Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

focus
influenza aviaria

L'attuale stato di allerta Ŕ: livello 3.

 

In Italia, come nel resto del mondo, le istituzioni sono al lavoro per mettere a punto un piano che permetta di affrontare al meglio le pandemie. Si tratta di un lavoro che deve essere svolto nel cosiddetto "periodo interpandemico", negli anni che intercorrono tra una pandemia e l'altra. Dal 1997 a oggi, la trasmissione all'uomo del virus H5N1 (che nel Sudest asiatico ha infettato circa 150 milioni di uccelli) Ŕ stato un evento molto raro. E tutti i casi umani sono stati registrati solo in persone che hanno avuto stretti e ravvicinati contatti con animali malati.

 

Anche se si tratta di un problema prevalentemente veterinario, l'attenzione resta molto alta. ╚ per questo che il Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute (Cnesps) dell'Istituto superiore di sanitÓ ha deciso di rivolgersi direttamente agli operatori, mettendo a disposizione i materiali e i documenti pi¨ utili per veicolare le informazioni corrette.

EpiCentro propone quindi un aggiornamento e un monitoraggio continuo della situazione sull'influenza aviaria, sia a livello nazionale che internazionale.

 

 

Notiziario - 22 settembre 2011

Consulta l'archivio del notiziario.

 

 

La timeline dell'influenza aviaria

In sintesi, la cronologia degli eventi (dal 1996 al 27 agosto 2007).

 

 

Casi e decessi nell'uomo

Tavola sinottica, sul sito dell’Oms, dei casi e dei decessi registrati nell'uomo (dal 2003 a oggi).

 

 

Mappa

Documenti per gli operatori

Link

Un elenco di siti istituzionali utili sia a livello nazionale che internazionale sull'influenza aviaria.

 

 

Archivio del notiziario

 


Ultimo aggiornamento lunedi 11 maggio 2015

 

trova dati