Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura dell'Istituto superiore di sanità

utili per lavorare

Ultimi aggiornamenti

16/05/2019 - Nasce l’app “Mamma in salute”

Il 12 maggio scorso, in occasione della Festa della mamma, il ministero della Salute ha presentato “Mamma in salute” l’App per smartphone gratuita e senza pubblicità. L’applicazione è divisa in tre sezioni: prima della gravidanza, gravidanza e parto, dopo il parto e allattamento. Contiene informazioni utili sui consultori familiari, le banche del latte oltre che una mappa dei Centri per la procreazione medicalmente assistita. Nel Diario della gravidanza è possibile annotare i risultati delle indagini diagnostiche-strumentali effettuate e delle visite ginecologiche. L’Agenda ricorderà con i promemoria alla donna gli appuntamenti durante la gestazione. Questo strumento va ad affiancare l’applicazione “hAPPy mamma” Toscana, realizzata dal Laboratorio Management e Sanità del Sant’Anna di Pisa, a cui presto si aggiungerà un’applicazione simile lanciata dalla Regione Emilia-Romagna. In quest’ultima sarà presente anche un sistema tipo “Birth choice” attivo da anni nel Regno Unito, che aiuta le donne a scegliere il luogo del parto in base alle loro esigenze/preferenze. Tutto ciò avviene in un quadro promosso dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), da sempre vicino alle iniziative digitali sia per le mamme che per la formazione dei professionisti del settore. Per approfondire: scarica la App “Mamma in salute” (Apple store; Googleplay) e leggi il comunicato stampa sul sito del ministero della Salute; visita il sito della Regione Toscana dedicato alla applicazione “hAPPy mamma” e il sito del Regno Unito “Birth choice”.

 

18/4/2019 - La salute senza esclusioni

SaniMApp - La salute senza esclusioni è un’app che fornisce informazioni sull’assistenza sanitaria a Roma e nel Lazio per le persone sprovviste di permesso di soggiorno. Tre le aree principali. La mappa (realizzata da parte del Gruppo immigrazione salute del lazio (Gris Lazio) – gruppo territoriale operativo della Società italiana di medicina delle migrazioni (Simm) - per conto della Regione Lazio, direzione salute e integrazione socio sanitaria, area integrata del territorio) sull’ubicazione e gli orari degli uffici che forniscono il tesserino Stp (Stranieri temporaneamente presenti) o Eni (Europeo non iscritto) e gli ambulatori Stp/Eni che consentono le cure alle persone straniere senza il permesso di soggiorno, che lo hanno scaduto o non lo hanno mai avuto, così come ai cittadini senza assistenza e in condizioni di fragilità. Lo spazio per gli operatori socio-sanitari che ricorda i loro doveri nei confronti delle persone immigrate, anche se prive di permesso di soggiorno o altri titoli per accedere al Ssn. Infatti, da un lato è fondamentale che ogni operatore socio-sanitario, conosca l’ubicazione degli uffici e degli ambulatori “Stp/Eni” presenti nella Asl dove lavora o nel territorio dove opera, per informare ed orientare ogni straniero/straniera che incontri nella sua attività, d’altro è importante anche informare ogni straniero/straniera senza permesso di soggiorno che, come per gli italiani, oltre alle visite di base presso gli ambulatori Stp/Eni, può usufruire gratuitamente di ricoveri ospedalieri urgenti, prestazioni ambulatoriali urgenti ad accesso diretto quali primo soccorso e guardia medica, interventi di prevenzione delle malattie e profilassi finalizzati alla tutela della salute pubblica, vaccinazioni obbligatorie, prestazioni previste nei protocolli della maternità, prestazioni a tutela dell’infanzia. La terza sezione, che rimanda al sito della Società italiana di medicina delle migrazioni (Simm), è dedicata alla normativa che garantisce l’assistenza sanitaria alla popolazione straniera e alle linee guida per la gestione delle problematiche di salute che possano presentare in particolare gli stranieri/le straniere vittime di tortura o di violenza o le donne che hanno subito mutilazione genitali femminili. Per maggiori informazioni visita il sito dedicato.

 

18/12/2018 - Il mondo dei funghi spiegato ai bambini

“La piccola Flora nel regno dei funghi” è il titolo del fumetto micologico destinato ai bambini delle IV e V classi delle scuole primarie calabresi, realizzato dal Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie della Calabria con il supporto dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro. Del testo, costituito da 18 pagine a colori, esiste sia la versione cartacea in formato tascabile che quella digitale. Lo scopo è quello di educare i più piccoli alla pericolosità insita in diversi funghi e ai rischi che si corrono se non si mettono in pratica alcuni salutari accorgimenti. Tra il 2003 e il 2016 in Calabria i casi di intossicazione causati dal consumo di funghi velenosi sono stati ben 31. Da qui la necessità di fare prevenzione rivolgendosi ai bambini. Il fumetto è stato realizzato dal micologo Dario Macchioni (Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitari, Regione Calabria) con la collaborazione del disegnatore Giuseppe Longo. Scarica il fumetto “La piccola Flora nel regno dei funghi” (pdf 4,5 Mb).

 

13/12/2018 - L’Unione europea interviene per contrastare la disinformazione

In vista delle tornate elettorali che si terranno entro il 2020 a livello europeo, nazionale e locale in vari Paesi membri, l’Unione europea (Ue) ha presentato un piano operativo di contrasto alla disinformazione e a tutela dei processi democratici e di dibattito pubblico. Il piano si concentra su diversi fattori chiave nel combattere la disinformazione quali, da una parte, la sensibilizzazione dei cittadini attraverso la promozione dell’alfabetizzazione mediatica e la responsabilizzazione dei soggetti coinvolti, dai privati al mondo della ricerca, e dall’altra un’individuazione più efficace delle minacce attraverso migliori competenze e strumenti di analisi dei dati e la creazione di un sistema di allerta rapido. Per maggiori informazioni leggi il comunicato stampa e scarica il piano di azione (pdf 423 kb) e leggi il codice di buone pratiche.

