Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

home > malattie infettive > vaccinazioni > Aggiornamenti...
granditemi
vaccinazioni
Aggiornamenti

21/7/2016 - Vaccini: il documento della Fnomceo

«Solo in casi specifici, quali ad esempio alcuni stati di deficit immunitario, il medico può sconsigliare un intervento vaccinale. Il consiglio di non vaccinarsi nelle restanti condizioni, in particolare se fornito al pubblico con qualsiasi mezzo, costituisce infrazione deontologica». Con queste parole, pubblicate l’8 luglio nel “Documento sui vaccini”, la Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo) chiarisce la propria posizione su un tema da tempo oggetto di disinformazione e dibattiti. Nel documento, la Fnomceo affronta le ragioni della diffusione della recente contestazione vaccinale da parte di alcuni gruppi e propone, spiegando le ragioni dell’importanza e della sicurezza dei vaccini, una serie di azioni e provvedimenti di promozione/protezione della pratica vaccinale nel nostro Paese. La Fnomceo continua anche sottolineando che «secondo la Costituzione della Repubblica la tutela della salute dell’individuo rappresenta un interesse della collettività. Tale imperativo costituzionale si attaglia ai vaccini che, proteggendo il singolo dalla possibile comparsa di gravi malattie, tutelano la comunità attraverso il cosiddetto effetto gregge» effetto che si concretizza quando una percentuale variabile tra l’85% e il 96% della popolazione, ,a seconda della contagiosità della malattia, è vaccinata e induce una riduzione della circolazione degli agenti patogeni fino alla cessazione . Per approfondire consulta il “Documento sui vaccini” (pdf 132 kb) della Fnomceo e per sperimentare il punto di vista di chi non può vaccinarsi guarda il gioco multimediale “nei miei panni”, prodotto dalla Regione Veneto nell’ambito dei corsi di formazione on line.

 

21/7/2016 - Coperture vaccinali: i nuovi dati Oms-Unicef

Gli ultimi dati disponibili sulle coperture vaccinali mondiali, pubblicati da Oms e Unicef, mostrano che l’86% dei bambini, nel 2015, ha ricevuto le 3 dosi obbligatorie del vaccino Dtp3, contro difterite-tetano-pertosse (il livello di copertura vaccinale è stabile sopra all’85% dal 2010). Il numero di bimbi che non hanno ricevuto le vaccinazioni di routine è sceso dai 33,8 milioni del 2000 ai 19,4 milioni del 2015. Tuttavia questi progressi rimangono inferiori all’obiettivo fissato dal Global Vaccine Action Plan (Gvap) che mirava, entro il 2015, ad avere una copertura vaccinale superiore al 90% per la vaccinazione Dpt3 a livello nazionale e all’80% in tutte le zone dei diversi Paesi. Dal monitoraggio di Oms e Unicef emerge inoltre: l’aumento delle vaccinazioni infantili contro l’epatite B (che è passata da una copertura del 29% nel 2000 all’84% nel 2015), al 64% la copertura per la vaccinazione contro l’Haemophilus influenzae di tipo B (Hib), l’aumento del numero dei Paesi che utilizzano nuovi vaccini, come quello per il rotavirus e quello pneumococcico coniugato. Per approfondire consulta il documento “Global immunization coverage sustained in the past five years” sul sito dell’Oms e consulta su EpiCentro le infografiche sui dati nuovi di copertura vaccinale nel mondo (Fonte Oms-Unicef).

 

7/7/2016 - Veneto: on line un corso di formazione per i cittadini

Un corso di formazione on line sulle vaccinazioni: è la nuova offerta formativa della Regione Veneto per i cittadini. Si tratta di un percorso strutturato in tre sezioni: “Leggiti e informati” (contenente 8 schede sulle vaccinazioni e 13 sulle malattie prevenibili), “Mettiti alla prova” (cinque giochi enigmistici pensati per valutare le proprie conoscenze sul tema) e “Nei miei panni”, un serious game progettato per educare il giocatore, guidarlo ad apprendere informazioni e fornirgli la motivazione adeguata per adottare un certo tipo di comportamento. Per maggiori informazioni visita il sito dedicato (per navigare nel sito è necessario creare un account) e accedi alla sezione “Tutto sui vaccini in parole semplici”.

