Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

qualità e percorsi assistenziali

Qualità e percorsi assistenziali: i manuali di formazione per la valutazione e il miglioramento della qualità professionale

Quarta edizione, Roma-Ancona maggio 2005

 

 

Le prime edizioni del corso di formazione su qualità professionale e percorsi assistenziali sono state sviluppate nel 2003-2004 da un gruppo di lavoro coordinato dall’Iss e dall’Agenzia regionale della Regione Marche, con un finanziamento del ministero della Salute (progetto “Formazione per i referenti e i formatori della qualità nelle aziende sanitarie”).

 

Oltre a una premessa sulle scelte terminologiche, il corso si articola in cinque manuali:

  • Gestione per processi e percorsi assistenziali
  • Indicatori in valutazione e miglioramento della qualità professionale 
  • Medicina basata sulle evidenze
  • L’ufficio qualità nelle organizzazioni sanitarie
  • Analisi statistica dei progetti di valutazione e miglioramento della qualità con Epi-info

I primi tre manuali sono accompagnati da esercizi con le relative risposte. Alla fine si trova anche l’elenco dei partecipanti ai seminari dove tutto il materiale è stato testato.

 

L’obiettivo dei manuali è rinforzare e accelerare le iniziative di valutazione e miglioramento a cui partecipano tanti professionisti sanitari, nonostante gli scarsi incentivi e spesso nonostante gli ostacoli.

 

Scarica i manuali, con gli esercizi e le risposte capitolo per capitolo.

 

Introduzione

 

Scelte terminologiche

 

Capitolo 1 - Gestione per processi e percorsi assistenziali

Esercizi

Risposte

 

Capitolo 2 - Indicatori in valutazione e miglioramento della qualità professionale

Esercizi

Risposte

 

Capitolo 3 - Medicina basata sulle evidenze

Esercizi

Risposte

 

Capitolo 4 - L’ufficio qualità nelle organizzazioni sanitarie

 

Appendice – Elenco dei partecipanti

 

Manuale completo (pdf 4.9MB)

 

Quest’ultima versione si differenzia da quella attualmente presente sul sito dell’Agenzia sanitaria della Regione Marche per una parziale riscrittura e alcuni aggiornamenti, principalmente del primo e del secondo manuale. Non comprende invece il manuale 5 sull’analisi statistica mediante Epi-info, consultabile soltanto sul sito citato. Il manuale 2 sugli indicatori professionali è stato pubblicato indipendentemente e in versione leggermente diversa come Rapporto Istisan 29 del 2004.

 

La scelta di incentrare i materiali formativi relativi a valutazione e miglioramento della qualità professionale sui percorsi assistenziali (detti anche profili di assistenza) è legata alla convinzione che questa metodologia sia la più adatta per introdurre cambiamenti di ampio respiro, capaci di migliorare contemporaneamente efficacia ed efficienza, continuità dell’assistenza, integrazione dei servizi e delle discipline e coinvolgimento attivo dei pazienti e dei loro familiari.

 

I due manuali su indicatori professionali e principi e pratica della medicina evidence based, anche se possono essere utilizzati separatamente, fanno parte di una cassetta degli attrezzi comune, utile per definire meglio e applicare i percorsi assistenziali. In particolare, il manuale sulla medicina basata sulle evidenze può essere letto utilmente anche dal clinico che voglia applicare questo orientamento nella sua pratica quotidiana, mentre il manuale sugli indicatori non solo è ricco di esempi di indicatori di buona qualità, ma introduce il lettore alla teoria della valutazione e del miglioramento della qualità in sanità e ai principi della ricerca scientifica nella sua applicazione alla valutazione degli interventi sanitari.

 

Il manuale sugli uffici qualità illustra il ruolo che essi possono avere nella promozione dei percorsi assistenziali, ma tratta anche di altri temi con cui gli uffici qualità si devono confrontare, quali la gestione dei rischi e l’accreditamento tra pari.

 

Nella stesura dei manuali ci si è sforzati di essere chiari e semplici e di usare un linguaggio uniforme, basato su scelte terminologiche condivise, compatibilmente con la natura dei concetti trattati e con la diversa formazione degli autori.

 

Il materiale didattico è stato testato in tre corsi (ciascuno di tre giorni) che si sono tenuti a Jesi (AN) nel marzo 2004, a Stresa (VB) e a Napoli nell’aprile 2004. Ai corsi hanno partecipato una sessantina di responsabili degli uffici qualità di aziende sanitarie, che hanno dato utili suggerimenti di miglioramento e hanno espresso tutti un parere molto favorevole, con l’eccezione di due partecipanti “tiepidi” a Stresa e di tre partecipanti insoddisfatti a Napoli. L’elenco dei partecipanti con i loro indirizzi è riportato nell’appendice finale 1.

 

Il progetto, finanziato dal ministero della Salute, comprendeva anche la realizzazione di una banca dati degli uffici qualità delle aziende sanitarie pubbliche, banca dati che è stata realizzata con il determinante contributo operativo del ministero stesso e che è a disposizione sul sito dell’Agenzia sanitaria della Regione Marche.


 

trova dati