Apd 2006: la campagna di comunicazione

Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

alcol

Apd 2006: la campagna di comunicazione

Nonostante l’Italia possa definirsi un Paese moderato in termini di consumo di bevande alcoliche e con una radicata abitudine al consumo “mediterraneo” (ad accompagnamento dei pasti), da molti anni un numero sempre più alto di giovani adotta comportamenti che determinano un incremento dei rischi alcol-correlati, sociali e di salute, facilmente evitabili a fronte di una corretta informazione e responsabilizzazione.

 

È in particolare tra i 14-16enni, giovani al di sotto dell’età legale in Italia, che si annidano i comportamenti a maggior rischio, in quanto influenzati dalla relativa immaturità del sistema enzimatico deputato allo smaltimento dell’alcol (alcoldeidrogenasi). Un problema che vale ancor di più per le teenager, maggiormente vulnerabili per le note differenze di genere rispetto agli effetti dei consumi, sia pur moderati, di alcol.

 

Il ministero della Salute promuove ogni anno una serie di iniziative di comunicazione che, per il 2006, sono oggetto di un accordo di collaborazione con l’Istituto superiore di sanità e partono dalla sensibilizzazione sul problema alcol e guida: l’alcol è infatti responsabile della gran parte degli incidenti stradali, che provocano ogni anno il decesso evitabile di circa 2000 giovani.

 

I materiali predisposti costituiscono parte del materiale distribuito nel corso dell’Alcohol Prevention Day, insieme a quelli sviluppati dall’Istituto superiore di sanità.

 

Tra i materiali e i servizi prodotti:


TOP