Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura dell'Istituto superiore di sanità

alcol

Ultimi aggiornamenti

15/5/2019 - Alcohol Prevention Day 2019

In Italia il consumo rischioso e dannoso di alcol continua a connotarsi per un impatto sanitario e sociale sempre più preoccupante per milioni di persone di tutte le fasce di età e si manifesta attraverso un ricorso ai servizi e alle prestazioni sanitarie. Si stima che, nel 2017, la prevalenza degli astemi rispetto a dieci anni fa sia aumentata per entrambi i generi, ma nel corso degli ultimi anni i valori sono rimasti pressoché́ stabili e, nel 2017, la prevalenza è stata 18% tra gli uomini e 41% tra le donne. Parallelamente sono aumentati a 28,5 milioni i consumatori di vino, a 26 milioni coloro che bevono birra, a 19 milioni le persone che consumano aperitivi e a 15 milioni chi beve amari. Sono alcuni dei dati presentati il 15 maggio all’Iss durante l’edizione 2019 dell’Alcohol Prevention Day (Apd), giornata cardine del mese di prevenzione alcologica. L’evento è stato organizzato dall’Osservatorio nazionale alcol dell’Iss, Centro nazionale dipendenze e doping, Centro Oms per la ricerca sull’alcol, con il contributo del ministero della Salute e in collaborazione con la Società italiana di alcologia (Sia), l’Associazione italiana club alcologici territoriali (Aicat) ed Eurocare. Consulta le pagine dedicate.

 

7/2/2019 - Consumo di alcol e politiche di prevenzione: le schede informative di 30 Paesi europei

Facendo seguito a consultazioni con gli Stati membri e alla riunione di valutazione del Piano d’Azione europeo sull’alcol 2012-2020, l’Organizzazione mondiale della sanità ha pubblicato un report dedicato all’analisi dei principali dati e delle principali tendenze registrate in 30 nazioni dell’Unione europea, Norvegia e Svizzera per inquadrare lo stato dell’arte sui consumi alcolici, sui danni alla salute e sullo stato di attuazione delle politiche sino al 2016. La finalità è quella di avviare tra i decisori politici una riflessione aderente alle evidenze registrate attraverso un sistema di monitoraggio condiviso attuato anche in Italia dall’Osservatorio nazionale alcol (Ona) attraverso l’azione centrale Sistimal del ministero della Salute e il Sistema di monitoraggio alcol Sisma (DPCM 03/2017) che mira a fornire indicazioni per l'ulteriore definizione di obiettivi prioritari nel campo dell'alcol e della salute pubblica. Leggi il commento di Emanuele Scafato (Osservatorio Nazionale Alcol-Iss) e scarica il documento completo “Alcohol consumption, harm and policy response fact sheets for 30 European countries (2018)”.

 

trova dati

 

TOP