Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

La sorveglianza Passi

Buone abitudini per una vita sana

Federica Michieletto - direzione regionale prevenzione Regione del Veneto

Silvia Milani - dipartimento di Prevenzione Aulss 13

 

26 luglio 2012 – “Buone abitudini per una vita sana” (pdf 8,6 Mb) è il titolo del report che la Regione Veneto ha preparato in occasione della manifestazione “Le sfide della promozione della salute: dalla sorveglianza agli interventi sul territorio”, svoltasi il 21 e 22 giugno 2012 a Venezia. Un titolo che non solo richiama la mission generale del programma Guadagnare Salute, promotore dell’evento, ma che in un certo senso rispecchia la filosofia della strategia preventiva regionale: mettere in evidenza le buone abitudini come esempio per chi può ancora ottenere risultati importanti.

 

Il documento presenta i risultati della sorveglianza Passi relativi ai quattro ambiti di Guadagnare Salute: alcol, fumo, attività fisica e alimentazione. I dati sono fanno riferimento all’anno 2011 ma vengono presentati anche i trend di alcuni comportamenti.

 

Mediante il sistema Passi, infatti, è possibile monitorare la maggior parte degli stili di vita affrontati dal programma Guadagnare Salute, verificandone l’andamento nel tempo e fornendo informazioni utili per indirizzare gli interventi di sanità pubblica.

 

Nel Veneto, dall’inizio della sorveglianza (ad aprile 2007) alla fine del 2011, sono state intervistate circa 25 mila persone, e i risultati non sono poi così male. Per esempio, tra le buone abitudini emerge che:

  • il 76% degli intervistati non ha mai fumato o ha smesso di fumare da più di 6 mesi (22% ex fumatore)
  • il 75% degli intervistati riferisce un consumo alcolico a basso rischio
  • il 32% della popolazione è attivo, secondo le raccomandazioni sull’attività fisica
  • le persone normopeso sono circa la meta nella popolazione tra i 18 e 69 anni.

Bisogna anche dire che, all’interno del report, è stata data importanza al ruolo che i medici hanno nel promuovere stili di vita sani, consigliando i propri assistiti in modo corretto. Inoltre, come già detto, si è posto l’accento sulle buone abitudini e sulle best practice perché la positività di questi approcci può fare da volano e da modello per chi deve e può ancora migliorare.

 

Infine, corredano i dati Passi, le schede dei numerosi progetti e delle diverse attività avviate in Regione che hanno come obiettivo il supporto ai quattro temi di Guadagnare Salute.