Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

La sorveglianza Passi

Guidatori distratti: attenzione all’uso dei cellulari

Gruppo tecnico Passi

 

16 gennaio 2014 - Il rischio di incidente stradale aumenta quando, mentre si guida, si compiono azioni secondarie che obbligano a distogliere lo sguardo dalla strada. In particolare, tra le principali cause di distrazione dei guidatori c’è l’uso del cellulare. Per i neopatentati, il rischio di fare un incidente legato all’azione di chiamare qualcuno al telefono e di scrivere un Sms è ancora maggiore rispetto ai guidatori esperti.

 

Una dimostrazione sul campo è stata fornita da un importante studio osservazionale condotto dal Virginia Tech Transportation Institute, i cui risultati sono stati pubblicati a gennaio 2014 sul New England Journal of Medicine (Nejm) nell’articolo “Distracted Driving and Risk of Road Crashes among Novice and Experienced Drivers”.

 

Perché è stato effettuato questo studio

Negli Stati Uniti, i guidatori tra i 15 e i 20 anni sono il 6,4% dei conducenti di veicoli a motore ma rappresentano il 10% di tutti i morti e il 14% di tutti i feriti per incidente da traffico. Ciò è stato attribuito alla combinazioni di vari fattori: la giovane età, l’inesperienza e i comportamenti di guida rischiosi, tra cui il compiere, mentre si guida, azioni che possono distrarre l’attenzione (“azioni secondarie”). Tra queste, le più frequenti sono mangiare, regolare la radio e parlare con i passeggeri, ma l’azione che ha generato maggior interesse per i ricercatori è quella di usare il telefono cellulare mentre si guida.

 

Con analisi delle registrazioni delle chiamate telefoniche fatte da persone coinvolte in incidenti si è visto che il rischio aumenta di 4,5 volte quando si usa il cellulare alla guida. Inoltre, le ricerche effettuate con simulatori di guida o con prove su pista, per valutare gli effetti della distrazione, indicano che l’uso del telefono ritarda la reazione a pericoli potenziali e riduce la capacità del conducente di “scansione visiva” dell’ambiente circostante. Compiere un’azione secondaria può aumentare il rischio di incidente perché comporta un impegno sul piano cognitivo che impedisce al conducente di mantenersi concentrato sulla guida e perché distoglie l’attenzione visiva del conducente dalla strada davanti a sé, così che non può avvistare pericoli inattesi e reagire in tempo.

 

Mancava però un’osservazione sul campo dei comportamenti dei guidatori e, grazie all’applicazione di una tecnologia sofisticata, in questo studio è stato possibile rilevare proprio le azioni secondarie e i pericoli di incidente connessi.

 

Come è stato effettuata l’indagine

In realtà, si tratta di due studi in cui, per ottenere informazioni obiettive riguardo a incidenti, mancati incidenti e comportamenti alla guida, sono stati istallati diversi dispositivi (tra cui accelerometri, videocamere, sistemi GPS per il posizionamento e altri sensori) nelle auto rispettivamente di 42 neopatentati, dai 16 ai 17 anni, (studio denominato Naturalistic Teenage Driving Study, Ntds) e di 109 adulti con maggiore esperienza di guida (studio denominato 100-cars study). La rilevazione Ntds è stata effettuata tra giugno 2006 a settembre 2008, periodo durante il quale i partecipanti hanno ricevuto un compenso mensile. Il 100-cars study si è svolto invece tra gennaio 2003 a luglio 2004. Anche in questo studio i partecipanti hanno ricevuto un compenso.

 

Gli strumenti per l’acquisizione dei dati, messi a punto dal Virginia Tech Transportation Institute, erano 4 videocamere (inquadrature: sul davanti e dietro la macchina, volto e al di sopra della spalla destra del conducente), un insieme di sensori, tra cui accelerometri, radar anteriore, sistema di posizionamento Gps. I dati video e quelli sulla performance di guida sono stati raccolti in continuo. Sono stati calcolati gli Odds Ratio (OR) per incidente e mancato-incidente associati a ciascuna azione secondaria. La prevalenza di impegno in azioni secondarie è stata calcolata come percentuale di “periodi di controllo di 6 secondi” in cui il conducente era risultato impegnato in un’azione secondaria.

 

Quali sono stati i risultati

Durante il periodo di studio si sono verificati 167 incidenti e mancati-incidenti tra i neopatentati e 518 incidenti e mancati-incidenti tra i guidatori esperti.

