ISS
L'epidemiologia per la sanità pubblica
Istituto Superiore di Sanità
Epidemiologia per la sanità pubblica - ISS


Screening al colon retto: lo scenario regionale

La situazione dello screening per il tumore del colon-retto in Italia è piuttosto complessa: non è stato ancora raggiunto, infatti, un consenso sul protocollo da adottare. I due test principali, promossi in modo diverso a seconda delle realtà locali e regionali, sono quelli del sangue occulto nelle feci e della colonscopia. Come ricorda Nereo Segnan (Unità di epidemiologia - Cpo Piemonte) in un commento ospitato da EpiCentro nel marzo 2005, in questo momento il dibattito su quali strategie di screening al colon retto sia preferibile adottare in Italia è molto vivace. Può quindi essere di aiuto per i pianificatori regionali, in vista della definizione dei progetti per il Piano nazionale di prevenzione 2005-2007, illustrare le strategie già adottate da alcune Regioni italiane.

In breve, la Toscana e l’Emilia Romagna promuovono l’offerta del test per il sangue occulto; nel Veneto vige invece un doppio regime; in Piemonte si è deciso di adottare un programma che offre alla popolazione, al compimento del 58esimo anno di età, la sigmoidoscopia in prima battuta. Chi però non accettasse di eseguirla, può optare per il test del sangue occulto. La Regione Lazio propone la ricerca di sangue occulto nelle feci per lo screening della popolazione a rischio generico (50-74 anni), la colonscopia per lo screening della popolazione ad alto rischio (familiari dei portatori di neoplasia).

Consulta la scheda sugli screening oncologici messa a punto su EpiCentro per i pianificatori regionali.

Leggi anche il focus dedicato agli screening oncologici.