 

(23 giugno 2016) Stagione influenzale 2015-2016: coperture vaccinali nazionali e situazione europea

Sono stati pubblicati, sul sito del ministero della Salute, i dati sulla campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016. Le coperture vaccinali, aggiornate al 3 giugno 2016, mostrano un andamento stabile rispetto alla scorsa stagione segnando una battuta d’arresto al calo delle coperture osservato negli ultimi anni. I dati di copertura nella popolazione generale sono infatti passati dal 13,3% nel 2014/15 al 13,9, in quest’ultima mentre le coperture negli ultrasessantacinquenni sono passate dal 48,6% nella stagione 2014/15 al 49,9% nell’ultima rilevazione con un massimo in Umbria (62,8%) e un minimo nella P.A. di Bolzano (37,8%). Nel grafico è riportato l’andamento delle coperture vaccinali dalla stagione 1999/2000 a quella 2015/2016, dopo un iniziale aumento nella prima metà degli anni 2000 si osserva una riduzione della copertura vaccinale negli ultrasessantacinquenni con un minimo storico registrato nella stagione 2014/2015. Per maggiori informazioni leggi l’approfondimento a cura di Caterina Rizzo e Antonino Bella (Cnesps-Iss).

 

(16 giugno 2016) Esitazione vaccinale: un nuovo toolkit affronta la comunicazione tra pari

“Non esitate: parlate di vaccinazioni ai vostri amici dubbiosi con empatia e fiducia” è il titolo del nuovo strumento messo a disposizione da TeamVax Italia e dedicato ai genitori e a tutti coloro che desiderano migliorare la comunicazione sul tema dei vaccini con i propri pari. Si tratta della traduzione, curata da Riv - Rete informazione vaccini e da IoVaccino, di un toolkit elaborato dall’organizzazione Voices for Vaccines che si propone di fornire strumenti comunicativi efficaci a coloro che intavolano discussioni sul tema dei vaccini e hanno occasione di incontrare i cosiddetti genitori “esitanti”, coloro cioè che, per ragioni diverse, decidono di posticipare le vaccinazioni dei propri figli o di non effettuarle. Leggi la presentazione a cura dello Staff di IoVaccino e Riv (Rete informazione vaccini) .

 

(9 giugno 2016) Vaccini e autismo: si chiude il procedimento a Trani

Caterina Rizzo e Maria Cristina Rota (Cnesps-Iss) commentano e contestualizzano la decisione della procura di Trani di riconoscere l’inconsistenza del presunto legame tra la vaccinazione trivalente Mpr (contro morbillo, parotite e rosolia) e autismo. L’indagine, partita nel 2014 in seguito alla denuncia di una coppia di genitori secondo cui i loro due figli erano diventati autistici dopo la somministrazione del vaccino Mpr, si è avvalsa del parere di un collegio di esperti sulle cui affermazioni si è dibattuto molto in questi ultimi giorni. Per maggiori informazioni leggi l’approfondimento.

 

(5 maggio 2016) Le vaccinazioni in Trentino nel 2015

Nel 2015, nella PA di Trento, le coperture vaccinali per polio, difterite, tetano ed epatite B registrano – per il terzo anno consecutivo - valori inferiori agli obiettivi fissati dal Piano nazionale vaccini (95%). La copertura vaccinale per il morbillo nella coorte di nascita del 2013 è dell’84,6%, in leggero aumento (+0,3%) rispetto all’anno precedente, ma ancora inferiore all’obiettivo di copertura del 95%. Inoltre il Distretto Ovest presenta valori di copertura vaccinale ai 24 mesi più elevati rispetto alla media provinciale (+1,3% per la vaccinazione antipolio; +3,4% per l’antimorbillo). Sono alcune delle informazioni che emergono dal rapporto “Le vaccinazioni in Trentino. Anno 2015” (pdf 1,3 Mb). Il documento fa il punto sui dati di copertura vaccinale, sul monitoraggio semestrale per le vaccinazioni obbligatorie e sul monitoraggio della vaccinazione antinfluenzale.

 

(28 aprile 2016) Promozione delle vaccinazioni: nuovi materiali dall’Ecdc

In occasione della settimana mondiale ed europea delle vaccinazioni, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) pubblica tre nuovi documenti. La guida “Let’s talk about hesitancy: enhancing confidence in vaccination and uptake” fornisce suggerimenti evidence based e peer-reviewed a coloro che si occupano della gestione dei servizi vaccinali. Il documento mira infatti a identificare le modalità più efficaci per aumentare la fiducia delle persone nelle vaccinazioni. La guida “Let’s talk about protection: enhancing childhood vaccination uptake” è, invece, specificamente pensata per promuovere la vaccinazione infantile. Infine il documento “Translation is not enough: cultural adaptation of health communication materials” descrive come adattare i materiali di comunicazione, scritti in inglese, ai diversi contesti in cui vengono pubblicati (traduzione, bisogni locali, ecc) senza perdere la validità scientifica del documento originale.

