ISS
L'epidemiologia per la sanità pubblica
Istituto Superiore di Sanità
Epidemiologia per la sanità pubblica - ISS

Archivio per anni

 

25 luglio 2019

Giornata mondiale contro l’epatite 2019

Come ogni anno, il 28 luglio ricorre il World Hepatitis Day: per l’occasione l’Oms ha preparato dieci messaggi per ricordare l’importanza degli investimenti sulla prevenzione e la cura delle epatiti, responsabili di 1,4 milioni di decessi ogni anno. In Italia, nel 2018, il Sistema epidemiologico integrato delle epatiti virali acute (Seieva), coordinato dall’Istituto superiore di sanità, ha ricevuto la segnalazione di 707 casi complessivi di epatite A, 212 nuovi casi di epatite B, 48 di epatite C e 49 casi di epatite E.

 

Morbillo e rosolia in Italia: i dati al 30 giugno

È online il nuovo numero di Morbillo & Rosolia News, curato dal Dipartimento malattie infettive dell'Istituto superiore di sanità. Dai dati emerge che in Italia, tra il 1 gennaio e il 30 giugno 2019, sono stati riportati 1334 casi di morbillo, di cui 214 nel solo mese di giugno, con un’età mediana di 30 anni. Tranne la Basilicata, tutte le Regioni, con il Lazio in testa, hanno segnalato casi di morbillo; l’87% dei casi non era vaccinato al momento del contagio e il 31% ha manifestato complicanze. Sono stati segnalati 80 casi tra operatori sanitari e 36 tra operatori scolastici. Nel periodo preso in esame sono stati registrati 16 casi di rosolia da 9 Regioni, con un’età mediana pari a 27 anni.

 

Vaccinazione antinfluenzale e operatori sanitari

Un nuovo manuale Oms si propone di aiutare a stabilire una politica nazionale per la vaccinazione antinfluenzale degli operatori sanitari. Il documento fornisce una guida e gli strumenti disponibili per facilitare lo sviluppo delle politiche nazionali, la pianificazione, l’attuazione, il monitoraggio e la valutazione della vaccinazione antinfluenzale degli operatori sanitari.

 

Coperture vaccinali tra bambini e adolescenti: i dati 2018

In Italia, nel 2018 si registra un trend di crescita nelle coperture vaccinali (CV) di bambini e adolescenti rispetto all’anno precedente. Lo riferisce il ministero della Salute che il 22 luglio scorso ha pubblicato i dati 2018 che verranno poi confrontati con quelli raccolti tramite l’Anagrafe nazionale vaccini, attiva da aprile 2019.