ISS
L'epidemiologia per la sanità pubblica
Istituto Superiore di Sanità
Epidemiologia per la sanità pubblica - ISS

Ultimi aggiornamenti

18/11/2020 - “Di che stile (di vita) sei?”: scopri le occasioni per favorire il tuo benessere

“Di che stile (di vita) sei?” è un opuscolo rivolto alla popolazione adulta che, con una grafica creativa, toni e immagini divertenti e un linguaggio non colpevolizzante, descrive gli stili di vita salutari, propone un quiz che attira l’attenzione del lettore, e suggerisce come introdurre nella quotidianità comportamenti a favore della salute. Per approfondire leggi il commento dei ricercatori ISS e consulta l’opuscolo.

 

4/6/2020 - Giornata mondiale contro il tabacco: alcune iniziative

In occasione del World No Tobacco Day 2020 che si è svolto lo scorso 31 maggio, la Società Italiana di Tabaccologia (SITAB) ha diffuso un video, realizzato insieme a Campaign for Tobacco-Free Kids (CTFK), organizzazione statunitense per la protezione dei ragazzi dal tabacco, in cui spiega come Big Tobacco riesca a convincere i ragazzi ad utilizzare un prodotto che uccide il 50% dei suoi consumatori. Guarda il video e leggi il comunicato stampa SITAB. Inoltre a livello locale, l’Osservatorio per la salute del Dipartimento salute e politiche sociali della Provincia di Trento ha preparato una scheda informativa con i dati sulla diffusione dell'abitudine al fumo in Trentino. Le fonti dei dati sono l'indagine HBSC (sui giovani ) e i sistemi di sorveglianza PASSI (sulla popolazione adulta) e Passi d'Argento (sugli anziani). Scarica la scheda informativa (pdf 2,2 Mb) e visita il sito Trentinosalute.

 

29/5/2020 - World No Tobacco Day 2020

Sfatare i miti e smascherare le strategie di manipolazione mirate ai giovani impiegate dalle industrie del tabacco; fornire ai giovani gli strumenti per comprendere queste strategie; ingaggiare gli influencer (nell’ambito della cultura pop, dei social media, in casa o in classe) per proteggere e difendere i giovani e catalizzare il cambiamento impegnandoli direttamente nella lotta contro l’industria del tabacco. Sono questi gli obiettivi della campagna globale lanciata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per l’edizione 2020 della Giornata mondiale contro il fumo (31 maggio). Secondo i dati OMS, il tabacco uccide più di 8 milioni di persone ogni anno. Di questi decessi, più di 7 milioni derivano da un consumo diretto del tabacco, mentre circa 1,2 milioni sono il risultato dell'esposizione al fumo passivo dei non fumatori. L’OMS sottolinea anche che, nei luoghi pubblici, quasi la metà dei bambini respira regolarmente aria inquinata dal fumo di tabacco. In occasione del World No Tobacco Day 2020, l’Istituto Superiore di Sanità (ISS) ha pubblicato i risultati di un’indagine svolta nel mese di aprile 2020 con l’obiettivo di cogliere gli effetti del lockdown collegato all’epidemia da COVID-19 sulle abitudini al fumo degli italiani. Dalla survey, effettuata mediante la compilazione anonima di un questionario online, emerge che le persone che non sono riuscite a smettere di fumare hanno aumentato il numero giornaliero di sigarette. Inoltre, sono diminuiti i fumatori di sigarette tradizionali ma sono aumentati i consumatori di tabacco riscaldato e sigaretta elettronica. L’ISS ha realizzato inoltre un video emozionale che descrive gli effetti del fumo di sigaretta sulla salute: un invito a smettere con l’aiuto anche del Telefono Verde dell'ISS  800 554088. Per approfondire consulta: le pagine del sito OMS dedicate alla campagna internazionale, il Comunicato Stampa sul sito ISS con i risultati dell’indagine ISS, il video emozionale “Smetti di fumare, proteggi la tua salute”.

 

15/4/2020 - Tabagismo e COVID-19

Un prodotto di auto aiuto pensato per supportare i fumatori che vogliano intraprendere autonomamente un tentativo di cessazione. Con la segnalazione della brochure ”Senza fumo negli occhi”, prodotta dal Centro nazionale dipendenze e doping dell’ISS, continua l’aggiornamento della sezione dedicata al tabagismo ai tempi del coronavirus. Il documento, infatti, consente di valutare il livello di dipendenza da nicotina, fornisce primi spunti di riflessione sulla propria motivazione a smettere di fumare e offre consigli utili per avviare il processo di cambiamento. La brochure Questa brochure è anche un ausilio integrativo per coloro che preferissero o avessero bisogno di una consulenza diretta e personalizzata da parte di operatori sanitari specializzati. Consulta la nuova pagina dedicata alle risorse di supporto alla cessazione dell’abitudine al fumo.

 

3/4/2020 - Dipendenze e COVID-19

Le dipendenze da sostanze come il tabacco, l’alcol e le droghe ma anche le dipendenze comportamentali (gioco d’azzardo, cibo, internet e nuove tecnologie, doping) sono importanti fattori di rischio per la salute pubblica e lo diventano ancora di più in una situazione particolare come quella correlata alla pandemia da COVID-19 che prevede un periodo di grandi chiusure e di forzata permanenza a casa. L’ISS apre dunque una sezione dedicata alle dipendenze, e in particolare al fumo, nel contesto COVID-19 per aiutare operatori e cittadini a far fronte all’emergenza con materiale di supporto e approfondimenti sul tema.

 

20/2/2020 - Fumo: un flash mob per promuovere il numero verde ISS

Sensibilizzare gli studenti sui danni del fumo sulle persone e sull’ambiente e promuovere il Numero Verde contro il fumo dell’ISS 800-554088 come strumento di supporto per superare la dipendenza. È questo l’obiettivo del video dal titolo Stop what you’re doing del “Coro che non c’è”, organizzato dal Centro nazionale Dipendenze e Doping dell’Istituto Superiore di Sanità nell’ottica di una comunicazione “smart” e “giovane per i giovani”. La canzone Stop what you’re doing, composta da Gabriele D’Angelo e Massimo Fava, invita alla presa di coscienza e al cambiamento, individuale e collettivo e girato e ambientato presso il Liceo Cavour di Roma ha visto la partecipazione di 100 studenti romani. Per maggiori informazioni leggi il Primo Piano sul sito ISS e guarda il video su YouTube.

 

9/1/2020 - La Legge Sirchia compie 15 anni

Il 10 gennaio del 2005, in Italia, entrava in vigore la cosiddetta Legge Sirchia (Legge 3/2003) che, a tutela dei non fumatori, proibiva il fumo in tutti i locali pubblici. Ma cosa è cambiato in questi 15 anni nel nostro Paese con la legge Sirchia? Che impatto ha avuto sul mercato e sul consumo delle sigarette? E sulla consapevolezza dei consumatori? Per approfondire consulta il Primo Piano dedicato sul sito ISS, lo speciale a cura di tobaccoendgame e la Legge 3/2003.