Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura dell'Istituto superiore di sanità

febbre West Nile

Ultimi aggiornamenti

20/6/2019 - Arbovirosi in Italia: i bollettini periodici della sorveglianza nazionale

Dal 1 gennaio al 31 maggio 2019, al sistema di sorveglianza nazionale integrata delle arbovirosi sono stati segnalati 4 casi confermati (tutti casi autoctoni) di encefalite virale da zecche (Tbe), 46 casi confermati (tutti casi associati a viaggi all’estero) di Dengue, 11 casi confermati (tutti casi associati a viaggi all’estero) di Chikungunya e 2 casi confermati di infezione da virus Zika. Consulta la pagina dedicata ai bollettini periodici della sorveglianza nazionale sulle arbovirosi.

 

13/6/2019 - Infezione da virus West Nile

Il 6 giugno 2019, in Europa, è iniziata la sorveglianza del virus West Nile (Wnv) relativa alla stagione 2019. Finora non è stato segnalato nessun caso umano o focolaio di Wnv tra gli equidi. Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) pubblica aggiornamenti epidemiologici settimanali sull’infezione da Wnv, comprensivi della distribuzione geografica di casi umani nell’Ue/See e nei Paesi confinanti con l’Unione europea. Negli aggiornamenti saranno presenti le mappe che evidenziano le aree in cui sono stati segnalati focolai di Wnv tra equidi. Per approfondire e rimanere aggiornato sui dati europei consulta la pagina dedicata sul sito dell’Ecdc “Weekly updates: 2019 West Nile virus transmission season”.

 

11/4/2019 - Sorveglianza dei casi umani da virus West Nile e Usutu: il Piano nazionale 2019

È on line la Circolare “Piano nazionale integrato di prevenzione, sorveglianza e risposta ai virus West Nile e Usutu – 2019”, pubblicata dal ministero della Salute il 5 aprile 2019 ed elaborata con l’ausilio di un Tavolo tecnico intersettoriale sulle malattie trasmesse da vettori. Il Piano introduce alcuni aggiornamenti relativi alle attività di prevenzione, alla classificazione delle aree a rischio sulla base delle evidenze epidemiologiche, ecologiche ed ambientali (dividendole in aree ad alto rischio, aree a basso rischio e aree a rischio minimo di trasmissione), e alle misure di controllo. Inoltre, un nuovo allegato, fornisce indicazioni riguardo alle procedure operative per la cattura di zanzare e per la gestione del campione. Il Piano regola le attività della sorveglianza dei casi umani di malattia da virus West Nile (Wnv) e Usutu virus (Usuv) che, dal 2016 è integrata con la sorveglianza veterinaria (animale ed entomologica). È importante ricordare che le attività di sorveglianza dei casi umani (importati e autoctoni) si attuano per tutto l’anno su tutto il territorio nazionale ma dai primi di maggio a tutto novembre viene rafforzata. Per approfondire consulta il documento completo “Piano nazionale integrato di prevenzione, sorveglianza e risposta ai virus West Nile e Usutu – 2019” (pdf 2,7 Mb) e la presentazione sul sito del ministero della Salute.

 

14/2/2019 - Sorveglianza e controllo delle zanzare autoctone e invasive

L’introduzione di nuove specie di zanzara all’interno della Regione europea Oms, e la diffusione in altri Paesi di quelle già presenti in seguito all’ampliamento del loro areale di distribuzione, evidenziano la necessità di disporre di sistemi di sorveglianza e controllo adeguati e aggiornati per monitorare gli attuali e i potenziali vettori di patogeni nei territori europei. Per supportare gli Stati membri dell’Oms Europa nelle attività di sorveglianza e controllo delle nuove specie di zanzara, è online il manuale “Manual on prevention of establishment and control of mosquitoes of public health importance in the WHO European Region (with special reference to invasive mosquitoes)”, che rappresenta una vera e propria guida pratica sul controllo di Culicidi di interesse sanitario (con particolare riguardo per le specie invasive) e approfondisce vari temi riguardanti l’approccio integrato per la sorveglianza e il controllo delle zanzare autoctone e invasive. Leggi il commento a cura di Francesco Severini, Luciano Toma, Marco di Luca e Luigi Gradoni (Iss).

 

TOP