Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

Osservatorio sui farmaci

Le diverse facce dell'appropriatezza prescrittiva: il convegno all’Iss

28 luglio 2016 - Si è parlato di appropriatezza prescrittiva, un tema di grande attualità per il nostro Servizio sanitario nazionale (Ssn), nel convegno “Le diverse facce dell'appropriatezza prescrittiva” che si è svolto all’Istituto superiore di sanità (Iss) il 14 luglio scorso. Infatti, la sostenibilità dell’Ssn può essere garantita solo attraverso un uso appropriato degli interventi di dimostrata efficacia. Durante il convegno, organizzato dal reparto di Farmacoepidemiologia del Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute (Cnesps) dell’Iss, il tema è stato affrontato da più punti di vista: da quello del Medico di medicina generale (Mmg) a quello dei componenti di commissioni del farmaco (regionali o di ospedale); dalla popolazione pediatrica a quella dei grandi anziani; dalla prescrizione in ambito territoriale, all’uso nelle strutture ospedaliere, o in strutture speciali come quelle carcerarie; dagli aspetti più strettamente “qualitativi” della prescrizione alle implicazioni di spesa e di sostenibilità per l’Ssn.

 

Le esperienze presentate fanno riferimento alle diverse realtà locali - dalla Sicilia alla Provincia di Trento - e sono un esempio della capacità di mettere in condivisione le competenze disponibili sul territorio e di creare reti all'interno del Ssn. La produzione e il trasferimento di conoscenze sono fondamentali per migliorare la salute dei cittadini e adottare interventi di sanità pubblica.

 

Per approfondire consulta e scarica il programma (pdf 25 kb) e le presentazioni:

 

I Sessione - Moderatori: Patrizia Popoli (dipartimento del Farmaco-Iss) e Francesco Trotta (dipartimento di Epidemiologia, Regione Lazio)

II Sessione - Moderatori: Pierluigi Navarra (facoltà di Medicina e chirurgia, Università Cattolica Sacro Cuore, Roma) e Mariangela Rossi (Regione Umbria)