Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura dell'Istituto superiore di sanità

Tubercolosi

Aspetti epidemiologici: la tubercolosi multi-resistente (Mdr) ed estremamente resistente (Xdr)

La resistenza ai farmaci antitubercolari è un problema globale e i dati di sorveglianza indicano che la sua prevalenza è elevata in vari Paesi, inclusi molti Paesi ad alta incidenza di Tb nella Regione europea dell’Oms.

 

In Italia

Secondo i dati riportati nel rapporto Ecdc-Oms “Tuberculosis surveillance and monitoring in Europe 2019”, pubblicato a marzo 2019, in Italia, nel 2017, la percentuale di casi di tubercolosi multiresistente (Mdr-Tb) è stata pari al 2,5% (casi notificati per cui sono disponibili i risultati dei test di suscettibilità). Tra i 56 casi Mdr-Tb, 5 (8,9%) sono risultati estremamente resistenti (Xdr-Tb). Non sono disponibili dati sull’esito del trattamento dei casi Mdr e Xdr.

 

Nella Regione europea dell’Oms

Secondo il documento congiunto Ecdc e Oms Europa “Tuberculosis surveillance and monitoring in Europe 2019”, 9 dei 30 Paesi del mondo con il burden più elevato di Mdr-Tb si trovano nella Regione europea (Azerbaijan, Bielorussia, Kazakistan, Kirgikistan, Moldavia, Russia, Tajikistan, Ucraina e Uzbekistan). Si stima che nella Regione circa 110 mila persone l’anno si ammaleranno di Rr/Mdr-Tb, per questo motivo è di massima importanza che i Paesi siano in grado di rilevare tempestivamente le forme resistenti di Tb.

 

La proporzione di casi Mdr tra gli 80.329 nuovi casi di tubercolosi polmonare testati nella Regione europea per la sensibilità ai farmaci di prima linea è stata del 18,1% (in aumento rispetto al 17,6% del 2016). Sedici Paesi della Regione non hanno notificato nuovi casi di Mdr-Tb (o meno dell’1%) mentre in 8 Paesi il 20% dei casi di Tb risulta essere multiresistente.

 

Nei Paesi Ue/See

Nei Paesi Ue/See, l’84,7% (27.339 casi) dei 32.266 casi confermati di Tb sono stati testati per la sensibilità ai farmaci di prima linea. La Mdr-Tb è stata segnalata nel 3,8% (N= 1041 casi) dei casi complessivi testati, e nel 20,4- 39,4% dei casi testati in Estonia, Grecia, Latvia e Lituania.

 

Nel 2017, la Xdr-Tb è stata rilevata in 187 (24,3%) dei 770 casi di Mdr testati per sensibilità ai farmaci di secondo livello.

 

Nel mondo

Il “Global tuberculosis report 2018” stima che nel 2017, 558 mila casi di Tb nel mondo fossero resistenti alla rifampicina (RR-Tb) e di questi l’82% fossero casi di Mdr-Tb. Nel 2017 sono inoltre stati notificati 10.800 casi di Xdr-Tb.

 

Quasi la metà dei nuovi casi di RR-Tb si sono verificati in 3 Paesi (India, Cina e Federazione Russa).

 

Nel 2017, solo 139.114 dei 160.684 casi totali notificati di Mdr-Rr-Tb hanno iniziato la terapia, valore in aumento rispetto a quello del 2016, ma ancora basso se rapportato ai 558 mila casi stimati di Mdr-Tb stimati per il 2017. Il divario tra numero stimato di casi di Mdr/RR-Tb e numero di pazienti che hanno iniziato la terapia per Mdr-Tb è maggiore nei seguenti Paesi (in ordine di grandezza del divario): India, Cina, Federazione Russa, Pakistan, Nigeria, Filippine, Indonesia, Ucraina, Myanmar e Mozambico.

 

Nel 2016, l’Oms ha pubblicato nuove raccomandazioni per le forme resistenti di Mdr-Tb che prevede un regime di durata più breve (9-12 mesi vs circa 2 anni) e meno costoso in caso di sensibilità ai trattamenti di seconda linea e un test diagnostico rapido per identificare questo sottogruppo di pazienti. Queste indicazioni sono state recepite da più di 35 Paesi in Africa e Asia.

 

I pazienti con Xdr-Tb non sono candidati a questi trattamenti, bensì a un regime con uno dei due nuovi farmaci (bedaquilina e delamanid). Nel 2017, 68 Paesi avevano introdotto la bedaquilina e 42 il delamanid).

 

Per quanto riguarda la Xdr-Tb, 127 Stati membri hanno notificato casi entro la fine del 2017. Di questi, 113 Paesi e 5 Territori hanno riportato dati rilevati attraverso una sorveglianza continua oppure da indagini ad hoc. Tali dati mostrano che in media, il 8,5% delle persone con Mdr-Tb siano affette da Tb estremamente resistente (Xdr-Tb), in aumento rispetto al 2016 (6,2%).

 

Risorse utili

Data di ultima revisione della pagina: 5 aprile 2019

Data di creazione della pagina: 22 marzo 2018

Revisione a cura di: Antonietta Filia, Iss

TOP