English - Home page

ISS
L'epidemiologia per la sanità pubblica
Istituto Superiore di Sanità
Epidemiologia per la sanità pubblica - ISS

Aspetti epidemiologici

In Italia

L'andamento dei casi convermati in Italia è riportato nel grafico

Casi confermati di campilobacteriosi in Italia (2007-2019 - ECDC)

 

In Europa

Per il 2019, 220.682 casi confermati di campylobatteriosi umana sono stati segnalati da 28 Stati membri dell'UE, corrispondente a un tasso di notifica UE di 59,7 casi per 100.000 abitanti. Questo è un diminuzione del 6,9% rispetto al 2018 (64,1 casi per 100.000 abitanti). I paesi che hanno segnalato il più alti tassi di notifica sono stati la repubblica Ceca (215,0 casi per 100.000), la Slovacchia (141,1), la Danimarca (93,0) e il Regno Unito (88,1).

 

Nel mondo

Campylobacter è uno degli agenti batterici più frequenti della gastroenterite. La vera incidenza di gastroenterite dovuta a Campylobacter spp. è poco noto, in particolare nei Paesi a basso e medio reddito. Alcuni studi fatti in i paesi ad alto reddito hanno stimato l'incidenza annuale tra 4,4 e 9,3 per 1000 abitanti.

 

Le principali conseguenza della campylobatteriosi sono la sindrome di Guillain-Barré (SGB), l'artrite reattiva (ARe) e sindrome dell'intestino irritabile (SII).

 

La SGB è una malattia grave, che richiede cure intensive in circa il 20% dei casi. A livello globale, circa un terzo dei casi SGB è stato attribuito all'infezione da Campylobacter.

 

Mentre è difficile determinare l'incidenza sull'ARe, a causa della mancanza di una chiara diagnosi e criteri di classificazione, gli studi suggeriscono che si verifica nell'1-5% di quelli infetti da Campylobacter. Ha stato stimato che il 25% dei casi di ARe può andare a spondiloartropatia cronica.

 

L'SII si sviluppa fino al 36% dei pazienti con campylobatteriosi entro 1-2 anni dopo l'infezione; il rischio sembra essere più alto tra quelli con malattia acuta più grave.