ISS
L'epidemiologia per la sanità pubblica
Istituto Superiore di Sanità
Epidemiologia per la sanità pubblica - ISS

Gioco d’azzardo e COVID-19

In questo momento di restrizioni e isolamento sociale dovuti alla pandemia in corso, la possibilità di giocare d’azzardo è stata limitata alle sole lotterie istantanee “Gratta&Vinci” e al gioco d’azzardo on line.

 

La necessità di evitare la diffusione del contagio, attraverso la limitazione degli spostamenti e il distanziamento sociale all’interno dei locali di rivendita aperti, ha portato:

  • al DPCM. 8 marzo 2020 (poi integrato dal DPCM 9 marzo 2020) che ha previsto la sospensione sull’intero territorio nazionale delle attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo
  • alle Direttive del Direttore dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (Direttive: n. 89326 del 12 marzo 2020; n. 96788 del 21 marzo 2020;  n. 102340 del 30 marzo 2020)  con cui ha bloccato le slot machines e disattivato i monitor e i televisori che trasmettono estrazioni ed eventi sui quali è possibile scommettere («10&Lotto», «Winforlife», eventi sportivi, non sportivi e virtuali) e con cui ha successivamente sospeso tutta la raccolta del gioco presso le tabaccherie e gli esercizi per i quali non vige obbligo di chiusura nonché delle scommesse su eventi sportivi e non sportivi, ivi compresi quelli simulati. È rimasta consentita solo la vendita delle lotterie istantanee “Gratta&Vinci” e, naturalmente, il gioco d’azzardo on line.

Questo è un momento storico molto delicato e importante per tutti coloro che, consapevolmente o inconsapevolmente, hanno un rapporto problematico con il gioco d’azzardo, o comunque a rischio di problematicità. Tanto più va considerata la difficoltà di coloro che erano in cura presso i servizi per “disturbo da gioco d’azzardo”, una forma di dipendenza comportamentale, complessa e multidimensionale, inserita nel “Diagnostic and Statistical Manual of mental disorders 5th edition (DSM-5)” nella categoria delle dipendenze (Substance-Related and Addictive Disorders).

 

Tante famiglie e tante persone si trovano, dunque, a dover affrontare problemi legati alla dipendenza dal gioco d’azzardo - che sempre più si caratterizza come un problema di salute pubblica - da soli o a distanza e, allo stesso tempo, possono venire alla luce problematiche che prima non si vedevano. La copresenza forzata 24 ore su 24 con un familiare o un convivente può rendere evidente un comportamento di gioco compulsivo; l’impossibilità di giocare d’azzardo per una persona con un disturbo specifico può causare un aumento del livello di stress, inquietudine, aggressività, disturbi del sonno al punto tale da inasprire le relazioni di convivenza.

 

Il pensiero ossessivo del gioco inoltre, già costante della vita quotidiana, può intensificarsi in una situazione di costrizione fino a generare un disagio significativo nel vivere quotidiano.  Questo momento allora può diventare occasione per prendere consapevolezza di avere un problema legato al gioco d’azzardo, ripensare a nuove modalità relazionali più funzionali, e per cercare un cambiamento ‘di salute’, personale e/o familiare.

 

Per il giocatore può essere un’occasione per mettersi finalmente e diversamente in gioco, un tempo per cercare un aiuto specialistico al fine di non sentirsi impotente e solo. In questo senso può risultare prezioso l’aiuto di professionisti che possono assistere il giocatore nell’affrontare le diverse problematicità che ruotano attorno al gioco d’azzardo (dalle difficoltà comportamentali e relazionali fino a quelle più prettamente economiche e legali).

 

Il servizio offerto dal Telefono Verde ISS

Gli esperti del Telefono Verde Nazionale per le problematiche legate al Gioco d’Azzardo (TVNGA) - 800 558822 dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) continuano, soprattutto in questo momento di cambiamento generale ad accogliere quanti (tra giocatori d’azzardo e loro familiari) avvertono il bisogno di un aiuto, un sostegno, e quanti obbligati dalla chiusura, acquisiscono una maggiore consapevolezza della loro problematicità e si vedono costretti a confrontarsi diversamente con i problemi legati al gioco d’azzardo.