 

(21 aprile 2016) Settimana mondiale ed europea delle vaccinazioni 2016

L’edizione 2016 della World Immunization Week (24-30 aprile) rappresenta la prosecuzione ideale di quella del 2015, riconfermando l’obiettivo di garantire a tutti, e in ogni età, la possibilità di proteggersi dalle malattie grazie alle vaccinazioni. Al secondo anno dall’attivazione del Global Vaccine Action Plan i dati parlano chiaro: nel mondo le vaccinazioni evitano ogni anno 2-3 milioni di decessi per malattie infettive, ma si potrebbe fare molto di più per centrare l’obiettivo dichiarato (“Close the immunization gap”) di “colmare il divario nelle immunizazzioni”. In occasione della settimana delle vaccinazioni EpiCentro pubblica la riflessione di Donato Greco (Ecdc) “Ancora 15 anni per un mondo polio free” e quella di Antonietta Filia (Cnesps-Iss) “I progressi verso l’eliminazione di morbillo e rosolia nella Regione Europea dell’Oms”. In occasione della Settimana, il network TeamVax Italia ha elaborato la “Carta italiana per la promozione delle vaccinazioni”, un vero e proprio strumento di advocacy sponsorizzato, tra gli altri, dal ministero della Salute e dalla Società italiana di igiene (Siti). Per approfondire leggi la presentazione di Daniel Fiacchini (Asur Marche, Area vasta 2). Infine, per aiutare gli operatori e i cittadini ad avere maggiori informazioni sull’andamento delle coperture vaccinali, EpiCentro pubblica in forma grafica i dati italiani di copertura vaccinale (per anno e per Regione), i calendari vaccinali regionali e le relative delibere, e i dati di copertura mondiali (per il 2013).

 

(31 marzo 2016) L’Oms aggiorna le fact sheet sulle vaccinazioni

Secondo l’Organizzazione mondiale della salute (Oms), le vaccinazioni prevengono, ogni anno, tra i 2 e i 3 milioni di decessi: è uno dei dati presenti nelle fact sheet che l’Oms ha aggiornato a marzo 2016. La pagina presenta le informazioni generali sulle vaccinazioni e le coperture vaccinali mondiali del 2014. Per maggiori informazioni consulta il sito Oms.

 

(3 marzo 2016) Composizione del vaccino antinfluenzale per la stagione 2016-2017: le raccomandazioni Oms per l’emisfero nord

Il 25 febbraio 2016, l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha pubblicato le raccomandazioni sulla composizione del vaccino trivalente e di quello quadrivalente per la stagione influenzale 2016-2017 nell’emisfero settentrionale. Vi sono due cambiamenti importanti con il passaggio del ceppo H3N2 da A/Switzerland ad A/Hong Kong e del ceppo B da B/Phuket a B/Brisbane, il primo della linea Yamagata e il secondo Victoria, con quest' ultimo che sta dominando l' attuale stagione. Per il vaccino quadrivalente vengono raccomandate entrambe le linee del virus B. Nessun cambiamento viene consigliato per il virus H1N1, di cui vengono segnalati 2 subcladi emergenti, ma che non apporterebbero modifiche significative rispetto al classico ceppo California-2009. Alla luce dei virus zoonotici recenti vengono raccomandati quali candidati vaccini quelli contro i virus H5N6 e H1N1v. Per maggiori informazioni consulta il documento dell’Oms completo “Recommended composition of influenza virus vaccines for use in the 2016-2017 northern hemisphere influenza season” e una sintesi in italiano (pdf 222 kb) riportata sul sito della sorveglianza virologica Influnet dell’Iss.

 

(18 febbraio 2016) Efficacia vaccinale del vaccino antinfluenzale: le stime preliminari di I-MOVE

L’11 febbraio scorso Eurosurveillance ha pubblicato le stime preliminari dell’efficacia vaccinale (EV) del vaccino antinfluenzale in Europa. I dati emergono dallo studio multicentrico caso-controllo I-MOVE (Influenza Monitoring Vaccine Effectiveness in Europe) a cui partecipano 10 Paesi: Germania, Francia, Ungheria, Irlanda, Italia, Polonia, Portogallo, Spagna, Svezia e Paesi Bassi. Dai dati emerge che l’EV nei confronti del vaccino antinfluenzale è pari al 46,3% tra gli adulti di 18-64 anni. Per approfondire consulta l’articolo “Early influenza vaccine effectiveness results 2015-16: I-MOVE multicentre case-control study”.