 

6/12/2018 - Doctor G

Doctor G è una graphic novel realizzata nel 2016 che comunica la complessità dell’epidemiologia clinica attraverso la semplicità dei fumetti. Scritta a quattro mani da Luca Iaboli e Luana Caselli, con i disegni di Grazia Lobaccaro e la sceneggiatura di Marco Madoglio, Doctor G ripercorre le vicende di Eric Gard, un professore di statistica che collabora occasionalmente con la polizia. Obiettivo della graphic novel è fornire a medici, giornalisti e soprattutto pazienti, gli strumenti di base per informarsi, comprendere e orientarsi nella complessità dei numeri della statistica di base. I temi affrontati spaziano dalla cronaca giudiziaria alla sanità pubblica, passando per concetti di salute complessi come le nozioni di sensibilità e specificità di un esame o il potere predittivo positivo di un test di screening. Per maggiori informazioni visita il sito dedicato.

 

8/3/2018 - Modena In Salute: la newsletter dell’Ausl di Modena

Il Gruppo interaziendale “Appropriatezza Prescrittiva e Buon Uso del farmaco” dell'Ausl di Modena cura, dal 2011, la newsletter “Modena In Salute”. Nel numero di febbraio viene trattato il tema degli antibiotici, con ampio spazio alle informazioni sui trend di consumo a livello nazionale e regionale, sulle resistenze e sulle campagne di informazione per l’uso responsabile degli antibatterici, in particolare in ambito pediatrico. Leggi la newsletter sul sito della Ausl di Modena.

 

18/1/2018 - Dalla Commissione europea un portale dedicato alla promozione della salute

La Commissione europea pubblica un nuovo portale dedicato alla promozione della salute e alla prevenzione delle malattie. Lo strumento mira ad essere una risorsa on line che offre informazioni strutturate e aggiornate, sottoposte a peer-review, su una serie di tematiche legate alla prevenzione delle malattie croniche e alla promozione di stili di vita sani. L’“Health Promotion and Disease Prevention Knowledge Gateway” è stato creato per i decisori che si occupano di queste tematiche all’interno degli Stati membri, al fine di offrire un servizio che possa supportarli i nel loro lavoro. Il contenuto è organizzato in argomenti indipendenti, strutturati in modo simile tra loro; viene definito il problema e se ne descrivono le implicazioni relative alla salute. Il portale presenta poi una sintesi dei dati Ue e le raccomandazioni per le migliori pratiche, azioni, interventi o misure nonché esempi di politiche implementate che affrontano l'argomento. Per approfondire consulta il portale europeo “Health Promotion and Disease Prevention Knowledge Gateway”.

 

12/4/2017 - Questionari d’indagine sui focolai delle malattie trasmesse da alimenti e acqua

I questionari di indagine sono strumenti cruciali durante le attività di sorveglianza di un focolaio epidemico. In particolare per le malattie trasmesse da alimenti ed acqua, che possono coinvolgere più Paesi rapidamente, è importante poter agire in fretta con appositi questionari pensati per raccogliere dati omogenei e poterli così analizzare e scambiare. Nell’ambito del progetto “Toolkit for investigation and response to Food and Waterborne Disease (FWD) Outbreaks with an EU dimension” del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) sono stati prodotti una serie di strumenti a sostegno di questo tipo di indagine e il Tool 5 (strumento 5) di questo pacchetto è stato il primo tentativo di sviluppare dei modelli di questionario. L’Ecdc propone un aggiornamento del Tool 5 per agevolare la creazione di questionari per studi descrittivi e analitici durante le indagini sui focolai di FWD a livello locale, regionale, nazionale o internazionale. Per maggiori informazioni consulta la pagina dedicata “Tool 5 a - Outbreak investigation questionnaire - Repository of questions” dove è possibile trovare – anche in italiano i documenti dedicati al “Repertorio di domande a fini d’indagine sui focolai” e a “Orientamenti”.

 

16/2/2017 - Health for All-Italia: disponibile aggiornamento

Aggiornato il database di indicatori territoriali sul sistema sanitario e sulla salute nel nostro Paese: Health for All-Italia. Attualmente il database contiene 4000 indicatori. Consulta la sezione di EpiCentro dedicata.

 

16/2/2017 - Dall’Ecdc una App sulle malattie infettive in Europa

Un’applicazione che permette di avere libero accesso, dal proprio dispositivo mobile (cellulare, tablet, ecc), agli aggiornamenti e ai report relativi alle minacce da malattie infettive in Europa: è Threat Reports, la nuova App lanciata a febbraio 2017 dall’Ecdc. Avviando Threat Reports è possibile fare una ricerca per malattia, per virus o per tipologia di rapporto (valutazioni rapide del rischio, update epidemiologici o rapporti settimanali sulle malattie infettive). Inoltre la App permette di consultare la reportistica anche off line e ricevere notifiche ad ogni nuovo avviso. Threat Reports è accessibile a tutti gratuitamente mentre per i partner dell’Ecdc, che si loggano con le apposite credenziali, vengono messi a disposizione anche report addizionali. Per maggiori informazioni consulta il comunicato stampa sul sito dell’Ecdc da cui puoi scaricare l'App Threat Reports.

 

TOP