Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

La sorveglianza Passi d'Argento

Consumo di frutta e verdura

Dati del pool nazionale 2012

 

A colpo d’occhio

 

Consumo di frutta e verdura

  • Tra gli ultra 64enni intervistati il 43% consuma tre o più porzioni al giorno di frutta e verdura e solo l’11% ne consuma la quantità raccomandata dalle linee guida per una corretta alimentazione, ovvero almeno cinque porzioni al giorno (five a day).

Five a day: caratteristiche delle persone e distribuzione geografica

  • Il consumo giornaliero raccomandato di almeno cinque porzioni di frutta e/o verdura diventa meno frequente con l'avanzare dell’età, non differisce significativamente fra uomini e donne (11% e 12% rispettivamente), è più frequente fra chi possiede un’istruzione più elevata (15%) e fra chi dichiara di non avere difficoltà economiche (15%). È inoltre più frequente fra chi dichiara di non aver nessuna patologia cronica (13%) rispetto a chi invece riferisce tre o più patologie croniche (7%).
  • I problemi di masticazione nell’anziano sembrano negativamente associati al consumo di frutta e verdura: fra gli anziani che dichiarano di consumare ogni giorno oltre tre porzioni di frutta e verdura l’11% riferisce di avere problemi di masticazione, ma questa quota sale al 21% fra chi dichiara di consumarne meno. Solo 1 anziano su 4 (25%) che riferisce problemi nella masticazione si è recato dal dentista almeno una volta negli ultimi 12 mesi.
  • La distribuzione geografica mostra un’adesione al five a day maggiore al Nord e minore nell’Italia meridionale. La quota più alta di persone che hanno un consumo ottimale di frutta e verdura (five a day) si registra in Valle d’Aosta (28%) mentre la più bassa in Campania (5%). In questo panorama fa eccezione la Sardegna che presenta un valore maggiore della media nazionale (15%).

 

Consumo giornaliero di frutta e verdura fra gli ultra64enni

Passi d’Argento 2012

 

 

Five a day fra gli ultra64enni per caratteristiche socio-demografiche

 

 

Five a day

Prevalenze per Regione di residenza - Passi d'Argento 2012

* Lombardia, Fvg e Marche hanno partecipato solo con una Azienda.

 

Scarica la tabella con i dati per Regione (xls 34 kb).

 

Indicatori Passi d’Argento: Consumo di frutta e verdura

 

Definizioni operative

 

Il consumo giornaliero di frutta e verdura è misurato con il numero di porzioni di frutta e/o verdura che una persona dichiara di consumare abitualmente al giorno.

 

Porzione di frutta o verdura: un quantitativo di frutta o verdura cruda che può essere contenuto sul palmo di una mano, oppure mezzo piatto di verdura cotta. Questa quantità corrisponde all’incirca a 80 grammi di questi alimenti.

 

Secondo la letteratura, è raccomandata l’assunzione giornaliera di 400 gr di frutta o verdura, equivalente a cinque porzioni da 80 grammi.

 

Per motivi pratici, legati a una migliore comprensione da parte dell’intervistato, la domanda è stata formulata in modo da consentire una più agevole identificazione del peso di frutta e/o verdura.

 

Consulta anche le informazioni generali con le caratteristiche degli indicatori Passi d’Argento.

 

Scheda indicatore: prevalenza delle persone che consumano 5 porzioni o più di frutta e/o verdura al giorno (five-a-day)

 

Popolazione di riferimento

Residenti in un Comune della Asl e iscritti all’anagrafe assistiti della Asl, con 65 o più anni di età.

Numeratore

Persone con 65 o più anni che riportano un consumo abituale giornaliero di almeno cinque porzioni di frutta e/o verdura.

Denominatore

Intervistati che hanno risposto alla domanda su quante porzioni di frutta e/o verdura consumano al giorno; il denominatore corrisponde in pratica all’intero campione.

Misure di frequenza

Prevalenza riferita al periodo di rilevazione (sulla popolazione con 65 e più anni), con intervalli di confidenza al 95%.

Intervallo temporale di riferimento per la definizione di caso

L’indicatore fa riferimento a un comportamento abituale.

Significato per la salute pubblica

Le persone che hanno un regime alimentare ricco di frutta e verdura hanno un ridotto rischio di malattie croniche, tra cui l’ictus, altre patologie cardiovascolari, alcun tipi di tumori, malattie respiratorie, ecc.

Le linee guida per una sana alimentazione italiana (pdf 897 kb) raccomandano di consumare almeno 5 porzioni al giorno di frutta, insalata e ortaggi.

Limiti dell’indicatore

L’indicatore fornisce la prevalenza di persone che consumano almeno 5 porzioni di frutta e/o verdura al giorno, ma non consente di stimare la quota di popolazione, che assume una quantità maggiore di questi alimenti. Numerosi studi hanno dimostrato che non c’è un effetto-soglia per le cinque porzioni al giorno e che consumi maggiori di frutta e verdura determinano ulteriori benefici in termini di riduzione dei rischi per la salute.

Il dato di pool non è rappresentativo della realtà nazionale in quanto 2 regioni non hanno partecipato all’indagine 2012 (Basilicata e P.A di Bolzano) e 3 con una sola ASL(Lombardia, FVG e Marche).

 

 

Pubblicazioni nazionali

 

Report nazionale