Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura dell'Istituto superiore di sanità



Emilia Romagna

5° rapporto "La nascita in Emilia Romagna": i dati Cedap per il 2007

Dal 2004 la Regione Emilia Romagna pubblica annualmente, in collaborazione con il Ceveas, il rapporto “La nascita in Emilia Romagna”, basato sull’analisi dei dati del Certificato di assistenza al parto (Cedap) dell’anno precedente. Il 5° rapporto, pubblicato a novembre 2008, comprende i dati del 98,2% dei nati registrati con le schede di dimissione ospedaliera (Sdo) ed è relativo ai dati del 2007.

 

Le caratteristiche della popolazione

I tassi di natalità e di fecondità sono in costante aumento e hanno ormai superato i valori medi nazionali: il tasso di natalità è pari al 9,6‰ e il numero medio di figli per donna è di 1,4. Un importante contributo a questo incremento è determinato dal costante aumento della popolazione immigrata e, in particolare, di quella femminile: secondo i dati dei Cedap, la frequenza di madri con cittadinanza straniera è aumentata nell’ultimo quinquennio dal 17,1% del 2003 al 24,6% del 2007. Tra le donne che hanno partorito in Emilia Romagna nel 2007, il 93,4% risiede nella Regione, il 4,1% in altre Regioni e il 2,6% risiede all’estero.

 

L’età media delle madri al momento del parto è di 31,5 anni; la frequenza di donne di età uguale o superiore ai 35 anni è passata dal 25,5% nel 2003 al 30% nel 2007. La quota di minorenni tra le donne che partoriscono è lo 0,3%, pressoché costante negli ultimi cinque anni.

 

La frequenza di madri non coniugate (nubili, separate, divorziate o vedove) è il 28,7%. Il 31,1% delle madri ha una scolarità medio-bassa (licenza elementare o di scuola media inferiore) mentre il 23% risulta laureata o con diploma universitario. La scolarità dei padri risulta nel complesso inferiore a quella delle madri; nel 22,4% dei casi entrambi i genitori hanno una scolarità medio-bassa. Il 70,2% delle madri ha un’attività lavorativa e il 3,8% risulta disoccupata.

 

Le donne alla prima gravidanza rappresentano il 44,4% del totale.

 

Continuità e discontinuità rispetto alle edizioni precedenti

Col passare del tempo, la Regione ha coinvolto sempre più gli operatori che collaborano alla rilevazione e i potenziali fruitori dei dati, allargando l’utilizzo dei dati anche ai fini di audit clinici e beneficiando del confronto costante con i diretti interessati.

 

Il 5° rapporto nascita riprende la struttura del rapporto precedente: alcuni capitoli di premessa, relativi a qualità dei dati e contesto demografico; l’analisi descrittiva dei dati 2007 con dettaglio su singole variabili, confronti fra Aziende sanitarie e commenti sull’andamento negli anni; il confronto sintetico con i dati di altre Regioni. Il rapporto 2007 ha dedicato un capitolo specifico all’analisi delle disuguaglianze. Vi è poi l’allegato statistico (pdf 1,4 Mb) con tutte le tavole di elaborazione, con approfondimenti per ciascun punto nascita.

 

Il Servizio sistema informativo sanità e politiche sociali della Regione Emilia Romagna ha dedicato al flusso informativo dei Certificati di assistenza al parto, nell’ambito del suo portale web, una sezione specifica, contenente documentazione di riferimento, iniziative, pubblicazioni e analisi statistica.

 

Scarica la sintesi (pdf 24,4 kb) e il rapporto completo (pdf 1,4 Mb).

TOP