CN2 Alba Bra della Regione Piemonte per aiutare i genitori che desiderano affrontare il tema delle vaccinazioni pediatriche.

 

22/3/2018 - I registri vaccinali informatizzati in Italia

Sin dai primi anni 2000, numerosi documenti strategici hanno raccomandato di adottare i registri vaccinali informatizzati come strumento indispensabile per il monitoraggio delle performance vaccinali. Ultima in ordine di tempo, la legge sull’obbligo vaccinale impone, di fatto, la costruzione di una anagrafe vaccinale informatizzata a livello nazionale entro il 2018, nonché che le Asl adottino, entro l’anno scolastico 2019-2020, un sistema per la trasmissione dei dati dal registro vaccinale informatizzato alle scuole, per consentire l’identificazione dei minori inadempienti. L’obiettivo è quello di completare la transizione dal cartaceo al digitale, consentendo uno scambio di dati tra i vari livelli (Asl, Regione, ministero della Salute) e garantendo l'interoperabilità tra i registri vaccinali del territorio nazionale. Come riportato nell’articolo “Immunisation Registries at regional level in Italy and the roadmap for a future Italian National Registry” (Ann Ig 2018; 30: 77-85), seppure molto lentamente, l’obiettivo di una informatizzazione di tutte le Asl è prossimo ad essere raggiunto. Leggi il commento a cura di Fortunato D’Ancona e Flavia Riccardo dell’Iss, Vincenza Ginafredi dell’Università di Perugia e Stefania Iannazzo del ministero della Salute.

 

8/3/2018 - L’impatto dei programmi vaccinali in Italia

Quanti casi di malattia e quanti morti sono stati evitati grazie ai programmi vaccinali? È questa una delle domande a cui si è cercato di rispondere nell’ambito di un progetto coordinato dal Coordinamento regionale per la prevenzione e il controllo delle malattie della Regione Veneto (Ccmr Veneto). Nel corso del progetto un team di ricercatori, coordinato dall’Istituto superiore di sanità, ha stimato il numero di casi di malattia e di morti evitati tra il 1900 e il 2015 attraverso l’analisi dei dati disponibili sulla morbosità e la mortalità delle malattie prevenibili da vaccino. I risultati, pubblicati nell’articolo “The impact of immunization programs on 10 vaccine preventable diseases in Italy: 1900–2015” (Vaccine 2018;36:1435-1443), sono dati importanti per far fronte alla crescente diffidenza verso i vaccini e alla disinformazione sull’argomento. Per saperne di più leggi l’approfondimento a cura di Andrea Siddu e Sandro Cinquetti della Ulss 2 Marca Trevigiana, Paola Stefanelli, Giovanni Rezza, Stefania Bellino e Patrizio Pezzotti dell’Iss, e Antonio Ferro della Ulss 6 Euganea.

 

1/3/2018 - Composizione del vaccino antinfluenzale per la stagione 2018-2019: le raccomandazioni Oms per l’emisfero nord

Il 22 febbraio 2018, l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha pubblicato le raccomandazioni sulla composizione del vaccino trivalente e di quello quadrivalente per la stagione influenzale 2018-2019 nell’emisfero settentrionale. Per il quadrivalente l’Oms raccomanda le componenti A/Michigan/45/2015 (H1N1), A/Singapore/INFIMH-16-0019/2016 (H3N2), B/Colorado/06/2017 (lineaggio B/Victoria/2/87) e B/Phuket/3073/2013 (lineaggio B/Yamagata/16/88). Raccomanda inoltre che nel vaccino trivalente venga inserita la nuova variante B/Colorado/06/2017 (lineaggio B/Victoria/2/87). Il nuovo vaccino conterrà, dunque, due nuove varianti antigeniche: una di tipo A, sottotipo H3N2(A/Singapore/INFIMH-16-0019/2016), che sostituirà il ceppo A/Hong Kong/4801/2014 ed una di tipo B (B/Colorado/06/2017-lineaggio Victoria) che sostituirà il ceppo B/Brisbane/60/2008. Per maggiori informazioni consulta il documento dell’Oms completo “Recommended composition of influenza virus vaccines for use in the 2018-2019 northern hemisphere influenza season - full report” (pdf 411 kb), le Faq sulle raccomandazioni “Questions and answers - Recommended composition of influenza virus vaccines” (pdf 85 kb).

 

18/1/2018 - Esitazione vaccinale tra i genitori: risultati di una survey italiana

Un totale di 3130 questionari somministrati - on line o negli studi pediatrici e infermieristici - a genitori di bambini di 16-36 mesi di età per valutare l’esitazione vaccinale (vaccine hesitancy) e indagare i suoi principali determinanti. È questa la dimensione della survey condotta nel 2016 da alcuni ricercatori italiani (tra cui alcuni dell’Istituto superiore di sanità) i cui risultati sono stati pubblicati a gennaio 2018 sulla rivista internazionale Vaccine. I genitori, classificati come “pro-vaccinazioni”, “esitanti” o “contrari alle vaccinazioni” sulla base dello status vaccinale (autoriferito) dei propri figli sono risultati essere rispettivamente l’83,7%, il 15,6% e lo 0,7%. La sicurezza è risultata essere il principale motivo di preoccupazione alla base del rifiuto (38,1%) o dell’interruzione (42,4%) della vaccinazione. Dai dati dell’indagine emerge anche che il pediatra di famiglia è la fonte di informazione sui vaccini considerata più affidabile sia per i genitori pro-vaccini (96,9%) sia per quelli esitanti (83,3%), contro il 45% dei genitori contrari alla vaccinazione. Per approfondire consulta l’articolo completo su Vaccine: “Parental vaccine hesitancy in Italy - Results from a national survey”.

 

 


 

trova dati