Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura dell'Istituto superiore di sanità

attività fisica

Ultimi aggiornamenti

5/12/2019 - Attività fisica e sedentarietà nell’adolescenza

Nel mondo, più dell’80% degli adolescenti di età compresa tra gli 11 e i 17 anni non raggiunge i livelli di attività fisica raccomandati dall’OMS per uno stile di vita sano. Un problema che risulta essere particolarmente pronunciato per le ragazze. A rivelarlo uno studio condotto dai ricercatori OMS e pubblicato su The Lancet Child & Adolescent Health, un’indagine che restituisce per la prima volta un trend mondiale relativo all’attività fisica degli adolescenti. Leggi l’approfondimento.

 

31/10/2019 - PiccoliPiù in Forma

Promuovere una sana alimentazione e uno stile di vita attivo nei bambini di 4-5 anni attraverso percorsi semplici, costruiti e validati da un gruppo di pediatri e da esperti in nutrizione e attività motoria, per chiunque si occupi dei bambini in questa fascia di età: è l’obiettivo del sito web PiccoliPiù in Forma. Leggi il commento di Antonia Stazi (Iss) sul sito e la genesi del progetto.

 

26/9/2019 - European School Sport Day 2019

Promuovere l’educazione fisica e lo sport nelle scuole; offrire ai giovani occasioni di svago e momenti di divertimento attraverso l’attività fisica; sensibilizzare sui temi della salute e del benessere nell’ottica dell’apprendimento permanente; favorire l’integrazione e aumentare le competenze sociali degli studenti; instaurare legami con altri Paesi europei. Sono questi i 5 motivi per aderire alla Giornata scolastica sportiva europea (European School Sport Day, Essd), prevista per il 27 settembre e promossa dalla Commissione europea nel quadro del programma Erasmus+. L’idea di fondo dell'iniziativa, partita dall’Ungheria e arrivata alla quinta edizione, è che i Paesi coinvolgano i bambini in attività sportive e ludiche all’insegna del movimento e che dedichino una giornata intera alla promozione dello sport in Europa. Per approfondire consulta il sito web dedicato.

 

12/9/2019 - Settimana europea della mobilità 2019

La Settimana europea della mobilità (European Mobility Week), che avrà luogo dal 16 al 22 settembre prossimi, rappresenta un'occasione preziosa per approfondire il tema cruciale della mobilità connessa alla sostenibilità ambientale. Tema dell’edizione 2019 è “Safe Walking Cycling – Walk with us!” (Sicuri nel camminare e nell’andare in bicicletta - Camminiamo insieme). L’iniziativa prevede un’opera di sensibilizzazione a effettuare gli spostamenti quotidiani a piedi, in bicicletta, con i servizi pubblici, con l'auto condivisa o con i mezzi elettrici. Uno stile di vita alternativo che porta con sé anche vantaggi indiscutibili per la salute, l’ambiente e il portafoglio. Le modalità di trasporto attivo preservano dall'inquinamento l'aria che respiriamo e aiutano a mantenere più sano il nostro corpo. Le città che promuovono le aree pedonali e le piste ciclabili consentono una migliore qualità della vita. Per approfondire consulta il sito dedicato.

 

2/5/2019 - Bambini sotto i 5 anni: cosa è meglio fare o evitare

Aumentare l’attività fisica, ridurre la sedentarietà e assicurare una buona qualità del sonno nei bambini piccoli, ma anche in quelli più grandi, ha degli effetti sulla loro salute fisica e mentale, aiuta a prevenire l’obesità e le malattie associate che si sviluppano con il passare degli anni ed è in grado di migliorare anche la performance scolastica. Per questo motivo i bambini sotto i 5 anni di età devono passare più tempo in movimento, meno seduti e dormire sonni tranquilli: sono le indicazioni principali delle nuove linee guida su attività fisica, comportamento sedentario e sonno pubblicate dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Per approfondire leggi il commento a cura dei ricercatori Iss.

 

5/4/2019 - Promozione dell’attività fisica: le Linee di indirizzo nazionali

«Fornire elementi di policy di sistema e di indirizzo sulle azioni necessarie per incentivare l’attività fisica, puntando all’equità, al superamento delle diseguaglianze e all’inclusione dei soggetti vulnerabili»: è questo l’obiettivo principale delle “Linee di indirizzo sull’attività fisica per le differenti fasce d’età e con riferimento a situazioni fisiologiche e fisiopatologiche e a sottogruppi specifici di popolazione”, diffuse dal ministero della Salute a marzo 2019. La pubblicazione di questo documento cade tra l’altro a ridosso dell’edizione 2019 della Giornata mondiale dell’attività fisica (6 aprile), promossa dalla Rete Agita Mundo, il cui slogan è “Active life! Longer life!” (Una vita attiva! Una vita più lunga!). Leggi la riflessione di Barbara De Mei - Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute, Iss.

 

TOP