Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura dell'Istituto superiore di sanità



Sicilia

Ultimi aggiornamenti

19/9/2019 – Indagine sulla salute primale, allattamento e primi 1000 giorni: i risultati dell’indagine InPrimis in Regione Sicilia

Sono disponibili i risultati dell’indagine “InPrimis- Indagine sulla salute primale: i primi 1000 giorni dei nostri bambini”, un studio di coorte prospettico con un campione di 1055 donne residenti in Sicilia che hanno partorito tra aprile e luglio 2017 realizzato all’interno del Master universitario di II livello Prospect. Tra i dati emerge una bassa prevalenza dell’allattamento esclusivo: la formula artificiale viene utilizzata diffusamente durante la degenza in ospedale e il 40,3% dei neonati sani, nati a termine e di peso appropriato riceve la prescrizione della formula sostitutiva per lattanti alla dimissione, con un effetto significativo sulla prevalenza dell’allattamento esclusivo tra 1 e 5 mesi. Inoltre, solo il 61,8% dei neonati dorme in posizione supina e l’11% delle madri fuma nel primo mese dopo il parto. Tra le buone pratiche si rileva il rooming-in in ospedale e il contatto pelle-a-pelle immediato alla nascita: due tra i fattori che influenzano l’allattamento esclusivo durante la degenza (a cui si aggiungono l’aver frequentato gli Incontri di accompagnamento alla nascita, essere lavoratrice e aver partorito per via vaginale). Per maggiori informazioni scarica la scheda con tutti i dati (pdf 686 kb) e leggi l’approfondimento sul Master universitario di II livello Prospect.

 

20/9/2018 - Master universitario di II livello Prospect: due progetti in ambito vaccinale

Nel contesto delle attività del Master “Promozione della salute della popolazione ed epidemiologia applicata alla prevenzione”, sono stati realizzati 8 progetti di ricerca e/o di intervento su diversi ambiti della salute pubblica con possibili ricadute operative sul Piano regionale di prevenzione (Prp) della Regione Siciliana. Due degli 8 progetti realizzati si sono occupati di vaccinazioni, affrontandolo rispettivamente in termini di vaccine hesitancy (esitazione vaccinale) per morbillo, parotite e rosolia (MPR) e in termini di standardizzazione delle informazioni rivolte alle famiglie. Leggi il resoconto a cura di Paola Scardetta, Sofia Colaceci, Barbara De Mei (Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute, Cnapps-Iss).

 

TOP