Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica
a cura del Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute
home > malattie infettive > influenza aviaria > Notiziario – 22 settembre 2011 ...
focus
influenza aviaria
Notiziario – 22 settembre 2011

Aviaria in Egitto e implicazioni per l’Europa: la valutazione del rischio Ecdc

Nonostante in Egitto continuino a verificarsi casi di infezione da virus dell’influenza aviaria ad alta patogenicitÓ A(H5N1) tra il pollame e la popolazione umana, non ci sono evidenze di un importante cambiamento, nel Paese, nella morbilitÓ e nel trend della mortalitÓ correlata a questo virus. Inoltre, non ci sono dati epidemiologici significativi che confermino l’adattamento all’uomo del virus circolante in Egitto. Per questo motivo, nonostante le analisi virologiche effettuate indichino che il rischio di insorgenza di una pandemia da virus A(H5N1) potrebbe essere maggiore in Egitto rispetto ad altri Paesi, le implicazioni di queste analisi sono difficili da interpretare.

 

╚ quanto emerge dal secondo rapid risk assessment (pdf 655 kb) effettuato dall’Ecdc sul possibile riemergere del virus, a seguito di un aumento dei focolai di A(H5N1) nel pollame domestico e tra gli uccelli selvatici, osservato dal luglio 2008 in alcuni Paesi asiatici (ipotesi formulata dalla Food and Agriculture Organization Fao in un comunicato stampa, il 29 agosto 2011).

 

Per la valutazione del rischio Ŕ stato consultato anche il team del progetto EpiSouth (Network for Communicable Disease Control in Southern Europe and Mediterranean Countries), di cui l’Istituto superiore di sanitÓ Ŕ coordinatore e partner principale.

 

La situazione in Egitto crea preoccupazione riguardo l’adeguatezza delle misure di controllo veterinarie nel tenere sotto controllo i focolai nel pollame. Inoltre, la vicinanza dell’Egitto ai Paesi Eu/Eea aumenta la preoccupazione dal momento che la diffusione di un ceppo pandemico in Egitto potrebbe raggiungere molto velocemente l’Europa.

 

Dunque, nonostante la mancanza di evidenze sulla possibilitÓ che il rischio aumenti, l’Ecdc afferma la necessitÓ di intensificare le misure di controllo veterinario in Egitto e di mantenere costante la vigilanza su un eventuale diffusione de virus influenzale A(H5N1) nell’uomo, su possibili mutazioni  del virus e sul verificarsi di casi umani in Paesi in cui il virus Ŕ meno diffuso nel pollame.

 

Leggi la presentazione sul sito dell’Ecdc e scarica il documento completo “ A(H5N1) Highly Pathogenic Avian Influenza in Egypt – Implications for human health in Europe” (pdf 655 kb).

 

 

Stampa

Ultimo aggiornamento martedi 1 aprile 2014
Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute
Viale Regina Elena, 299 - 00161 Roma - Tel 0649901
© - Istituto Superiore di Sanità
EpiCentro è parzialmente sostenuto da risorse del CCM - Ministero della Salute

Istituto Superiore di Sanità
Cnesps