Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica
a cura del Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute
home >...
La sorveglianza Passi
Rapporto nazionale Passi 2012: esposizione al fumo passivo

 

A colpo d’occhio

 

Il divieto di fumo nei locali pubblici e nei luoghi di lavoro: prevalenze, differenze regionali e cambiamenti temporali

  • Nel nostro Paese la percezione del rispetto della legge sul divieto di fumo nei locali pubblici e negli ambienti di lavoro sembra abbastanza alta: l’88% degli adulti intervistati riferisce che il divieto di fumo nei locali pubblici, da loro frequentati nei 30 giorni precedenti l’intervista, sempre o quasi sempre rispettato; il divieto di fumare rispettato nei luoghi di lavoro per il 90% degli intervistati, che lavora in ambienti chiusi.
  • Chiaro il gradiente Nord-Sud del rispetto del divieto di fumo nei locali pubblici e negli ambienti di lavoro a favore delle regioni Settentrionali. La prevalenza di coloro che riferiscono il rispetto del divieto di fumo nei locali pubblici raggiunge punte massime in Friuli Venezia Giulia, P.A. Trento e Valle d’Aosta (96%), mentre i valori pi bassi si registrano in Calabria (70%) e Campania (76%). La frequenza di coloro che riferiscono il rispetto del divieto di fumo negli ambienti di lavoro pi elevata in P.A. Bolzano (96%), Valle d’Aosta e P.A. Trento (94%) e pi basso in Molise (78% ) e Calabria(81%)
  • Dal 2008 al 2012 il rispetto del divieto di fumo nei locali pubblici e negli ambienti di lavoro significativamente e costantemente aumentato in tutte le tre macroaree del Paese: la frequenza di coloro che riferisce il pieno rispetto del divieto di fumo nei locali pubblici aumentata del 3,4%, (1,9% nel Nord, 3,7% al Centro e 5,2% nel Sud Italia), la frequenza di coloro che riferiscono il rispetto del divieto di fumo negli ambienti di lavoro salita del 4,8% (3,1%, al Nord di 7,2% al Centro e 4,6% nel Sud Italia).

Il fumo in ambiente domestico: prevalenze, differenze regionali e cambiamenti temporali

  • L’esposizione al fumo passivo in ambito domestico ancora rilevante. Un intervistato su quattro (24%) dichiara che nella propria abitazione ammesso fumare, questa percentuale scende al 16% ma resta non trascurabile, fra coloro che vivono in case in cui sono presenti minori di 15 anni.
  • In ambito domestico, il divieto assoluto di fumare pi frequente nelle regioni del Nord (Veneto 89%) mentre meno frequente in Sicilia (70%) e nelle regioni con la pi alta frequenza di fumatori (Lazio e Umbria 71%); in questo panorama fanno eccezione Puglia (83%) e Sardegna (79%) con prevalenze di case libere dal fumo significativamente superiori alla media nazionale.
  • Dal 2008 al 2012 la frequenza di chi dichiara la propria abitazione libera dal fumo aumenta significativamente del 9% (6,2% al Nord, 8,7% nel Centro e 12,4% nel Sud Italia).

 

Nota metodologica: In questo report i dati di prevalenza forniti rappresentano valori medi annui relativi all’ultimo quadriennio 2009-2012 di raccolta dati (se non diversamente specificato); vengono tuttavia forniti anche i valori riferiti al 2012 (pdf 8 kb), per permettere, laddove le definizioni operative degli indicatori non siano cambiate, confronti con le stime puntuali degli anni precedenti. Le analisi dei trend temporali condotte per mezzo delle serie storiche su dati mensili si riferiscono a tutto il periodo di dati disponibile a partire dal 2008 e al pool omogeneo di Asl (ovvero al pool di Asl che hanno partecipato continuativamente alla rilevazione).

Fumo passivo – pool di Asl 2009-12

 

 

%
(IC95%)

Divieto di fumare rispettato sempre o quasi sempre

 

nei locali pubblici

87,9

(87,7-88,1)

sul luogo di lavoro

89,7

(89,4-90,0)

Divieto assoluto di fumare nella propria abitazione

76,2

(75,9-76,5)

Divieto assoluto di fumare nella propria abitazione con minori in famiglia

83,7

(83,2-84,3)

 

Percezione del rispetto del divieto di fumo nei locali pubblici

Prevalenze per Regione di residenza - Passi 2009-12

Pool di Asl:87,9% (IC95%: 87,7%-88,1%)

 

 

Scarica la tabella dei dati per Regione (xls 20 Kb)

 

Trend della percezione del rispetto del divieto di fumo nei locali pubblici

Prevalenze mensili - Pool di Asl Passi - 2008-2012

 

Percezione del rispetto del divieto di fumo nei luoghi di lavoro

Prevalenze per Regione di residenza - Passi 2009-12

Pool di Asl:89,7% (IC95%: 89,4%-90,0%)

 

* In Lombardia non tutte le Asl hanno partecipato alla rilevazione.

 

Scarica la tabella dei dati per Regione (xls 20 Kb)

 

Trend della percezione del rispetto del divieto di fumo nei luoghi di lavoro

Prevalenze mensili - Pool di Asl Passi - 2008-2012

 

Divieto di fumo in casa

Prevalenze per Regione di residenza - Passi 2009-12

Pool di Asl: 76,2% (IC95%: 75,9%-76,5%)

 

* In Lombardia non tutte le Asl hanno partecipato alla rilevazione.

 

Scarica la tabella dei dati per Regione (xls 20 Kb)

 

Trend del divieto di fumo in casa

Prevalenze mensili - Pool di Asl Passi - 2008-2012

 

Stampa

Ultimo aggiornamento mercoledi 2 aprile 2014
Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute
Viale Regina Elena, 299 - 00161 Roma - Tel 0649901
© - Istituto Superiore di Sanità
EpiCentro è parzialmente sostenuto da risorse del CCM - Ministero della Salute

Istituto Superiore di Sanità
Cnesps