 

Dai dati è emerso che il rischio di incidente e mancato-incidente tra neopatentati aumentava significativamente se questi stavano chiamando qualcuno al telefono cellulare (OR=8,3), prendendo il cellulare (OR=7,1), inviando o ricevendo Sms (OR=3,9), afferrando un oggetto diverso dal telefono (OR=8,0), guardando un oggetto al bordo della strada (OR=3,9), o mangiando (OR=2,9).

 

Tra i guidatori esperti, è risultato che solo il chiamare una persona al telefono era associato ad aumento del rischio (non è stato possibile, in questo caso, analizzare il rischio connesso all’invio di messaggi di testo).

 

 

Odds Ratio per incidente o mancato-incidente associato ad azioni secondarie

Azioni

Neopatentati

Conducenti esperti

Odds Ratio
(95% CI)

Odds Ratio
(95% CI)

Scrivere messaggi Sms o via Internet

3,87 (1,62–9,25)

Non calcolabile

Chiamare al telefono

8,32 (2,83–24,42))

2,49 (1,38–4,54

Parlare al telefono

0,61 (0,24–1,57)

0,76 (0,51–1,13)

Cercare e prendere il telefono

7,05 (2,64–18,83)

1,37 (0,31–6,14)

Cercare e prendere un oggetto diverso dal telefono

8,00 (3,67–17,50)

1,19 (0,612,31)

Guardare un oggetto al lato della strada

3,90 (1,72–8,81)

0,67 (0,371,22)

Regolare la radio o riscaldamento, condizionamento, ecc

1,37 (0,72–2,61)

0,53 (0,300,94)

Regolare altri strumenti diversi da radio, riscaldamento, condizionamento

2,60 (0,89–7,65)

0,64 (0,152,65)

Mangiare

2,99 (1,30–6,91)

1,26 (0,742,15)

Bere bevande non alcoliche

1,36 (0,315,88)

0,44 (0,161,22)

 

La prevalenza nel compiere azioni secondarie è compresa tra il 7% e il 13% dei periodi di controllo, senza differenze tra neopatentati e guidatori esperti (rispettivamente 9,9% e 10,9%).

 

 

 

Come bisogna interpretare questi risultati

Lo studio però suggerisce che le azioni secondarie che obbligano a distogliere lo sguardo dalla strada sono ad alto rischio sia per i guidatori neopatentati che per quelli esperti. Molte di queste (chiamare qualcuno al telefono, cercare e prendere il telefono, scrivere e inviare messaggi di testo, cercare e prendere oggetti, guardare fuori del finestrino qualche cosa ai bordi della strada, mangiare), infatti, distraggono l’attenzione dalla guida, aumentano il rischio di incidente. Inoltre, bisogna dire che sebbene, in questo studio, l’azione di parlare al telefono non è risultata connessa a un aumento del rischio di incidente, in altri studi è stato dimostrato che anche per i guidatori esperti parlare al telefono (senza chiamare) aumenta il rischio perché riduce sia l’attenzione a pericoli visibili sulla strada che la performance di guida in generale.

 

Definizioni operative

 

Incidente

  • incidente: un contatto fisico, tra il veicolo e un altro oggetto, causato almeno parzialmente dal conducente
  • mancato-incidente: una circostanza che ha richiesto una brusca manovra, fatta all’ultimo momento e tale da mettere alla prova i limiti fisici del veicolo, per evitare un incidente causato dal guidatore. È stato dimostrato che i mancati-incidenti, rappresentano surrogati affidabili degli incidenti, avendo le stesse cause.

Azioni secondarie

  • chiamare al cellulare (usando un dispositivo manuale oppure vivavoce): chiamare con un cellulare o altro dispositivo manuale (anche quando si usano tasti di scelta rapida)
  • prendere il cellulare (include le azioni di localizzare il dispositivo, prenderlo e rispondere): prendere un oggetto inanimato all’interno dell’abitacolo del veicolo
  • inviare messaggi di testo o usare Internet per leggere e-mail o contenuti del web
  • sintonizzare la radio, o anche regolare il riscaldamento, la ventilazione o il condizionamento oppure altri impianti del veicolo che si regolano sulla plancia
  • regolare altri dispositivi diversi dalla radio, come i finestrini, le cinture di sicurezza, lo specchietto retrovisore oppure le alette parasole
  • guardare un oggetto ai bordi della strada, come un incidente, una costruzione, un pedone, un animale o altro tipo di oggetto.
  • mangiare, con o senza posate
  • bere una bibita non alcolica da un recipiente aperto, dalla bottiglia o dalla cannuccia.

