English - Home page

ISS
L'epidemiologia per la sanità pubblica
Istituto Superiore di Sanità
Epidemiologia per la sanità pubblica - ISS

Settimana nazionale della donazione di sangue e World Blood Donor Day 2018

Continua a calare nel 2017 il numero dei donatori di sangue in Italia. Lo scorso anno sono stati poco più di un milione e 680 mila, 304 mila dei quali nuovi, ma complessivamente in calo di 8 mila unità rispetto al 2016. Coerentemente, nel 2017 sono state effettuate oltre 3 milioni di donazioni, 30 mila in meno rispetto all’anno precedente. Sono questi alcuni dei dati presentati dal Centro nazionale sangue (Cns) in occasione della Settimana nazionale della donazione di sangue (11-17 giugno 2018) e del World Blood Donor Day, che l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) celebra il prossimo 14 giugno.

 

I numeri

Il calo dei donatori di sangue è un fenomeno che continua dal 2012, anno di massima adesione con oltre un milione e 700 mila donatori registrati. Per quanto riguarda il profilo dei donatori, il 31% dei donatori è donna, e la fasce di età in cui sono più numerosi sono quelle dei 46-55 anni e dei 36-45 anni, che raccolgono rispettivamente il 29% e il 26% del totale. I giovanissimi, età tra i 18 e i 25 anni, rappresentano il 13% dei donatori.

 

Sono peraltro aumentate dell’1,8% le donazioni in aferesi, attraverso le quali è stato possibile raccogliere quasi 830 mila chili di plasma, indispensabile per la produzione di una serie di farmaci salvavita. Grazie al sistema sangue italiano, che si basa totalmente sulla donazione volontaria e non remunerata, sono state effettuate oltre 630 mila trasfusioni, per interventi chirurgici o terapie di malattie come la talassemia. Le trasfusioni di globuli rossi sono in leggero calo grazie anche alle tecniche di patient blood management, la strategia multimodale e multidisciplinare promossa da Cns e ministero della Salute in linea con le raccomandazioni dell’Oms volta a predisporre "metodi e strumenti innovativi e più efficaci per garantire l’appropriatezza della gestione, organizzativa e clinica, della risorsa sangue" e migliorare i risultati in termini di salute per i cittadini.

 

La campagna

In vista del World Blood Donor Day, il Cns e il Coordinamento delle associazioni e federazioni dei donatori di sangue (Civis) che riunisce Associazione volontari italiani del sangue (Avis), Federazione italiana associazioni donatori di sangue (Fidas), Fratres e Croce Rossa, hanno realizzato una campagna di sensibilizzazione sul tema della donazione rivolta in modo particolare ai giovani, che si richiama all’invito dell’Oms “Be there for someone else” (“Esserci per qualcun altro”). La pagina web del sito Cns appositamente predisposta ospita materiali multimediali di testimonianza raccolti di pazienti, donatori e testimonial del mondo dello spettacolo e dello sport. Il 15 giugno è prevista una conferenza internazionale sulla donazione di plasma organizzata in collaborazione con la Federazione internazionale dei donatori di sangue (Fiods).

 

Per fronteggiare le carenze

Per sostenere le Regioni a far fronte alle carenze periodiche che si verificano nei mesi estivi e in quelli di picco dell’influenza il ministero della Salute ha inserito per la prima volta i donatori di sangue tra le categorie per cui è possibile offrire gratuitamente il vaccino antinfluenzale, e una raccomandazione del Cns dà la possibilità a tutte le Regioni di non sospendere i donatori che provengono da aree dove è presente il virus West Nile ma di fare loro il test per scoprirne l’eventuale presenza.

 

Risorse utili

 

Data di creazione della pagina: 14 giugno 2018