 

Il TVNGA è un servizio anonimo e gratuito, attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 16.00. È uno spazio di ascolto e accoglienza, in cui personale specializzato offre informazioni personalizzate e favorisce l’attivazione e la riorganizzazione delle potenzialità degli utenti. Attraverso un colloquio specialistico gli esperti favoriscono l’individuazione del problema reale e delle risorse utili per affrontarlo, supportano la persona nei momenti di crisi, facilitano l’attuazione di cambiamenti comportamentali e sostengono l’utente nel percorso di cambiamento.

 

Il TVNGA, inoltre, fornisce indicazioni sui servizi che si occupano delle problematiche socio-economiche e/o legali legate all’indebitamento (come consulte antiusura, associazioni di consumatori, ecc). Attraverso il TVNGA è possibile conoscere le strutture sul territorio che propongono percorsi per il trattamento del disturbo del gioco d’azzardo (Servizi pubblici e del privato sociale) e i Gruppi di auto-mutuo aiuto in cui giocatori e familiari possono confrontarsi con altre persone che vivono la stessa situazione. In questo momento di restrizione queste strutture continuano comunque a garantire ascolto e sostegno, attraverso supporti telefonici e telematici.

 

Il Servizio di counselling telefonico si rivolge anche agli operatori socio-sanitari al fine di agevolare lo sviluppo di una rete sempre più fitta sul territorio e favorirne la visibilità e fruibilità. Supporta anche gli operatori di gioco per aiutarli a individuare e affrontare situazioni di particolare problematicità socio-sanitaria nella loro pratica lavorativa.

 

In questo periodo di emergenza sanitaria e restrizioni stanno giungendo al servizio principalmente richieste di aiuto da parte di giocatori che, alla fragilità relativa alla loro condizione, associano l’insofferenza per l’impossibilità di andare a giocare; in altre situazioni, il giocatore chiama proprio mentre sta vivendo l’impulso di giocare, e non potendolo fare, chiede aiuto per superarlo. A queste si aggiungono telefonate di giocatori che, già devastati dall’indebitamento, associano l’attuale timore di ulteriori problemi economici causati dalla restrizione. Tutte le telefonate sono accumunate dalla difficoltà di questi giocatori di parlarne in famiglia, proprio in un momento in cui è particolarmente difficile sottrarsi dal confronto con i propri cari. Per questi motivi, il contatto con il TVNGA è vissuto come occasione per poter finalmente raccontare una condizione di malessere che il giocatore ha spesso nascosto, taciuto, negato e che attualmente sembra più difficile da gestire. In questi casi la richiesta riguarda spesso suggerimenti su come parlare ai propri congiunti per richiedere il loro supporto emotivo e pratico. Per altri, i giocatori con un livello di problematicità più lieve, non poter giocare è diventata opportunità per riflettere e prendere consapevolezza su come essi stessi vivono il gioco e chiedere un aiuto tempestivo.

 

Non mancano telefonate dei familiari che si ritrovano in casa una persona difficile da gestire o che è presente fisicamente, ma è sempre più isolata e assorbita dal gioco on line, scelto da molti giocatori come alternativa a quello nei luoghi di gioco. Questi sono i casi in cui la copresenza forzata con un familiare che già prima della quarantena sembrava sfuggente, rende più chiara la situazione di difficoltà con il gioco d’azzardo che il congiunto cercava di nascondere. Quindi, la ricerca di aiuto e ascolto specialistico tramite telefono, laddove la conflittualità e l’aggressività in famiglia possono prendere il posto del confronto, diventa un momento per trovare conforto, ripensare a nuove modalità per parlarne con il giocatore ed entrare in relazione con lui, acquisire consigli pratici per la gestione dei soldi nella quotidianità e individuare risorse territoriali a disposizione.

 

Grazie a questo servizio, giocatori e familiari possono uscire da una condizione di solitudine, sperimentare la fiducia nelle risorse proprie e del territorio e soprattutto avere consapevolezza di non essere soli nell’intraprendere un percorso di cambiamento.

 

Risorse utili

 

Data di creazione della pagina: 23 aprile 2020

Autore: Roberta Pacifici - Centro nazionale dipendenze e doping, ISS