ISS
L'epidemiologia per la sanità pubblica
Istituto Superiore di Sanità
Epidemiologia per la sanità pubblica - ISS

Archivio per anni

 

24 ottobre 2019

Qualità dell’aria in Europa nel 2016

Nei 41 Paesi dell’area europea, l’European Enviromental Agency ha stimato che l’inquinamento atmosferico sia responsabile di circa 400 mila morti premature all’anno, rappresentando il maggiore fattore di rischio per la salute dei cittadini in Europa. Sebbene i dati fotografino ancora un quadro fortemente preoccupante per l’impatto sulla salute, la situazione dal punto di vista dell’inquinamento sta migliorando. Lo riferisce il rapporto annuale “Air quality in Europe”, pubblicato a ottobre 2019 dalla EEA. Il commento di Maria Eleonora Soggiu e Gaetano Settimo (ISS).

 

OCSE: l’impatto dell’eccesso ponderale sui bilanci nazionali

Oggi più della metà della popolazione di 34 Paesi sui 36 dell’OCSE è in sovrappeso e quasi 1 persona su 4 è obesa. Una condizione che, secondo le stime, nei prossimi 30 anni riguarderà 92 milioni di cittadini e che ridurrà la speranza di vita di 3 anni entro il 2050. È quanto emerge dal rapporto OCSE “The Heavy Burden of Obesity. The Economics of Prevention”. La riflessione di Angela Spinelli e Paola Nardone (ISS) con il focus dedicato alla situazione italiana dove il sovrappeso rappresenta il 9% della spesa sanitaria e riduce il PIL del 2,8%.

 

Stagione influenzale 2019-2020

È iniziata, in tutta Europa, la campagna di vaccinazione antinfluenzale stagionale, che mira ad aumentare la copertura vaccinale contro l’influenza stagionale nelle persone a rischio. Parallelamente, in Italia, il 14 ottobre è cominciata la sorveglianza nazionale InfluNet, coordinata dall’ISS, che terminerà nella 17esima settimana del 2020, salvo ulteriori comunicazioni legate alla situazione epidemiologica nazionale. Per approfondire leggi la pagina dedicata alla stagione influenzale 2019/20.

 

Lavorare all’Ecdc

C’è tempo sino al 2 dicembre prossimo per candidarsi come seconded national expert all’Ecdc.

 

Arbovirosi in Italia: i dati al 30 settembre

Dal 1 gennaio al 30 settembre 2019 il sistema di sorveglianza nazionale integrata delle arbovirosi ha ricevuto la segnalazione di 20 casi confermati di encefalite virale da zecche (Tbe), 53 casi confermati di infezione neuro-invasiva da Toscana virus, 152 casi confermati di Dengue, 15 casi confermati di Chikungunya e 4 casi confermati di infezione da virus Zika. Per i dettagli consulta la pagina dedicata ai bollettini periodici sulle arbovirosi.

 

Nel numero di settembre del BEN

Gonorrea, tra rischi e prevenzione

La gonorrea è una delle Infezioni sessualmente trasmesse (IST) più comuni. Causata dal batterio Neisseria gonorrhoeae, si stima che più del 50% delle donne e circa il 20% degli uomini infetti siano asintomatici e, se non trattata, può progredire causando serie complicanze. Leggi le informazioni generali sulla gonorrea, completamente riviste.