 

(18 febbraio 2016) Vaccinazioni e interesse superiore del fanciullo

Deve prevalere la decisione dei genitori di non vaccinare rispetto al diritto di un bambino a essere protetto mediante le vaccinazioni? Il diritto/dovere dei genitori di allevare i propri figli giustifica decisioni che pongono la comunità a rischio? Luciano Pinto, Gianni Bona, Giuseppe Di Mauro (Società italiana di pediatria preventiva e sociale, Sipps) nel documento “Vaccinazioni e interesse superiore del fanciullo” (pdf 497 kb) riflettono sul calo delle coperture vaccinali (CV) in età pediatrica al 24° mese che in Italia si è registrato nel 2014, confermato anche dai dati di CV per il vaccino MPR a 5-6 anni di età (2° dose), rilevate dalle Regioni nel 2013 e nel 2014.

 

(4 febbraio 2016) I rimedi giurisdizionali contro l’esitazione vaccinale

Alla luce del calo delle coperture vaccinali registrato nel nostro Paese, anche il mondo giuridico si interroga sul perché di questa tendenza. Giorgio Altieri (Giudice del Tribunale di Cagliari) nell’articolo “I rimedi giurisdizionali contro l’esitazione vaccinale”, pubblicato su questionegiustizia.it il 10 dicembre 2015, analizza gli aspetti legali legati al tema della cosiddetta Vaccine Hesitancy parlando, per esempio, di vaccinazioni obbligatorie e raccomandate, del sistema sanzionatorio, degli interventi sulla responsabilità dei genitori, dei punti critici delle prassi seguite, delle violazione dei doveri dei genitori e rimedi previsti dall’ordinamento, ecc e concludendo che «L’intervento impositivo non può però essere sufficiente se non sarà accompagnato da azioni informative efficaci, non solo da parte dei servizi vaccinali, ma soprattutto da parte di pediatri e medici di base e dei mass media tradizionali». Per approfondire consulta l’articolo completo su questionegiustizia.it: “I rimedi giurisdizionali contro l’esitazione vaccinale”.

 

(4 febbraio 2016) Coperture vaccinali: dal Ministero i dati sulla 2a dose Mpr

Tra il 2013 e il 2014 calano le coperture vaccinali (CV) per la seconda dose di vaccino Mpr (morbillo-parotite-rosolia) e in entrambi gli anni le cifre rimangono, in tutte le Regioni italiane, al di sotto della soglia del 95%, valore minimo previsto dall’obiettivo del Piano per l’eliminazione del morbillo e della rosolia congenita (PNEMoRc) 2010-2015. È quanto emerge dai dati pubblicati il 25 gennaio 2016 dal ministero della Salute che, per la prima volta, rende note anche le coperture per vaccino Mpr somministrato a 5-6 anni di età (2a dose) e relative al periodo di rilevazione 2013-2014. Infatti, la media nazionale per morbillo, parotite e rosolia passa rispettivamente dal 84,05%, 83,59% e 83,65% nel 2013 al 82,72%, 82,41% e 82,46% nel 2014. Per facilitare la lettura, EpiCentro propone le infografiche sulle CV in Italia, aggiornando i dati per la 1a dose (periodo 2000-2014) e aggiungendo nuovi grafici per la 2a dose (periodo 2013-2014). Consulta anche il comunicato stampa sul sito del ministero della Salute.

 

(14 gennaio 2016) Premio per buone pratiche per medici di medicina generale

Il progetto europeo Asset - Piano di azione sulle tematiche di Scienza in Società (SiS) su epidemie e pandemie, indice un bando per premiare tre operatori del settore sanitario di base (preferibilmente Medici di medicina generale o un gruppo di Mmg). Il premio, tre mila euro per ciascun vincitore da utilizzare in attività di tipo formativo, è rivolto agli operatori che, nel periodo 2014-2015, hanno attuato un’attività o un intervento per migliorare la risposta delle comunità locali (o di gruppi di persone) nell’affrontare epidemie di malattie infettive (come influenza, morbillo o pertosse), o per promuovere le vaccinazioni per gruppi di bambini o adulti per la prevenzione di malattie come l’influenza, il morbillo, la rosolia o la pertosse. Il bando ha due scadenze: la prima, il 15 gennaio è per la nomina di un Mmg o un gruppo di Mmg; la seconda, il 15 febbraio, è per la candidatura di un Mmg europeo o gruppo di Mmg. Per maggiori informazioni scarica la descrizione del premio in italiano (pdf 493 kb) e leggi la notizia sul sito del progetto.

 


Ultimo aggiornamento giovedi 21 luglio 2016

 

trova dati