Periodi di controllo

  • Periodi di 6 secondi durante il quale il veicolo è risultato in movimento. Per rappresentare le condizioni di guida normali per un conducente, sono stati selezionati, in modo casuale, per ognuno di essi un certo numero di “periodi di controllo”. La numerosità dei periodi di controllo era proporzionale alla distanza percorsa (un periodo di 6 secondi ogni 50 miglia percorse) o alla durata (un periodo ogni 30 minuti di guida).

Risorse utili

Riferimenti

  1. Sheila G. Klauer, Ph.D., Feng Guo, Ph.D., Bruce G. Simons-Morton, Ed.D., M.P.H., Marie Claude Ouimet, Ph.D., Suzanne E. Lee, Ph.D., and Thomas A. Dingus, Ph.D. Distracted Driving and Risk of Road Crashes among Novice and Experienced Drivers N Engl J Med 2014; 370:54-59 January 2, 2014 DOI: 10.1056/NEJMsa1204142
  2. Williams AF. Teenage drivers: patterns of risk. J Safety Res 2003;34:5-15.
  3. Traffic safety facts: driver electronic device use in 2010 (technical report no. DOT HS 811 517). Washington, DC: National Highway Traffic Safety Administration, 2010.
  4. Redelmeier DA, Tibshirani RJ. Association between cellular-telephone calls and motor vehicle collisions. N Engl J Med 1997;336:453-8.
  5. McEvoy SP, Stevenson MR, McCartt AT, et al. Role of mobile phones in motor vehicle crashes resulting in hospital attendance: a case-crossover study. BMJ 2005;331:428-30.
  6. Hosking SG, Young KL, Regan MA. The effects of text messaging on young novice driver performance. Report No. 246. Melbourne, VIC, Australia: National Roads and Motorists’ Association Motoring and Services and National Roads and Motorists’ Association Insurance, 2006.
  7.  Lee SE, Klauer SG, Olsen ECB, et al. Detection of road hazards by novice teen and experienced adult drivers. Transport Res Rec 2008;2078:26-32.
  8. Hancock PA, Lesch M, Simmons L. The distraction effects of phone use during a crucial driving maneuver. Accid Anal Prev 2003;35:501-14.
  9. Horrey WJ, Lesch MF, Garabet A. Assessing the awareness of performance decrements in distracted drivers. Accid Anal Prev 2008;40:675-82.
  10. Caird JK, Willness CR, Steel P, Scialfa C. A meta-analysis of the effects of cell phones on driver performance. Accid Anal Prev 2008;40:1282-93.
  11. Harbluk JL, Noy YI, Trbovich PL, Eizenman M. An on-road assessment of cognitive distraction: impacts on drivers’ visual behavior and braking performance. Accid Anal Prev 2007;39:372-9.
  12. Victor TW, Johansson E. Gaze concentration in visual and cognitive tasks: Using eye movements to measure driving information loss. (Ph.D. thesis. Uppsala, Sweden: Uppsala University, 2005.)
  13. Engstrom J, Johannson E, Ostlund J. Effects of visual and cognitive load on real and simulated motorway driving. Transp Res Part F 2005;8:97-120.
  14. Dingus TA, Klauer SG, Neale VL, et al. The 100-Car Naturalistic Driving Study: phase II — results of the 100-car field experiment (interim project report for DTNH22-00-C-07007, Task Order 6, report no. DOT HS 810 593). Washington, DC: National Highway Traff ic Safety Administration, 2006.
  15. Simons-Morton BG, Ouimet MC, Zhang Z, et al. Crash and risky driving involvement among novice adolescent drivers and their parents. Am J Public Health 2011;101:2362-7.
  16. Lee SE, Simons-Morton BG, Klauer SE, Ouimet MC, Dingus TA. Naturalistic assessment of novice teenage crash experience. Accid Anal Prev 2011;43:1472-9.
  17. Klauer SG, Dingus TA, Neale VL, Sudweeks JD, Ramsey DJ. The impact on driver inattention on near-crash/crash risk: an analysis using the 100-Car Naturalistic Driving Study data (report no. DOT HS 810 594). Washington, DC: National Highway Traffic Safety Administration, 2006..
  18. Guo F, Klauer SG, Hankey JM, Dingus TA. Near-crashes as crash surrogate for naturalistic driving studies. Transport Res Rec 2010;2147:66-74.
  19. Guo F, Hankey JM. Modeling 100-car safety events: a case-based approach for analyzing naturalistic driving data (Report No. 09-UT-006). Blacksburg, VA: National Surface Transportation Safety Center for Excellence, 2009.