ISS
L'epidemiologia per la sanità pubblica
Istituto Superiore di Sanità
Epidemiologia per la sanità pubblica - ISS

Il test dell’HIV

Per sapere se si è stati contagiati dall’HIV è sufficiente sottoporsi al test specifico che si effettua attraverso un normale prelievo di sangue. Se si sono avuti comportamenti a rischio è bene effettuare il test dopo uno-tre mesi dall’ultima esposizione a rischio. Infatti, sapere di essere infetti con l’HIV consente di usufruire di un’assistenza medica precoce e di poter effettuare tempestivamente la terapia farmacologica che permette oggi di vivere meglio e più a lungo. Con le terapie attualmente disponibili, una persona HIV positiva ha un’aspettativa di vita analoga a quella di una persona HUV negativa.

 

La legge italiana (135 del giugno 1990) garantisce che il test HIV sia effettuato con il consenso della persona interessata. Il test non è obbligatorio, ma se si sono avuti comportamenti a rischio è opportuno effettuarlo. Per eseguire il test, nella maggior parte dei servizi sanitari non serve ricetta medica, è gratuito e anonimo. La legge prevede che il risultato del test venga comunicato esclusivamente alla persona che lo ha effettuato. Le persone straniere, anche se prive del permesso di soggiorno, possono effettuare il test alle stesse condizioni del cittadino italiano. È possibile effettuare a domicilio un test rapido HIV acquistandolo in farmacia. I test rapidi si possono effettuare anche in contesti non sanitari dove vengono di solito offerti gratuitamente (ad esempio nelle sedi di associazioni).

 

Secondo le Linee guida dello European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC), dovrebbero sottoporsi al test HIV alcuni gruppi di popolazione a maggior rischio, come coloro che hanno contatti sessuali non protetti, consumatori di sostanze d’abuso per via iniettiva, immigrati (soprattutto coloro che provengono da zone ad alta endemia), partner sessuali di persone appartenenti ai gruppi sopraelencati e i figli di madri sieropositive.

Data di ultimo aggiornamento: 30 gennaio 2020

Data di creazione della pagina: 20 ottobre 2011

Revisione a cura di: Barbara Suligoi, Vincenza Regine e Lucia Pugliese - Centro operativo AIDS – Dipartimento malattie infettive, ISS