Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

influenza da nuovo virus A/H1N1

Notiziario - 29 aprile 2009

La situazione in Italia: circolare dal ministero della Salute

Al 29 aprile, nel nostro Paese non è stato segnalato alcun caso di influenza da nuovo virus A/H1N1.

 

Il 28 aprile 2009 il ministero del Lavoro, Salute e Politiche sociali ha pubblicato la circolare "Sindrome influenzale da nuovo virus del tipo A/H1N1" (pdf 1 Mb) con la scheda (xls 40 kb) per la raccolta delle informazioni su casi di nuova influenza da virus A/H1N1. Il documento contiene le prime misure di prevenzione e controllo e la definizione di caso di influenza da nuovo virus A/H1N1 (criteri clinici, epidemiologici e di laboratorio). La circolare fornisce anche indicazioni per la gestione dei casi sospetti, probabili e confermati. I casi definiti come “sospetti” devono essere subito segnalati alla Asl competente per territorio e notificati seguendo la procedura prevista per le malattie di classe I (Dm 15 dicembre 1990). Infine, il documento riporta le misure per limitare la diffusione del virus, le misure di igiene e protezione personale, le misure per gli operatori sanitari e quelle per i contatti stretti dei casi probabili.

 

È in funzione presso il ministero del Lavoro, Salute e Politiche sociali il numero verde 1500 per fornire informazioni utili a cittadini e viaggiatori. Al numero, attivo tutti i giorni dalle ore 8 alle 20, rispondono medici ed esperti appositamente formati.

 

Il numero dei casi

Secondo i dati forniti il 29 aprile 2009 (pdf 65 kb) dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, in Europa quattro Paesi riportano in totale 13 casi di infezione: 4 in Spagna, 5 nel Regno Unito, tre in Germania e 1 in Austria. Sono più di 150 i casi ancora in esame da parte di 17 degli Stati membri.

 

Nel resto del mondo, i casi confermati sono 155. Circa 1000 (più della metà dei quali in Messico) quelli ancora sotto esame. In particolare, sono in corso le indagini per analizzare le ragioni della gravità con cui la malattia si è manifestata in Messico: qui si registrano 33 casi (7 i decessi), ma sono circa 700 i casi ancora sotto esame.

 

Gli Stati Uniti confermano 91 casi di influenza provocati dal virus A/H1N1: 51 a New York, 14 in California, 16 in Texas, 2 in Kansas, 2 in Massachusetts, 2 nel Michigan, 1 in Arizona, 1 in Indiana, 1 in Nevada e 1 in Ohio. In Texas si è verificato il primo decesso. Secondo la Pan American Health Organization (Paho), la trasmissione autoctona da uomo a uomo si è verificata solo in un caso, in Kansas. Maggiori dettagli sul sito dei Cdc di Atlanta.  

 

In Canada sono stati confermati 13 casi: 4 in Nuova Scozia, 4 in Ontario, 3 nella Columbia Britannica e 2 in Alberta. Leggi il comunicato dell’Agenzia di sanità pubblica canadese.

 

Confermati anche 14 casi in Nuova Zelanda, 2 in Costarica e 2 in Israele.

 

Secondo il rapporto del 29 aprile 2009 dell’Ecdc, anche se questo nuovo virus influenzale ha un’origine animale, è evidente che ora si sta trasmettendo da uomo a uomo. A oggi, sembra che l’influenza sia più virulenta in Messico rispetto alle altri parti del mondo. L’epidemia viene quindi seguita attentamente per identificare tempestivamente eventuali modifiche delle caratteristiche epidemiologiche dei casi confermati. Il virus è comunque già presente in Europa: è quindi inevitabile che saranno identificati nuovi casi. Al momento, comunque, tutti i casi confermati hanno contratto l’infezione fuori dall’Unione europea: non è stata registrata alcuna trasmissione del virus tra gli Stati dell’Ue. Secondo l’attuale valutazione dell’Ecdc, il nuovo virus non è particolarmente aggressivo, ma certamente continuerà a diffondersi.

 

Oms: protocollo provvisorio sulle azioni rapide per contenere la prima comparsa di una pandemia di influenza

Il documento delinea un approccio strategico per contenere la prima comparsa della pandemia di influenza. Il protocollo stabilisce in linea di massima "che cosa" deve essere fatto e "come" intraprendere un’azione di contenimento. Questa strategia deve essere adattata per soddisfare le condizioni specifiche del Paese in cui vengono avviate le operazioni.

La redazione di EpiCentro propone la traduzione in italiano dell’executive summary del documento.

 

Influenza stagionale, influenza aviaria, influenza suina e pandemia: cosa sono?

Un breve testo, a cura della redazione di EpiCentro, spiega cosa sono e come si definiscono l’influenza di stagione, l’influenza aviaria, l’influenza suina e l’influenza pandemica.

 


 

trova dati