Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura dell'Istituto superiore di sanità

salute sul lavoro

Documentazione

In Europa

 

Sicurezza dei lavoratori: gli effetti della crisi

Secondo un sondaggio dell’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (Eu-Osha), 6 europei su 10 pensano che la crisi economica deteriorerà le condizioni di lavoro, soprattutto per quanto riguarda la salute e la sicurezza. Malgrado il 57% degli europei pensi che la sicurezza e la salute sul lavoro siano migliorate negli ultimi 5 anni, il 75% di essi crede che la mancanza di benessere sia causata, almeno in parte, dal lavoro che le persone svolgono. Il sondaggio mette in luce come la crisi abbia modificato le priorità dei lavoratori nella scelta del loro impiego: la stabilità del posto dell’impiego e il compenso sono infatti diventati più importanti della sicurezza e della salubrità delle condizioni di lavoro. L’indagine ha messo in luce anche delle differenze di genere: se nella scelta dell’impiego gli uomini danno più importanza allo stipendio e alla sicurezza rispetto alle donne (61% degli uomini contro 53% delle donne per quanto riguarda lo stipendio e 55% contro 51% per quanto riguarda la sicurezza del lavoro) queste ultime prestano molta più attenzione alle ore di lavoro (26%) rispetto ai colleghi maschi (19%). Il sondaggio è stato realizzato su un campione rappresentativo di mille persone per ogni Stato membro. Per maggiori informazioni leggi il comunicato stampa dell’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro e visita la pagina del sito dell’Eu-Osha da cui scaricare il materiale in relativo ai singoli Stati membri e in particolare le relazioni su Italia (pdf 184 kb) ed Europa (pdf 176 kb).

 

 

TOP